Quantcast

Le Rubriche di RavennaNotizie - Elezioni Ravenna 2021

ELEZIONI A RAVENNA –6 / Diario del 26 settembre. Giorgia Meloni piomba a Ravenna per l’investitura a Donati. Domani Renzi per Fagnani, Craxi per Ancarani, Rizzo per Ferri

Più informazioni su

Fra gli appuntamenti elettorali di oggi domenica 26 settembre ricordiamo a Marina Romea un incontro con il senatore Simone Pillon, l’onorevole Maura Tomasi e con il consigliere regionale Andrea Liverani organizzato dai candidati leghisti Anna Greco e Gianfilippo Nicola Rolando (ore 18, Bagno Aloha di Marina Romea). Alle 17.30 in Piazza Kennedy a Ravenna manifestazione 3V Ravenna con Emanuele Panizza. “Contro ogni tipo di ricatto, dalla parte dei cittadini per il ripristino delle libertà costituzionali” questo lo slogan scelto. Ma soprattutto a sorpresa è arrivata a Ravenna nel primo pomeriggio di oggi, per una sosta toccata e fuga, anche Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia.

Domani lunedì 27 settembre è previsto l’arrivo a Ravenna di Matteo Renzi per Ravenna in Campo con Roberto Fagnani a sostegno di Michele de Pascale (alle 13 al BBK) e di Stefania Craxi che parlerà per sostenere Alberto Ancarani alle 17 in Piazza Andrea Costa. Lunedì sarà a Ravenna anche Marco Rizzo segretario nazionale del Partito Comunista in sostegno di Lorenzo Ferri.

Giorgia Meloni: “i cittadini di Ravenna abbiano un po’ di coraggio e provino a cambiare”

Ci speravano, ma non ci contavano gli uomini di Alberto Ferrero. Invece, preavviso di poco più di un’ora, Giorgia Meloni è arrivata a Ravenna alle 14 di oggi domenica 26 settembre da Bologna e prima di raggiungere Rimini, dove conclude la giornata elettorale. Alla fine, grazie ai buoni uffici di Galeazzo Bignami, la leader di Fd’I è riuscita a fare una breve sosta a Ravenna. Appena due giorni dopo il comizio di Matteo Salvini. A dire che non vuole lasciare campo libero al suo principale competitore nell’ambito della destra e intende segnare il territorio, palmo a palmo. E soprattutto vuole benedire anche lei la candidatura di Filippo Donati e intestarsi un eventuale risultato positivo o successo. Malgrado le fatiche del tour, quindi, Giorgia Meloni ha fatto una tappa di pochi minuti presso la sede elettorale di Donati, in Piazza Kennedy, ha parlato in suo appoggio con i giornalisti, ha elargito sorrisi e strette di mano e qualche selfie. Ha fatto visita alla Tomba di Dante e poi via in macchina a Rimini prima di tornare a Roma.

Meloni Donati
Giorgia Meloni
Meloni Donati

Filippo Donati l’ha accolta aprendole cavallerescamente la portiera e poi lodandola per lo splendido comizio di Bologna. E ha aggiunto: “Tira una buona aria per noi. Per altri non tanto, è tempo che facciano le valigie dopo 70 anni di potere”. Gli ha fatto eco Alberto Ferrero che ha parlato di un “miracolo possibile” anche a Ravenna. Poi è toccato a lei.

“Quando si è convinti di vincere comunque, allora si smette di governare e si gestisce solo il potere. – ha detto Meloni riferendosi alla situazione dell’Emilia-Romagna e anche di RavennaQuesta città merita di più e questo lo capiscono tutti i cittadini di Ravenna. È una città che vanta 8 monumenti Unesco e custodisce la Tomba di Dante, sarebbe quindi una tappa obbligata nella direttrice turistica Firenze, Bologna, Venezia. Invece Ravenna è scollegata da tutto. Sulla carta Ravenna è una delle città più attrattive d’Italia” invece i risultati sono sotto le aspettative per colpa delle amministrazioni di sinistra, dice Meloni.

