Le Rubriche di RavennaNotizie - Cercando Mariola...

CERCANDO MARIOLA PER RAVENNA / “Cosa dovrebbe fare la Russia riguardo all’Ucraina”, un documento sul significato dell’operazione di denazificazione

Più informazioni su

In questi giorni abbiamo ascoltato molto spesso le opinioni del governo ucraino, degli intellettuali ucraini, dei profughi ucraini. E abbiamo seguito i reportage dei giornalisti italiani (e non solo) impegnati in Ucraina, sul terreno in cui si sta combattendo una guerra sanguinosa e dai risvolti atroci e barbari. Come tutte le guerre. Purtroppo niente di nuovo sotto il sole. Quando l’uomo decide per la guerra, dà il peggio di sé.

In questi stessi giorni spesso abbiamo sentito in tutti i talk show i sostenitori del pensiero complesso, del principio di contraddizione e del pluralismo che bisognerebbe ascoltare anche l’altra campana. Come se nelle democrazie occidentali non ci fosse abbastanza libertà di espressione e noi fossimo ostaggio del pensiero unico. Dunque, nella mia rubrica questa settimana vi propongo un documento che riguarda proprio l’altra campana. Quella russa. Così chi avrà tempo, modo e voglia di leggere, potrà saggiare le tesi putiniane che circolano in Russia.

Il documento che vi propongo (datato 3 aprile) è un lungo editoriale a firma di Timofey Sergeev apparso sul sito di RIA Novosti, una delle principali agenzie di stampa russe, controllata dallo stato, dal titolo «Cosa dovrebbe fare la Russia con l’Ucraina». Il testo è stato molto commentato sulla stampa occidentale e ha provocato reazioni molto dure in alcuni paesi per il modo esplicito e crudo in cui l’autore descrive come dovrebbe avvenire il processo di “denazificazione” dell’Ucraina. La “denazificazione” è uno degli obiettivi espliciti dell’invasione citati dal presidente russo Vladimir Putin. Ricordiamo ancora tutti le sue parole poche ore prima dell’invasione dell’Ucraina il 24 febbraio: è un Paese diretto da una banda di nazisti e di drogati. Poche ore dopo l’attacco militare.

Leggendo questo testo ci si può rendere conto anche del livello cui è giunta la propaganda russa e del tipo di martellamento cui è sottoposto il popolo russo (altro che pensiero unico occidentale!). Dopodiché diventa abbastanza chiaro perché la maggioranza della popolazione russa sostiene (secondo i sondaggi) la “operazione militare speciale” in Ucraina. Già, perché come in tutte le dittature che vogliono il monopolio delle parole, poi le parole finiscono per trovare un uso mistificatorio e grottesco. E, come sappiamo, in Russia oggi non si può chiamare guerra la guerra, invasione l’invasione, aggressione l’aggressione.

Ma leggete il testo fino in fondo e poi traete le vostre conclusioni sulle ragioni e gli obiettivi della Russia di Putin in questa guerra.

Ucraina

Foto: Avvenire

“Cosa dovrebbe fare la Russia riguardo all’Ucraina”. Editoriale di Novosti del 3 aprile 2022 a firma di Timofey Sergeev

Già nell’aprile dell’anno scorso abbiamo scritto dell’inevitabilità della denazificazione dell’Ucraina. Non abbiamo bisogno di un’Ucraina nazista e seguace di Bandera, nemica della Russia e strumento dell’Occidente per distruggere la Russia. Oggi la questione della denazificazione è passata al piano pratico.

La denazificazione è necessaria quando una parte significativa del popolo – molto probabilmente la sua maggioranza – è dominata e trascinata dal regime nazista nella sua politica. Cioè, quando l’ipotesi “il popolo è buono – il governo è cattivo” non funziona. Il riconoscimento di questo fatto è la base della politica di denazificazione, di tutte le sue attività, e il fatto stesso costituisce il suo soggetto.

La Russia è responsabile dell’Ucraina

L’Ucraina è esattamente in questa situazione. Il fatto che gli elettori ucraini abbiano votato per la “pace di Poroshenko” e per la “pace di Zelensky” non dovrebbe essere fuorviante: gli ucraini erano abbastanza contenti della via più breve alla pace attraverso una guerra lampo, che gli ultimi due presidenti ucraini hanno accennato in modo trasparente quando sono stati eletti. Fu proprio questo metodo di “pacificazione” degli antifascisti interni – attraverso il terrore totale – che fu usato a Odessa, Kharkov, Dnepropetrovsk, Mariupol e altre città russe. E si adattava abbastanza bene al cittadino medio ucraino. La denazificazione è un insieme di misure verso la massa nazificata della popolazione, che tecnicamente non può essere direttamente punita come criminale di guerra.

