La città che non ci piace: I Dinner show sono discoteche sotto falso nome, senza distanziamento nè mascherine

Scrivo per segnalarVi che alcuni locali della zona, dopo le misure anti-Covid emanate dopo Ferragosto, hanno deciso di adottare un format chiamato “Cena con spettacolo/dinner show” (lo chiamano tutti così nelle loro pagine facebook) e allegano, il giorno dopo, decine di foto che testimonia quanto segue: apparentemente il format sembra invitare clienti a mangiare e a godersi uno spettacolo, purtroppo però le foto e le testimonianze di chi frequenta la nostra Riviera dimostrano che non è così.
Dopo la fase “cena” di una “Cena con spettacolo” il clima si scalda e parte la musica alta. I locali adottano misure, provano a farle rispettare (ma comunque mettono musica che incita al ballo, quindi questo è un forte controsenso)… e il vocalist! Sarebbe sufficiente un divieto a tenere alta la musica e l’obbligo di mantenere le luci statiche per non invitare al ballo. Insomma, questi locali sono, a tutti gli effetti, discoteche sotto falso nome.
Le discoteche dovrebbero essere chiuse per evitare quello che è già accaduto nel locale “Le Indie”. E il Decreto impone di indossare le mascherine dopo le 18.00 (ovviamente non a cena, ma dopo sì.)
Da lavoratore sempre a contatto con la gente e da padre di famiglia vorrei che assembramenti di questo tipo fossero vietati (presto ci saranno le famigerate feste di “fine stagione”) e che il contagio fosse arginato il più possibile, in modo da permettere a tutti i nostri figli di ricominciare a frequentare le scuole a settembre (ne hanno il diritto) come noi abbiamo il dovere di evitare inutili rischi per il bene e la salute della comunità, e anche e soprattutto di rispettare la legge.

Lettera Firmata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da roberta

    Il problema è che i genitori mandano i ragazzi in questi locali come se niente fosse…e le conseguenze le paghiamo tutti noi.

  2. Scritto da Erik Lugaresi

    Mi meraviglio del pressapochismo della vostra testata, da lavoratore dello spettacolo vi invito
    1 a pubblicare il nome di chi manda questa lettera!
    2 chi l’ha scritta abbia il coraggio di dire in quali locali ha osservato queste cose, perché è ora di finire lo sciacallaggio generico e colpevolizzare SOLO CHI TRASGREDISCE
    3 State discreditando e colpevolizzando migliaia di professionisti, che vivono di questi mestieri, senza ammortizzatori sociali che stanno cercando di sopravvivere nel rispetto delle regole e che usano ogni mezzo a disposizione per sensibilizzare il pubblico
    Spero che anche il nostro sindacato adotti tutti gli strumenti anche legali per dare un taglio a questi resoconti superficiali e generici che offendono la nostra professionalità