Poi Giorgia Meloni parla di porto e mare e sostiene che Fratelli d’Italia “chiede da tempo che si istituisca un Ministero del Mare per valorizzare questa grande risorsa rappresentata dal fatto che l’Italia è una grande piattaforma nel mezzo del Mediterraneo” e quindi potrebbe avere una funzione centrale nei commerci internazionali.

“Turismo, Porto, Mare. Ci sono tantissime cose che un’amministrazione comunale può fare e invece questa amministrazione di sinistra non ha fatto, e a occhio non farà. Per cui auspichiamo che i cittadini di Ravenna abbiano un po’ di coraggio e provino a cambiare. A sperimentare quello che finora non hanno mai sperimentato. Cioè una buona amministrazione con i piedi per terra, di chi ha amore per la propria terra e la propria città e guarda con attenzione al futuro.” Questa la conclusione di Giorgia Meloni. Poi l’investitura del candidato Filippo Donati.

Giorgia Meloni

Matteo Renzi a Ravenna per presentare il suo libro e sostenere Fagnani

Lunedì 27 settembre alle 13 Matteo Renzi torna a Ravenna. L’appuntamento è al BBK di Punta Marina Terme (Lungomare Cristoforo Colombo, 171), per un appuntamento pubblico per presentare il libro “ControCorrente”, edito da Piemme. Un testo ricco di aneddoti e retroscena, ma soprattutto la narrazione nei dettagli dell’operazione politica che ha portato alla caduta del Governo Conte e alla nascita del Governo Draghi.

Matteo Renzi (Foto di repertorio)

“Non è solo un libro, ma anche la testimonianza di un atto di coraggio compiuto da pochi contro il parere di tanti per dare all’Italia una guida autorevole, stimata e capace come Mario Draghi”, commenta il deputato romagnolo Marco Di Maio, promotore dell’evento che sarà l’occasione anche per commentare i principali fatti di attualità politica nazionale e, ovviamente, anche una riflessione sulle elezioni comunali di Ravenna in cui Italia Viva – il partito di Matteo Renzi – è impegnato con la lista “Ravenna in Campo” promossa dal renziano Roberto Fagnani. 

Ancisi (Lista per Ravenna e alleati): Ravenna diventi “città dello sport diffuso”

Nel “Programma 2021-2026 per il buon governo dell’amministrazione comunale, con cui Lista Ravenna si presenta alle elezioni, Ravenna è proposta come “città dello sport diffuso, accessibile a tutti, da promuovere in ogni suo aspetto, a partire dalle dotazioni infrastrutturali, fino ai progetti di collaborazione con le scuole.” Primo punto è una “mappatura degli impianti sportivi cittadini, da cui definire un programma di interventi, distribuito nel quinquennio, per recuperare e riqualificare le strutture obsolete o dismesse. Ad affiancare l’amministrazione, ci sarà un Coordinamento dello Sport, in rappresentanza di tutte le associazioni e società sportive di Ravenna, per proporre progetti, eventi ed iniziative e predisporre i bandi e i criteri di assegnazione dei finanziamenti, da collegare, secondo un regolamento comunale, ai progetti che sappiano tenere conto di tutti i fattori in gioco. Questo Coordinamento servirà anche a produrre una riforma del regolamento d’uso delle palestre, per fissare criteri equilibrati di assegnazione degli spazi capaci di conciliare le esigenze delle società più forti, per storia, fama e sponsorizzazioni, con quelle delle piccole, ma vitali, società amatoriali che si autofinanziano con sacrificio, aprendo opportunità di inserimento anche per nuove formazioni che aspirino ad organizzarsi e a svilupparsi. Anche la concessione degli impianti sportivi richiede una revisione, così come è necessario individuare spazi pubblici da destinare al cosiddetto “sport non organizzato” dei cittadini, per dare a tutti la possibilità di praticare attività sportiva all’aria aperta singolarmente o in gruppo, ma senza dover necessariamente fare parte di organizzazioni.”