I nazisti che hanno preso le armi devono essere distrutti il più possibile sul campo di battaglia. Non si deve fare una distinzione significativa tra l’AFU e le cosiddette Forze di Sicurezza Nazionale, così come le milizie di difesa territoriale che si sono unite a questi due tipi di formazioni militari. Tutti loro sono ugualmente impegnati in una crudeltà oltraggiosa contro i civili, ugualmente colpevoli del genocidio del popolo russo e di non osservare le leggi e i costumi di guerra. I criminali di guerra e i nazisti attivi devono essere puniti in modo approssimativo ed esemplare. Deve essere effettuata una liquidazione totale. Tutte le organizzazioni che si sono legate alla pratica del nazismo devono essere eliminate e bandite. Tuttavia, oltre ai vertici, è colpevole anche una parte significativa delle masse del popolo che sono nazisti passivi, collaboratori del nazismo. Hanno sostenuto e assecondato il governo nazista. Una giusta punizione per questa parte della popolazione è possibile solo in quanto porta gli inevitabili oneri di una guerra giusta contro il sistema nazista, condotta nel modo più delicato e discreto possibile contro i civili.

L’ulteriore denazificazione di questa massa della popolazione consiste nella rieducazione, che si ottiene con la repressione ideologica (soppressione) degli atteggiamenti nazisti e la dura censura: non solo nella sfera politica, ma necessariamente anche nella sfera della cultura e dell’educazione. Fu attraverso la cultura e l’educazione che fu preparata e attuata la profonda nazificazione di massa della popolazione, consolidata dalla promessa di dividendi dalla vittoria del regime nazista sulla Russia, dalla propaganda nazista, dalla violenza interna e dal terrore, e dalla guerra di otto anni con il popolo nazista ribelle ucraino del Donbass.

Non ci sono nazisti in Ucraina? La Russia e l’Occidente conoscono e ricordano il nazismo in modo diverso

La denazificazione può essere effettuata solo dal vincitore, il che presuppone (1) il suo controllo incondizionato sul processo di denazificazione e (2) il potere di assicurare tale controllo. In questo senso, il paese denazificato non può essere sovrano. Lo stato denazificatore – la Russia – non può procedere da un approccio liberale alla denazificazione. L’ideologia del denazificatore non può essere contestata dal colpevole sottoposto a denazificazione. Il riconoscimento da parte della Russia della necessità della denazificazione dell’Ucraina significa il riconoscimento che lo scenario della Crimea è impossibile per l’intera Ucraina. Tuttavia, questo scenario era impossibile anche nel 2014 nel Donbass ribelle. Solo otto anni di resistenza alla violenza e al terrore nazista portarono alla coesione interna e a un rifiuto di massa consapevolmente inequivocabile di conservare qualsiasi unità e legame con l’Ucraina, che si definiva come una società nazista.

Il lasso di tempo per la denazificazione non può assolutamente essere inferiore a una generazione che deve nascere, crescere e maturare nelle condizioni della denazificazione. 

La Russia è impegnata in una lotta con l’Occidente per il futuro del mondo

La peculiarità dell’Ucraina nazificata di oggi è la sua natura amorfa e ambivalente, che gli permette di mascherare il nazismo come un desiderio di “indipendenza” e un percorso di “sviluppo” “europeo” (occidentale, filoamericano) (in realtà – alla degradazione), per sostenere che “non c’è nazismo in Ucraina, solo eccessi sporadici personali”. Non c’è un partito nazista principale, nessun Führer, nessuna legge razziale completa (solo una versione ridotta sotto forma di repressione della lingua russa). Di conseguenza non c’è opposizione né resistenza al regime.

Tuttavia tutto ciò non fa del nazismo ucraino una “versione leggera” del nazismo tedesco della prima metà del XX secolo. Al contrario – poiché il nazismo ucraino è libero da tali cornici e restrizioni di “genere” (politico-tecnologico in sostanza), è libero di dispiegarsi come base fondamentale di tutto il nazismo – come il razzismo europeo e, nella sua forma più sviluppata, quello americano. Pertanto, la denazificazione non può essere effettuata in un compromesso, basato su una formula come “NATO – no, UE – sì”. Lo stesso Occidente collettivo è l’ideatore, la fonte e lo sponsor del nazismo ucraino, mentre i quadri del mondo occidentale e la loro “memoria storica” sono solo uno degli strumenti della nazificazione dell’Ucraina. L’ucrainismo non rappresenta una minaccia minore, ma maggiore per la pace e la Russia del nazismo tedesco di Hitler.

