Quantcast

Le Rubriche di RavennaNotizie - Cucina

E LA SERA… CASALINGO / 1 / Un classico italiano, Spaghetti Aglio Olio e Peperoncino

Più informazioni su

Buon giorno a tutti i lettori. Oggi diamo inizio a una nuova rubrica settimanale dedicata alla cucina, che ci auguriamo incontri il vostro gradimento. Tutto il mondo parla di cucina, ma la nostra testata non ha mai avuto una rubrica del genere. Ravennanotizie ha però un direttore responsabile, Nevio Ronconi, che si diletta a cucinare e ne ha fatto un appassionante passatempo. Prepara sempre pietanze che fanno venire l’acquolina in bocca ed è popolare sui social. Perché non approfittarne?! Abbiamo quindi chiesto a lui di tenere questa rubrica che racconterà la sua esperienza intima in cucina, il piacere di cucinare e di assaggiare, quello che ognuno di noi può provare a casa, da solo o in compagnia. È un po’ come volersi bene fra i fornelli e in tavola, con i suggerimenti di Nevio Ronconi. LA REDAZIONE

Nevio Ronconi: “Non sono cuoco, ma pubblicitario. E la sera divento casalingo”

Cucinare è il mio hobby: per me è un vero passatempo stare ai fornelli. È un’attività prevalentemente serale, come del resto ho scritto sul mio profilo Instagram: “Non sono cuoco, ma pubblicitario. Nel tempo libero curo la grande passione della cucina. E la sera divento casalingo”. Quando rientro a casa dopo il lavoro, per me comincia il rito della cena. E mi metto ai fornelli. La passione l’ho ereditata dalla mia mamma siciliana, ottima cuoca, che tra le pentole passava gran parte della giornata: sapeva come catturare il nostro palato con i sapori del Sud e del Mediterraneo e con quelli della Romagna. Il ragù romagnolo a cui sono sempre rimasto fedele è proprio quello di mia madre: lei aveva imparato a farlo subito dopo la guerra, quando salì in Romagna dalla Sicilia, e andò a servizio presso un’agiata famiglia ravennate.

Su sollecitazione della Redazione – e di molti amici e amiche che mi seguono su Facebook e Instagram – ho deciso di pubblicare i miei piatti. Premetto una cosa, a scanso di equivoci, non sono uno chef e non intendo farmi passare per maestro di cucina. Non lo sono. Voglio solo, con leggerezza, proporre al pubblico che vorrà seguirmi le mie ricette in modo libero, a volte rigoroso e a volte fantasioso. Con piatti della tradizione o innovativi, piatti reinterpretati o svuota-frigorifero. Con ricette per il recupero degli “scarti” o con le materie prime di stagione, ricette regionali di tutta l’Italia o del nostro territorio. Non sono un inventore di ricette, mi piace copiare, assorbire, rimaneggiare i piatti con gli ingredienti che mi trovo tra le mani. Ma attenzione, c’è sempre un ingrediente di base che lega tutto il resto: l’amore per la cucina. Questo è il mio spirito. Vi proporrò piatti e ricette una volta alla settimana, come mi viene, a ruota libera: il nostro appuntamento è fissato per il giovedì.

Partiamo con gli Spaghetti Aglio Olio Peperoncino, con un particolare arricchimento. Un piatto semplice, ma non facile. Non lasciatevi ingannare. La semplicità nasconde insidie, perché gli errori in questo caso non si possono proprio nascondere. C’è un motivo di fondo nella proposta di questa prima ricetta: essa rappresenta, infatti, la base di tantissimi condimenti per la pasta. È un vero simbolo della cucina italiana, un vero classico. Anche se, come hanno detto grandi chef, non esiste la cucina italiana. Semmai esiste la cucina regionale, anzi locale, d’Italia. Con le sue mille originali ricette della tradizione. Insomma, tanti spunti per realizzare piatti in infinite versioni.

Per concludere, come avrete capito, la cucina che propongo è quella ‘a modo mio’. Perché qui non siamo a scuola di cucina. E vi descriverò sempre solo piatti che ho effettivamente preparato, fotografato e… gustato, da solo o in compagnia. Buon appetito!

Nevio Ronconi Spaghetti Aglio Olio Peperoncino

SPAGHETTI AGLIO OLIO PEPERONCINO E DINTORNI

INGREDIENTI PER 2 PERSONE – Spaghetti 160 grammi, 2 spicchi d’aglio, 2-3 peperoncini, 4 cucchiai di olio extravergine d’oliva, un mazzetto di erbe aromatiche (qualche fogliolina di maggiorana, rosmarino, timo), un ciuffo di prezzemolo. 2 litri d’acqua, sale. Pecorino a piacimento.

PREPARAZIONE – Per prima cosa metto la pentola con l’acqua sul fuoco. L’acqua calda è sempre utile, anche durante i preparativi della ricetta. Passo una padella sul fuoco con l’olio a freddo, l’aglio tagliato a pezzetti, il peperoncino, il ciuffetto di erbe aromatiche. Non faccio soffriggere, ma procedo con la cottura lenta in modo che gli aromi siano ben raccolti dall’olio. Se l’olio tende a friggere è sufficiente aggiungere un cucchiaio di acqua calda e abbassare la fiamma. A volte sposto la padella dal fuoco e dopo qualche minuto la riporto sulla fiamma per fare insaporire.