Alvaro Ancisi

“Promuoveremo o realizzeremo eventi sportivi anche di portata medio-piccola, dietro cui però ci sia un preciso progetto di marketing territoriale. Le iniziative finalizzate ai giovani che richiamino partecipanti anche da fuori territorio saranno collegarle al tessuto turistico per fare dello sport anche un’opportunità di sviluppo per la città. Rivolgeremo più attenzione all’atletismo paraolimpico e alle attività sportive per disabili riguardo al loro accesso agli impianti sportivi, proponendoci un centro sportivo polifunzionale per le disabilità, non  per creare una sorta di ghetto, ma come luogo di riferimento dove ognuno possa spaziare nella scelta delle proprie opportunità sportive. Incentiveremo la pratica sportiva femminile e l’indizione di veri e propri corsi sportivi di training autogeno e autodifesa per disincentivare la violenza sulle donne, mirati anche allo stimolo in fasi delicate della vita femminile (come il dopo maternità e la menopausa). Istituiremo infine programmi di formazione per management sportivo e per la formazione di percorsi stabili anche oltre la carriera sportiva, utili all’inserimento nel mondo del lavoro, con l’individuazione di atleti ed ex atleti importanti che rispecchino i valori positivi dello sport e rappresentino un esempio positivo per le nuove generazioni.” Così Alvaro Ancisi candidato Sindaco di Lista per Ravenna e del polo civico collegato.

Ancarani con Bernini e… l’ambasciatore di Donati: prove tecniche di disgelo nel centrodestra

Ancarani

Nelle prime fasi di questa campagna elettorale se le erano date di santa ragione. Stiamo parlando di Alberto Ancarani e Filippo Donati. Soprattutto il primo aveva sparato ad alzo zero sul secondo, che aveva preferito rispondere il meno possibile, “per non avvelenare i pozzi” come si dice in gergo. Poi piano piano che ci si avvicinava al voto la polemica si è smorzata. Per finire che ieri sabato, uno dei principali collaboratori al programma di Filippo Donati, l’ex candidato Sindaco Massimiliano Alberghini, si è presentato all’incontro elettorale di Ancarani, Bernini e Fratin e ha cominciato a parlare fitto fitto con la curatrice della campagna elettorale di Ancarani, Samantha Tardi. Insomma, siamo agli ambasciatori che si parlano. D’altra parte è destino che si parlino prima o poi anche i due diretti interessati, poiché al ballottaggio andrà uno solo dei due, se ballottaggio sarà. E allorà toccherà lasciar da parte le vecchie ruggini e decidere di fare quadrato nel centrodestra fra Lega, Fratelli d’Italia e Forza Italia. Almeno fra loro.

Fusignani (Pri): il voto laico per Ravenna è all’Edera, che “rappresenta la ricomposizione del mosaico delle istanze cittadine”

“Alle elezioni del 3 e 4 ottobre il voto laico sarà fondamentale”, così Eugenio Fusignani, vicesindaco di Ravenna, segretario provinciale e capolista PRI: “il Partito Repubblicano è stato da sempre alla guida della città. Veniamo da cinque anni di lavoro intenso, che mi hanno visto protagonista come amministratore e come dirigente del partito. Sono onorato di guidare questa lista, che, sulla scorta dell’affermazione ottenuta dal Pri di Ravenna alle amministrative del 2016, e in tutte le successive tornate elettorali, si è aperta ancora di più al mondo civico e alle donne. Resta da completare un lavoro importante per Ravenna. Lanciamo per questo una nuova sfida per il governo della città per portare a compimento il tanto che abbiamo messo nel piano degli investimenti per i prossimi anni, per tutto il territorio, in particolare per il forese e per i lidi”.