Il nome “Ucraina” apparentemente non può essere mantenuto come titolo di qualsiasi entità statale completamente denazificata nel territorio liberato dal regime nazista. Le Repubbliche Popolari appena fondate nei territori liberati dai nazisti devono e cresceranno dalla pratica dell’autogoverno economico e del benessere sociale, dal ripristino e dalla modernizzazione dei sistemi di sostentamento della popolazione.

Le loro aspirazioni politiche non possono infatti essere neutrali – la redenzione del senso di colpa verso la Russia per averla trattata come un nemico può essere realizzata solo nella dipendenza dalla Russia nei processi di ricostruzione, rigenerazione e sviluppo. Nessun “Piano Marshall” per questi territori dovrebbe essere permesso. Non ci può essere una “neutralità” in senso ideologico e pratico compatibile con la denazificazione. I quadri e le organizzazioni che sono gli strumenti della denazificazione nelle nuove repubbliche denazificate non possono che contare sul potere diretto e sul sostegno organizzativo della Russia.

La denazificazione sarà inevitabilmente una de-ucrainizzazione – un rifiuto dell’inflazione artificiale su larga scala della componente etnica dell’auto-identificazione della popolazione dei territori delle storiche Piccola Russia e Novorossia, iniziata dalle autorità sovietiche. Come strumento della superpotenza comunista, l’etnocentrismo artificiale non è rimasto orfano dopo la caduta del comunismo. In questa veste di servizio, è stato assunto da un’altra superpotenza (potere sugli stati) – la superpotenza dell’Occidente. Deve essere restituito ai suoi confini naturali e spogliato della sua funzionalità politica.

L’Ucraina è diventata un’operazione di copertura per rimodellare il mondo

A differenza, ad esempio, della Georgia e degli Stati baltici, l’Ucraina, come la storia ha dimostrato, è impossibile come stato nazionale, e i tentativi di “costruire” un tale stato portano inevitabilmente al nazismo. L’ucrainismo è una costruzione artificiale anti-russa senza un proprio contenuto di civiltà, un elemento subordinato di una civiltà straniera e aliena. La debanderizzazione di per sé non sarà sufficiente per la denazificazione – l’elemento banderista è solo un interprete e uno schermo, un travestimento per il progetto europeo dell’Ucraina nazista, quindi la denazificazione dell’Ucraina è anche la sua inevitabile de-europeizzazione.

I vertici banderoviani devono essere eliminati, è impossibile rieducarli. La “palude” sociale che l’ha sostenuta attivamente e passivamente attraverso l’azione e l’inazione deve sopravvivere alle difficoltà della guerra e assimilare l’esperienza come lezione storica ed espiazione della sua colpa. Coloro che non hanno sostenuto il regime nazista, che hanno sofferto per esso e per la guerra che ha scatenato nel Donbass, devono essere consolidati e organizzati, devono diventare la spina dorsale del nuovo governo, verticale e orizzontale. L’esperienza storica dimostra che le tragedie e i drammi di guerra giovano ai popoli che sono stati sedotti e trascinati a svolgere il ruolo del nemico della Russia.

La denazificazione come obiettivo dell’operazione militare speciale stessa è intesa come una vittoria militare sul regime di Kiev, la liberazione dei territori dai sostenitori armati della nazificazione, l’eliminazione dei nazisti intransigenti, la cattura dei criminali di guerra e la creazione di condizioni sistemiche per la successiva denazificazione in tempo di pace.

Quest’ultima, a sua volta, dovrebbe iniziare con l’organizzazione dell’autogoverno locale, della polizia e della difesa, epurata dagli elementi nazisti, lanciando sulla loro base i processi di fondazione della nuova statualità repubblicana, integrando questa statualità in stretta collaborazione con l’agenzia russa per la denazificazione dell’Ucraina (di nuova creazione o rifatta), adottando sotto controllo russo il quadro normativo repubblicano (legislazione) per la denazificazione, definendo direttamente i confini e il quadro. In questo senso la Russia dovrebbe agire come custode del processo di Norimberga.

