Quantcast

Le Rubriche di RavennaNotizie - L'opinione

Maurizio Marangolo: aprire o non aprire? Questo è il dilemma! Non è ancora tempo di aperture indiscriminate

Più informazioni su

Aprire o non aprire. Questo è il problema Il quesito è certamente amletico, ma la risposta deve assolutamente essere razionale e tenere in grande considerazione ciò che i dati epidemiologici e quelli clinici e scientifici ci propongono. Incominciamo da quelli epidemiologici. Nel grafico qui sotto riprodotto ho riportato i casi positivi al corona virus presi in carico dal Servizio Sanitario Nazionale a partire dal 2 marzo 2020 al 7 aprile 2021 in Emilia-Romagna, standardizzati per il numero di abitanti della Regione e quindi espressi per 100.000 abitanti.

Si identificano chiaramente le tre ondate: la prima nei mesi di marzo-aprile 2020, la seconda a partire dalla fine ottobre 2020 e la terza caratterizzata dalla ripresa del marzo 2021. Quello che salta agli occhi è l’enorme differenza fra il picco della prima ondata, che superò di poco i 200 casi per 100.000 abitanti (per l’esattezza 225), dal secondo e dal terzo i cui picchi sono stati rispettivamente 1.539 e 1.626; rispettivamente 6,24 e 7,22 volte.

Tabella

Che impatto hanno avuto questi dati sull’impiego delle strutture ospedaliere intese come terapie intensive e Reparti Covid? Dalla figura sotto riportata vediamo i numeri, sempre relativi alla popolazione dell’Emilia-Romagna, della somma dei ricoveri.

Tabella

È evidente che il primo impatto fu drammatico, nel volger di poco tempo si raggiunse il picco di 97 ricoveri per 100.000 abitanti. Il Sistema Sanitario era assolutamente impreparato, grazie anche ai tagli indiscriminati che tutte le amministrazioni nei decenni precedenti avevano apportato. Ma anche la seconda e la terza ondata hanno messo a dura prova gli ospedali, con tassi di ricovero che hanno registrato picchi di 70 e di 92 per 100.000 abitanti. Da notare ad onor del vero che a fronte di un aumento dell’incidenza nella seconda e terza ondata, pari a 6 – 7 volte rispetto alla prima, il numero di ricoveri non è aumentato parallelamente, ma questo grazie all’impiego molto più intenso dell’assistenza a domicilio.

Non trascuriamo l’ultimo ma non per questo meno importante argomento, quello più doloroso, quello dei morti per corona virus. Qui viene riprodotta la curva cumulativa dei decessi in tutto questo lunghissimo periodo. Abbiamo raggiunto i 270 morti per 100.000 abitanti e la curva non tende ancora ad appianarsi.

Tabella

A questo punto è doveroso fare una serie di considerazioni che riguardano la biologia del virus e le politiche per contrastarlo. Il virus è una semplice molecola di RNA che ha come suo unico scopo quello di replicarsi. Per far questo deve infettare quanti più organismi possibile; se non ci riesce è destinato a sparire. Quindi, in carenza di strumenti validi per contrastarlo, e i vaccini sono quelli più efficaci, non si può far altro che impedire il contagio. Approfittando anche del fatto che questo virus si trasmette per via aerea e per contaminazione diretta attraverso le mucose. Quindi qualsiasi provvedimento che ostacoli queste vie di ingresso è in grado di ridurne la trasmissione; quindi distanziamento sociale, utilizzo dei presidi di protezione individuale, igiene.

Se guardiamo attentamente i grafici notiamo che l’unico periodo in cui il virus sembra aver dato tregua è quello che segue al primo vero ed unico confinamento, quello che si interruppe il 4 maggio 2020. Dopo quella data sia il numero di pazienti positivi presi in carico, che quelli ricoverati ed infine anche i decessi si interruppero. E qui ci fu il grande errore commesso. Si pensò che dopo il sacrificio egregiamente sopportato dagli italiani il pericolo fosse finito e con l’estate fu un ‘liberi tutti’. Il virus ringrazia! Il secondo grande errore, dipendente dalla falsa sicurezza che tutto fosse finito, fu la persa occasione di iniziare un vero ed efficace tracciamento in grado, visti i bassi numeri, di identificare precocemente i focolai residui ed isolarli.

Con la ripresa della pandemia in ottobre 2020 si è introdotta l’Italia a colori che, diciamolo pure, ha un’efficacia assai limitata forse ed al massimo riesce a contenere un po’ la diffusione, ma, ad essere onesti, l’atteggiamento di tutta la popolazione, nessuno escluso, è ben lungi da quello, quasi coreano, del marzo-aprile 2020. E gli effetti si vedono!

Ora, concludendo, ai vari Mattei di turno e a tutti coloro che auspicano aperture più o meno indiscriminate, abolizione del coprifuoco ed altre iniziative del genere, bisogna rispondere NO! Non è assolutamente il momento. Quello che bisogna fare è stringere i denti, applicare un confinamento serio, vaccinare a più non posso, e solamente così potremo in tempi ragionevoli riuscire a contenere la diffusione del virus. E poi non accontentarci perché il coronavirus continuerà a circolare ancora per parecchio e quindi attuare un attento e preciso tracciamento (migliorare e potenziare Immuni) e mantenere quelle elementari norme di distanziamento e di igiene che insieme ai vaccini sono le uniche potenti armi contro la malattia.

Maurizio Marangolo – Medico – Ravenna

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da ST

    Ma quali sarebbero le aperture indiscriminate?
    A me risulta che le regole delle zone colorate a seconda del numero dei contagi, le misure sul distanziamento e sulle precauzioni, restino le stesse.
    Poter andare a fare una passeggiata, una camminata in collina, un giro in moto, non mi sembrano attività molto più pericolose di quelle previste oggi.
    Anzi: già oggi, passeggiando per Ravenna, vediamo gruppi di ragazzini che giocano a calcio tra di loro, avventori dei bar che consumano l’asporto a cinquanta metri dal pubblico esercizio, ma tutti assieme appassionatamente a mascherina abbassata e chiacchierando amabilmente. O gruppetti di amici che per evitare il coprifuoco dormono in setto/otto nello stesso appartamento fino a mattina.
    Il problema, quindi, c’è già.
    Ed è quello di fare rispettare le regole.
    Forse è più facile de le persone sono sedute al tavolo, all’aperto, a due metri di distanza… che nell’abusivo nascosto di abitazioni private (e tappate).

  2. Scritto da Luca

    Il Dr. Marangolo ha ragione da vendere.

  3. Scritto da armando

    complimenti al dott. Marangolo per l’esatta esposizione dei guai a cui stiamo andando incontro.- Poi bellissima, …”i Mattei di turno “,,,,,

  4. Scritto da Babbeo

    14 mesi che si stringono i denti, ogni 2 settimane proclami che andrà tutto bene, Marangolo, se facessero fare il medico di base ai medici di base questo non sarebbe successo!

  5. Scritto da cromwell

    Un medico invece di fare il politico, potrebbe fare rilevare che si è puntato tutto sulla difesa passiva dalla pandemia (vaccino) e niente sulla difesa attiva (cura)a parte il tentativo,in ritardo di oltre un anno, con gli anticorpi monoclonali. Ma forse ai garantiti, pensionati e pubblici dipendenti, non interessa molto.