Le Rubriche di RavennaNotizie - La città che...

Raccolta differenziata in alcuni stabilimenti balneari: una presa in giro per turisti e villeggianti!

Sono cliente in un bagno di Lido Adriano dove, come in tutti i bagni della riviera romagnola, sono installati, in spiaggia, i 4 bidoncini colorati per la raccolta differenziata dei rifiuti. Mi ha incuriosito il fatto che un addetto spiaggia, raccogliendo i quattro sacchi dei rifiuti differenziati li caricasse tutti insieme, con altri sacchi, in un bel carrello “Lidl”.
Mi son chiesto come facesse poi a riconoscere i rifiuti per metterli nelle apposite campane ubicate all’interno del parcheggio dello stabilimento. Sorpresa! I sacchi non sono stati svuotati negli appositi cassonetti ma portati al cassonetto indifferenziato ubicato sulla strada in viale Petrarca.
Ora, visti gli sforzi di alcuni turisti, anche stranieri, nel collocare in maniera corretta il rifiuto, mi chiedo come mai tanta superficialità, menefreghismo nei confronti dell’ambiente e dei turisti/villeggianti/cittadini che vengono continuamente sensibilizzati sulla raccolta differenziata, dove Ravenna è vero che non eccelle e che  deve migliorare, ma che comunque è sempre all’avanguardia come tutta la nostra Emilia-Romagna?
La raccolta differenziata in spiaggia è uno dei requisiti per l’ottenimento della “Bandiera Blu” dei nostri lidi….mi auguro che siano pochi i bagni che adottano questo sistema e spero di non vedere mai il bagnino redarguire un cliente perchè ha collocato un rifiuto nel bidoncino errato! Grazie.
Giorgio

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da luca rosetti

    normalmente il dipendente esegue gli ordini del titolare dell’azienda….può succedere che qualcuno non si comporti come richiesto, ma se periodicamente viene verificato l’operato dei collaboratori, si tratterebbe di isolati e spiacevoli casi….peggio se fosse la prassi, che andrebbe denunciata agli organi competenti per capire se regolare in base alle normative vigenti.
    luca rosetti

  2. Scritto da maria teresa

    Quando si leggono queste notizie ,peraltro non insolite, ci si sente veramente presi in giro!Del resto basta aprire un bidone ,per esempio della plastica …per trovarci dentro anche prodotti che non c’entrano nulla.Ma coloro che si “divertono” ad introdurre rifiuti sbagliati …si sentono intelligenti, furbi,scaltri o semplicemente ignoranti e stupidi?

  3. Scritto da Giovanni lo scettico

    Gentile Giorgio, ho il terribile sospetto che i camion della spazzatura vuotino i cassonetti di plastica, carta, umido, vetro e indifferenziata tutti assieme.

  4. Scritto da giorgio

    Egr. Sig. “Giovanni lo scettico” il suo “terribile sospetto” non può trovare giustificazione in tale comportamento scorretto dello stabilimento balneare in questione, se ne ha la certezza può effettuare segnalazione/denuncia ad Hera o Ciclat o Comune, altrimenti….
    Come già ribadito, è proprio perchè Ravenna non eccelle nella raccolta differenziata che occorre essere più sensibili all’ambiente, all’ecologia ed amare di più il nostro territorio romagnolo e dare il buon esempio. Grazie