Tutto ciò significa che per raggiungere gli obiettivi della denazificazione, è necessario il sostegno della popolazione, il suo passaggio alla Russia dopo essere stata liberata dal terrore, dalla violenza e dalla pressione ideologica del regime di Kiev, dopo essere stata rimossa dall’isolamento informativo. Naturalmente, ci vorrà del tempo perché la gente si riprenda dallo shock dell’azione militare e si convinca delle intenzioni a lungo termine della Russia – che “non sarà abbandonata”.

È impossibile prevedere in anticipo in quali territori questa massa di popolazione costituirà una maggioranza criticamente necessaria. “La provincia cattolica” (Ucraina occidentale, comprendente cinque regioni) è improbabile che faccia parte dei territori filorussi. La linea di esclusione, tuttavia, sarà trovata dall’esperienza. Un’Ucraina ostile alla Russia, ma forzatamente neutrale e smilitarizzata, con il nazismo formalmente vietato, rimarrà dietro di essa. Chi odia la Russia ci andrà. Una garanzia che questa Ucraina residua rimarrà neutrale dovrebbe essere la minaccia di una continuazione immediata dell’operazione militare se i requisiti elencati non sono soddisfatti. Questo richiederebbe probabilmente una presenza militare russa permanente sul suo territorio. Dalla linea di alienazione e fino alla frontiera russa sarebbe il territorio di potenziale integrazione nella civiltà russa, antifascista nella sua natura interna.

Lotteremo per il diritto di essere e rimanere

L’operazione di denazificazione dell’Ucraina, iniziata con una fase militare, seguirà in tempo di pace la stessa logica delle tappe di un’operazione militare. In ognuno di essi si dovranno realizzare dei cambiamenti irreversibili, che saranno i risultati della tappa corrispondente. I passi iniziali necessari per la denazificazione possono essere definiti come segue:   eliminazione delle formazioni armate naziste (con ciò intendiamo qualsiasi formazione armata dell’Ucraina, incluso l’AFU), così come l’infrastruttura militare, informativa ed educativa che assicura la loro attività;   formazione dell’autogoverno popolare e della polizia (difesa e ordine pubblico) nei territori liberati, proteggendo la popolazione dal terrore dei gruppi clandestini nazisti;  installazione dello spazio informativo russo; rimozione del materiale educativo e proibizione dei programmi educativi a tutti i livelli che contengono atteggiamenti ideologici nazisti;  inchieste massicce sulla responsabilità personale per crimini di guerra, crimini contro l’umanità, diffusione dell’ideologia nazista e sostegno al regime nazista;   divulgazione dei nomi dei collaboratori del regime nazista e il loro lavoro forzato per ricostruire le infrastrutture distrutte come punizione per le loro attività naziste (tra coloro che non saranno soggetti alla pena di morte o al carcere);  adozione a livello locale, sotto la curatela russa, di norme primarie di denazificazione “dal basso”, vietando ogni tipo e forma di ripresa dell’ideologia nazista;   memoriali, cartelli commemorativi, monumenti alle vittime del nazismo ucraino, commemorare gli eroi della lotta contro di esso;  inclusione di un insieme di norme antifasciste e di denazificazione nelle costituzioni delle nuove Repubbliche popolari;  creazione di corpi permanenti di denazificazione per un periodo di 25 anni.

La Russia non avrà alleati nella denazificazione dell’Ucraina. Poiché si tratta di un affare puramente russo. E anche perché non sarà sradicata solo la versione Bandera dell’Ucraina nazista, ma anche e soprattutto il totalitarismo occidentale, i programmi imposti di degradazione e disintegrazione civile, i meccanismi di subordinazione alle superpotenze dell’Occidente e degli USA.

L’Ucraina ha diviso l’Occidente

Per attuare il piano di denazificazione dell’Ucraina, la Russia stessa dovrà porre fine alle sue illusioni europeiste e filo-occidentali, per realizzarsi come ultima risorsa nella difesa e nella conservazione dei valori dell’Europa storica (il Vecchio Mondo), che merita e che l’Occidente ha infine abbandonato, avendo perso la lotta per se stesso. Questa lotta continuò per tutto il ventesimo secolo e si espresse nella guerra mondiale e nella rivoluzione russa, inestricabilmente legate l’una all’altra.

La Russia ha fatto tutto il possibile per salvare l’Occidente nel ventesimo secolo. Ha implementato il principale progetto occidentale, l’alternativa al capitalismo che ha sconfitto gli stati nazionali – il progetto socialista, rosso. Ha schiacciato il nazismo tedesco, la mostruosa progenie della crisi della civiltà occidentale. L’ultimo atto di altruismo russo è stata la mano tesa di amicizia della Russia, per la quale la Russia ha ricevuto un colpo mostruoso negli anni ’90.