Fusignani

“Ho letto in questi giorni ipotesi le più fantasiose sulla stampa locale, ma il vero punto politico è che il Pri, forte della sua storia politica e di buon governo cittadino, si presenta a questa tornata elettorale confermando la propria collocazione nel centro sinistra, come alleato consolidato della coalizione”, sottolinea Eugenio Fusignani, che prosegue: “E lo fa con una lista, composta da 16 candidati e candidate che provengono dalle fila del Partito Repubblicano, affiancati da altri 16 uomini e donne indipendenti, in rappresentanza del mondo civico, dalla società civile, del mondo dell’artigianato, del turismo, del commercio, dell’impresa, delle professioni, della solidarietà. Per noi è la ricomposizione di un mosaico che rappresenta al meglio le istanze cittadine, i volti di una società nuova, complessa, vivace, civica e che ha una visione futura di Ravenna. Non è un caso che le donne in lista siano la maggioranza, ben 21, a dimostrazione dell’attenzione del Partito Repubblicano di Ravenna nei confronti dei cambiamenti della società e delle esigenze reali della città di Ravenna”.

Verlicchi (La Pigna e alleati): il tour si conclude il 30 settembre al 3 di Briscola dove era iniziato

Verlicchi

Veronica Verlicchi, candidata Sindaco della Pigna e delle liste collegate, in questi ultimi giorni prima del voto amministrativo ha in programma incontri con diverse associazioni di categoria, CNA, Confcommercio, Confesercenti, associazioni sportive, culturali e imprese. Venerdì 24 settembre presso il Grand Hotel Mattei Verlicchi ha ospitato l’economista Riccardo Puglisi, docente associato dell’Università di Pavia. Il tour elettorale di Veronica Verlicchi si concluderà giovedì 30 settembre con la cena organizzata presso il 3 di Briscola a Campiano, dove alcuni mesi fa la stessa Verlicchi aveva inaugurato la sua campagna elettorale.

Lorenzo Ferri e il PC chiudono la campagna elettorale con Marco Rizzo

Domani, lunedì 27 settembre alle ore 18, in Piazza XX Settembre a Ravenna, si chiuderà la campagna elettorale del Partito Comunista e del suo candidato Sindaco Lorenzo Ferri. Interverrà Marco Rizzo Segretario Generale del Partito Comunista.

Ferri PC

Alla Rocca la presentazione della lista “Ambiente e Territorio con Maiolini”

“Il nostro è un progetto che va oltre l’obiettivo delle elezioni amministrative di ottobre. Abbiamo deciso di presentarci a queste consultazioni perché intendiamo portare avanti i temi su cui abbiamo lavorato in Consiglio comunale con Maiolini negli ultimi cinque anni. Il dialogo costante e franco di questi anni con la maggioranza di centrosinistra, ci ha convinti che i nostri temi avrebbero potuto essere accolti, condivisi e sviluppati dalla coalizione con Michele de Pascale candidato sindaco. La nostra lista è formata da dodici donne e dodici uomini, che rappresentano un ampio spettro del mondo professionale. Nel gruppo abbiamo esperti nel campo sanitario, urbanistico, portuale, nei lavori pubblici, ma anche cittadini ex consiglieri territoriali, operatori interculturali, docenti, un avvocato ma anche una casalinga e un operaio. Intendiamo chiedere la realizzazione di comunità energetiche, azzerare il consumo e l’impermeabilizzazione del suolo, mobilità sostenibile, inclusione culturale e sociale, prevenzione sanitaria e alimentare nelle scuole.” Così Marco Maiolini capolista.

