Le Rubriche di RavennaNotizie - La città che...

La città che non ci piace: il ripristino del manto stradale e dei marciapiedi fatto con i piedi

Più informazioni su

Volevo denunciare (a dir poco) i vergognosi lavori di ripristino del manto stradale e dei marciapiedi sparsi per tutta la città, dopo i lavori di posa della fibra ottica. I ripristini come si evince dalle foto sono stati eseguiti con cemento anziché asfalto, in tante zone di Ravenna, ed è stato anche applicato male o con avvalli oppure in eccesso. Detto questo mi chiedo, ma chi ha autorizzato il lavoro spendendo danaro pubblico ha anche autorizzato l’impresa che lasciasse uno schifo così in giro per la città? I supervisori dei lavori pubblici dov’erano? Com’è possibile accettare a fine lavori uno schifo simile in tutta la città?

Lettera firmata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da leonarda lacchini

    siamo alle solite nessuno che controlli a fine lavori

  2. Scritto da NB

    E come non darti ragione.
    Ma i supervisori ai lavori pubblici sono anni che non ne vedo più in giro a seguire la manutenzione delle nostre strade, piazze, marciapiedi, etc. etc., e se ci sono …. devo dedurre che o non capiscono nulla, o fanno finta di controllare, visti i risultati che sono sotto gli occhi di tutti.
    Quando il Comune aveva i suoi operai ed i suoi netturbini, era diverso.
    Oggi, che tutto è dato in appalto, mi sembra evidente che qualcosa non va come dovrebbe.
    Pulizia delle aree comuni e manutenzione pubblica sembrano inesistenti.
    Ho visto personalmente tappare buche sul manto stradale, a Marina di Ravenna, mentre pioveva. L’asfalto pronto in sacchi veniva versato nelle buche colme d’acqua e pressato con i piedi o con la ruota del furgone degli operai.
    Chiaramente nessuno ha mai controllato il risultato finale di tale pasticcio, che però abbiamo pagato tutti quanti noi!
    Ricordiamoci, però, che dipende anche da noi, basta mettere la crocetta su di un altro simbolo…

  3. Scritto da Cz

    Credo debbano ripassare ad asfaltare, almeno così è successo dove abito io, ma cmq i tempi sono troppo lunghi !

  4. Scritto da c.

    Tempo fa, se non ricordo male, ci fu qualcun’altro che sollevò lo stesso problema e la risposta fu che “il manto rosa era provvisorio in attesa di solidificazione” (o qualcosa di simile) e poi si sarebbe potuto posare il catrame.
    Non mi sembra che la cosa sia avvenuta, per i lavori precedenti…