L’Europa teme la denazificazione

Tutto quello che la Russia ha fatto per l’Occidente, l’ha fatto a proprie spese, facendo i più grandi sacrifici. L’Occidente alla fine ha rifiutato tutti questi sacrifici, ha svalutato il contributo della Russia alla soluzione della crisi occidentale e ha deciso di vendicarsi della Russia per l’aiuto che ha disinteressatamente fornito. Da qui in poi, la Russia andrà per la sua strada, senza preoccuparsi del destino dell’Occidente, costruendo su un’altra parte della sua eredità: la leadership nel processo di decolonizzazione globale.

Come parte di questo processo, la Russia ha un alto potenziale di partenariato e alleanza con paesi che l’Occidente ha oppresso per secoli e non ha intenzione di mettere di nuovo il suo giogo. Senza il sacrificio e la lotta russa, questi paesi non sarebbero stati liberati. La denazificazione dell’Ucraina è allo stesso tempo la sua decolonizzazione, un fatto che deve essere compreso dalla popolazione ucraina che comincia a liberarsi dai fantasmi, dalle tentazioni e dalle dipendenze della cosiddetta scelta europea.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Porter

    Noi comuni lettori inesperti facciamo fatica a capire certe argomentazioni, ma chi ci guida forse avvrebbe dovuto capirle pur senza condividerle.
    Una sola risposta vorrei avere nel mio piccolo. Ma l’Ucraina era proprio necessaria nella Nato? E nel giugno 2021 era proprio necessaria una manovra militare congiunta Nato-Ucraina svoltasi nel Mar Nero e nel sud dell’Ucraina?

  2. Scritto da Porter

    Faccio il bis e mi scuso. Vedo scritto ” Come se nelle democrazie occidentali non ci fosse abbastanza libertà di espressione e noi fossimo ostaggio del pensiero unico.”
    Mi sembra un’espressione un po’azzardata. Negli USA certi social hanno bannato il Presidente della Repubblica, figuriamoci la libertà di espressione che può avere una persona senza indipendenza economica se si esprime in maniera politicamente non corretta: viene emarginato.

  3. Scritto da Giangi

    Il modello russo antioccidentale mostra le stesse desolanti diseguaglianze dell’occidente con in più una cupa repressione degli oppositori.Il sogno comunista di consolidare una eguaglianza agli emarginati,si è infranto anche con il nuovo corso post comunista,con enormi sperequazioni di reddito.I paesi post comunisti hanno una democrazia molto asfittica,minata dagli stessi mali del capitalismo occidentale:corruzione,diseguaglianza,alcolismo diffuso.Non mi sembra un modello esemplare.Interessano le ricchezze del Donbass e gli sbocchi sul Mar Nero,altro che denazificazione

  4. Scritto da batti

    mi sono sempre chiesto che un dittatore di destra estrema come putin avrebbe avuto tanto consenso in patria se l occidente da subito non avesse avuto la frenesia di andare alle costole dil impero russo, sono sicuro che l ideologia non cè in questa guerra sono due paesi di destra estrema nazionalisti entrambi, la scusa del nazzismo è ridicola sono piu nazzizti loro entrambi. l ucrania ha dal suo le miniere che interessano ad entrambi, e la cina sta a guardare non fa guerre fa programmi 30ennali

  5. Scritto da brrrr

    penso che dopo la caduta del muro di berlino, caduto l impero comunista anche il capitalismo che si sorreggeva appogiato all altro gli si sdraii sopra. e la CINA sta a guardare. oh si fa un nuovo ordine o ci scanniamo a vicenda e i cinesi vincono solo a stare fermi. L ITALIA come al solito con simdrope del 43,i fasdetsri della meloni, i leghisti di salvini, i berlusconiani, 40 giorni fa PUTIN era il simbolo della perfezione della destra, ora è diventato un COMUNISTA COSACCO, con la semplicità di un schiocco di dita, però la faccia come il ??????

  6. Scritto da Giovanni lo scettico

    “Putin è un dono del Signore” ve la ricordate questa frase? “Scambierei due Mattarella com mezzo Putin” E questa? Le ha dette Salvini, che adesso a pronunciare il nome di Putin fa una fatica, ma una fatica…

  7. Scritto da batti

    giovanni lo scettico, hanno fatto il salto all italiana, poi non vanno neanche male anche gli ucrani sono destra estrema, non è neanche un salto è un guado. e se hai letto c è pure la lepen in veste di CETTO LA QUALUNQUE