Maiolini

Panizza (3V): “totalmente contrario al Green Pass, è una forma di discriminazione”

“Sono totalmente contrario al Green Pass, una forma di discriminazione, che così come è stato introdotto ha solo una valenza politica e non sanitaria. Se è vero che il Green Pass è stato introdotto a tutela della salute ed è a garanzia per fermare il contagio, dovrebbe essere rilasciato solo con il tampone, visto e considerato che sia il ‘vaccinato’ che chi ha già contratto la malattia non può escludere di ricontagiarsi né di conseguenza di poter contagiare. Ciò premesso il Green Pass non deve essere un’arma per vessare i cittadini che hanno deciso per scelta o a tutela della loro salute di non vaccinarsi. Pertanto i tamponi devono essere facilmente eseguibili oltre che non invasivi ed economicamente sostenibili. Se il Governo ha imposto che debbano essere fatti per poter accedere ai luoghi di lavoro, e per poter usufruire di molti servizi pubblici, deve garantire la giusta copertura sul territorio di punti dove eseguire il tampone e con l’estensione di orario in modo che lo si possa eseguire prima o dopo di andare al lavoro, nella pausa pranzo e nei giorni festivi. A Ravenna abbiamo solo la farmacia comunale 8 aperta h24 7/7. I cittadini sono costretti a lunghe ed interminabili file. E questo coinvolge tutti, non solo le persone ‘non vaccinate’. Tutto questo è assurdo e inaccettabile. Siamo in emergenza? Allora che venga esteso l’orario e i giorni di apertura delle farmacie! Oppure che si ritenga valido anche il test rapido dei tamponi acquistabili nei supermercati e nelle parafarmacie, ovvero che venga estesa la validità dei tamponi a quattro giorni!” Così Emanuele Panizza candidato Sindaco 3V.

Emanuele Panizza candidato sindaco 3V

Gli altri candidati e le altre liste

Adinolfi a Ravenna per Il Popolo della Famiglia a sostegno di Ancisi. Nella giornata di sabato 25 settembre si è tenuta la manifestazione elettorale della lista de Il Popolo della Famiglia presente il leader nazionale Mario Adinolfi, il consigliere nazionale Mirko De Carli, il capolista Eugenio Dima e il candidato sindaco Alvaro Ancisi. Il Presidente del PdF Mario Adinolfi ha dichiarato: “Sono qui per invitarvi a votare PdF e Ancisi perché siamo gli unici che si battono contro l’inverno demografico in una città dove i morti ogni anno sono più dei nuovi nati, perché sostenere il ruolo della donna non significa parlare all’infinito di “gender gap” ma riconoscerne il ruolo sociale e pubblico quando diventa madre e perché dare soldi e garanzie a chi mette al mondo figli e crea lavoro per i propri familiari è più produttivo che gettarli nei finanziamenti ad associazioni o movimenti che promuovono la non cultura arcobaleno e quella della droga libera o dell’eutanasia”.

Gasperoni (Alleanza di Centro): marijuana terapeutica valido aiuto per chi soffre, ma introvabile a Ravenna. “La legge 94/98 che regola la prescrizione dei farmaci galenici (ossia preparati dal farmacista) sancisce che la cannabis medica può essere prescritta per qualsiasi patologia per la quale esiste letteratura accreditata; la cannabis terapeutica è un valido aiuto per la sclerosi multipla, nell’inappetenza vomito e nausea da chemioterapia o HIV, nel glaucoma, nella sindrome di Torrette, nel dolore cronico, nella terapia del dolore, nel morbo di crohn, epilessia, Fibro mialgia, Parkislson. Ma tutt’ora nonostante leggi e decreti, a Ravenna è impossibile reperire le varie formulazioni, a Cesena può essere venduta solo con ricetta del progetto Sole, discriminando così le migliaia di medici competenti che lavorano privatamente e visto che per una visita medica antalgica con SSN sono necessari mesi di attesa, saranno mesi passati soffrendo per chi è affetto da queste patologie. Unica chance è rivolgersi alla farmacia di Bibbiano, con ulteriore aggravio economico della spedizione. Fatti i conti un flaconcino di Cannabis terapeutica arriva alla cifra esorbitante di 150 euro. Vista la notevole efficacia del preparato e il risparmio economico che il SSN potrebbe avere evitando la prescrizione di farmaci meno efficaci e con maggiori effetti collaterali, eliminando inoltre lo spaccio illegale, di chi opta per il fai da te, crediamo debba diventare un farmaco facilmente prescrivibile e reperibile. Precisiamo che la cannabis terapeutica legale è altamente controllata, il dosaggio di THC monitorato è calibrato per patologia, cosa che non avviene per la cannabis procurata per strada che può procurare gravi danni alla salute.” Così Stefania Gasperoni candidata alle amministrative con Alleanza di Centro per Ravenna Bertolino Sindaco.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da batti