Dopo circa mezz’ora filtro l’olio con un colino a maglia fine e poi lo ripasso nella stessa padella. Aggiusto di sale l’acqua quando arriva a bollore e butto la pasta. Due o tre minuti prima del tempo di cottura indicato nella confezione, scolo gli spaghetti e li passo in padella, che nel frattempo ho già riposto sulla fiamma. Proseguo la cottura della pasta in padella aggiungendo un po’ d’acqua di cottura e, se serve, un po’ di olio freddo (quello aromatizzato in precedenza, fatto in abbondanza). In questa fase gli spaghetti assorbono tutto il sapore del condimento. Se piace, si può aggiungere del prezzemolo tritato, cosa che di solito io faccio.

A questo punto procedo con la preparazione dei piatti, che ho preriscaldato in forno per qualche minuto. Non mi piace per nulla iniziare a mangiare la pasta con il rischio che si raffreddi subito. Io amo assaggiare la prima forchettata di pasta così come esce dalla padella, poi a volte aggiungo un po’ di pecorino grattugiato al momento.

Un consiglio: assaggiate sempre tutto prima di concludere le cotture. Se serve, c’è sempre tempo per aggiungere uno spicchio d’aglio o del peperoncino. E siate sempre parchi di sale.

NOTE – L’olio aromatizzato nel modo descritto ho imparato a farlo seguendo i consigli di vari chef o leggendo qua e là delle ricette. Se ne può preparare in quantità superiore e conservare l’eccedenza come base per altri condimenti nei giorni successivi.

Instagram: nevio_ronconi

Nevio Ronconi Spaghetti Aglio Olio Peperoncino

 

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Armando

    Grazie a R N per la nuova rubrica e anche al sig, Ronconi per le ricette di cui ci deliziera’.- Domani proverò senz’altro gli spaghetti.-

  2. Scritto da Valerio

    Bravo. Questa idea mi piace. Finalmente un po’ di piatti che sanno anche di cultura. L’inizio è buono.

  3. Scritto da Giovanni lo scettico

    Gentile Ronconi, se si vuole candidare ci vuole ben altro che gli spaghetti. Ah, siccome sono cattivissimo e malfidente poi mi è venuto anche il dubbio che i commenti entusiastici dei lettori siano… fatti in casa.

  4. Scritto da Direttore

    Il signor Giovanni lo scettico ha molto tempo a disposizione per commentare la qualunque. Beato lui. Nevio Ronconi non ha alcuna intenzione di candidarsi, stia sereno Giovanni lo scettico. E non siamo abituati a scriverci i commenti da soli, non abbiamo tempo da perdere, figurarsi. Siamo troppo impegnati a cercare di dare informazioni utili e allo stesso tempo a non pubblicare le offese, le falsità, le stupidaggini, le cretinate senza costrutto che vengono sistematicamente postate da alcuni lettori e non si capisce sinceramente a quale scopo se non perdere tempo e farlo perdere ad altri. Un consiglio: si faccia un buon piatto di spaghetti aglio olio e peperoncino, magari le passerebbe un po’ di quell’imbarazzo di stomaco. Con simpatia. LA REDAZIONE

  5. Scritto da Armando

    @ giovanni lo scettico—-il mio commento non è assolutamente fatto in casa , si immagini !!! non conosco il sig. Ronconi, ma l’idea di questa rubrica mi sembra geniale.- Poi ognuno provera’ o meno e seguiranno anche correzioni, che magari la Redazione ne terra’ conto o meno.-credo che,come tutti gli articoli, se non interessano, si volta pagina.- saluti

  6. Scritto da C.

    Non sono un cuoco, ancora peggio del sig. Ronconi però, guardando l’ultima foto, direi che gli spaghetti siano un po’ troppo al dente.

  7. Scritto da Valerio

    Suvvia Giovanni, un po’ di ottimismo, non sia sempre sospettoso.
    Non amo cucinare, sono un pasticcione, e gli spaghetti non sono la mia pasta preferita ma l’argomento cucina mi attira sempre.
    Ho letto con curiosità la presentazione e la ricetta di Ronconi. Ho riportato alla mente dei bei ricordi di cui sarebbe troppo lungo parlare ora. Mi è piaciuto come la ricetta è scritta e “fatta”, perché si vede la “testa” e la passione dell’autore. Una ricetta alla settimana ci può stare. Sono sette giorni per pensarci sopra se si vuole provare a farla.
    Io proverò a fare gli spaghetti così, senza prezzemolo perché non mi piace.
    Provi anche lei Giovanni, qualcosa dobbiamo mangiare tutti i giorni e cucinare bene aiuta tantissimo. Saluti e buone pentole.

  8. Scritto da Giovanni lo scettico

    Gentile Valerio, grazie per il cortese invito. Aderirò sicuramente, e nel frattempo, senza essere sospettoso, vedrò che fine farà la mia replica di ieri.