    salvini renzi e meloni sembra LA CALATA DEI BARBARI. ma non vedo nessun TEODORICO in questi

  2. Scritto da Italo

    SEnza piatto di cappelletti..non si cambia:-))

  3. Scritto da Viola

    Mi chiedo…ma un IMPRENDITORE, ripeto IMPRENDITORE che ha una dichiarazione dei redditi( fonte da giornali on line) pari a 14,900 euro (???) 14,900 euro!!! Sarà in grado di GOVERNARE BENE Ravenna? Posso avere dei DUBBI a tal proposito?

  4. Scritto da agi62

    Se fossi Ancisi non andrei tanto fiero di essere sponsorizzato da Adinolfi, basta leggere wikipedia per farsi un’idea del tipo di persona che è.
    Se Ancisi confermerà che condivide le idee di Adinolfi non avrà mai il mio voto.

  5. Scritto da Jenny

    Quindi a Ravenna c’è chi parla di Green Pass, chi parla di Ministeri del mare, chi presenta libri, chi fa passerelle con Gli amici di Berlusconi, ma delle cose da fare in città? Qualcuno ne parla? Questi non li voto sicuramente!

  6. Scritto da Lucio

    Visto che è un tasto abbastanza battuto nei commenti, non sapevo che per governare bene servissero ricchezze ingenti: in tal caso si chiama plutocrazia, eh. La democrazia è tutt’altra cosa, e tornare magari sui libri di storia o sociologia non guasta mai.

    Personalmente, e qui concludo con le mie libere opinioni sovente fuori dal coro (…), preferisco giudicare le persone dal sale in testa, più che dai soldi in tasca.

  7. Scritto da Alvaro Ancisi

    Agi62 e per chi può esserne interessato, stanotte, alle 3.20, ho spedito anche a ravennanotizie.it un comunicato contenente in sostanza, sotto il titolo LA FAMIGLIA AL CENTRO, la pagina del programma elettorale 2021-2026 di Lista per Ravenna sulla famiglia, comunque visibile dall’11 settembre sul sito http://www.listaperravenna.it/index.html, alla pag. 20, e sul sito del Comune di Ravenna https://www.comune.ra.it/il-comune/consiglio-comunale/gruppi-consiliari/gruppo-consiliare-lista-per-ravenna/comunicati-interventi-e-iniziative/ in data 2 aprile 2021 alla pag. 13. Questo comunicato di oggi era stato programmato come terza uscita, da sabato scorso fino a venerdì prossimo, su pagine significative del programma stessa, preceduto dall’Ambiente e dallo Sport. Cordialmente.

  8. Scritto da Rusty

    Sorprende anche me che Ancisi abbia accettato il sostegno di Adinolfi, impresentabile a tutti i livelli, che fa perdere più voti di quelli che porta. De gustibus.

  9. Scritto da Ancisi Ancisi

    Sig. Rusty, credo che contino i programmi e i candidati a Ravenna, altrimenti ogni pretesto è buono. Guardi quanti candidati sindaci si sono fatti sponsorizzare e da chi, tutti i giorni.
    Io non “mi sono fatto sponsorizzare” da nessuno sponsor.