Le Rubriche di RavennaNotizie - La città che...

La città che non ci piace: “In pericolo il viale di tigli di Castel Bolognese, monumento alla ricostruzione postbellica”

Più informazioni su

Chi scende dalla stazione a Castel Bolognese è accolto da uno spettacolare viale di tigli, circa 280 alberi di 75 anni. Li accompagnano oltre 110 tigli che incorniciamo il giro delle mura del Castello. Furono piantati come primo atto della ricostruzione di un paese devastato dai lutti di guerra, da chi pensava che i sopravvissuti avessero bisogno di bellezza, per poter ricominciare a vivere. Non era facile trovare alberi in quel tempo, né mezzi di trasporto. Si andò in Toscana a comprare alberi di prima qualità, che crescessero sani. Furono piantati gli alberi ancor prima di ricostruire le case. Questa fu una decisione di chi il paese aveva retto durante il periodo durissimo dell’occupazione. Ed è una decisione apprezzata già allora, di cui andiamo ancora fieri,

Anche il Sindaco, intervenendo a proposito in Consiglio Comunale un mese fa, ammette il valore dei tigli del viale, vero monumento alla ricostruzione post bellica del paese, e sembra dichiarare che l’amministrazione è disposta a investire denaro sul viale. Ma, a quanto capiamo, nessuno vuole assumersi responsabilità di eventuali cadute di alberi o rami, tantomeno il servizio tecnico. Motivo di più per chiedere che del viale si occupino persone esperte.

Effettivamente i tigli sono stati capitozzati a più riprese, l’ultima volta nel 2012. A chi diceva che gli alberi sarebbero stati rovinati fu risposto che non era affatto vero. Eppure le capitozzate avrebbero rovinato un quarto del viale. L’analisi visiva, condotta da terra e poi da cestello, dello stato attuale dei tigli di viale Cairoli “descrive una situazione con problematiche sanitarie generalizzate, che presumibilmente evolveranno al punto da prevedere il progressivo abbattimento degli alberi del viale” così scrive il dott. agr. Giuseppe Orselli di Russi il 25 giugno 2020, che ha selezionato 45 tigli che saranno abbattuti già lunedì prossimo.

Castel Bolognese ha un regolamento del verde e cittadini attenti. Già nel 2012, su richiesta di cittadini del Comitato Ambiente e Paesaggio a Castel Bolognese, chiese l’intervento del servizio fitosanitario della regione. Gli incaricati dei lavori del comune avevano selezionato per l’abbattimento decine di piante, perchè i tigli facilmente diventano cavi. Mentre l’ispezione visiva segnalava circa 90 piante come instabili, la perizia strumentale permise di verificare che gran parte dei tigli erano per lo più stabili anche se cavi e gli abbattimenti furono limitati.

Ora siamo da capo. La notizia del taglio, previsto per lunedì 7 settembre, è stata pubblicato sul sito web del comune solo venerdì 4, benché effettivamente l’argomento fosse stato affrontato in consiglio comunale a fine luglio. D’altra parte l’amministrazione non aveva risposto a richieste dei cittadini nello stesso periodo che volevano sapere se vi fossero interventi previsti sul viale.

Cerchiamo di capire ora come sia opportuno procedere, al fine di aumentare sia la sicurezza dei cittadini che la tutela degli alberi. Sicuramente pensiamo che un viale simile meriti una seconda perizia, condotta non da agronomi, ma da arboricoltori qualificati. Perché la tutela del verde pubblico richiede esperti. E perizie non solo visive ma strumentali. Sappiamo che un nostro concittadino, persona con competenza consolidata nella cura degli alberi (arboricoltore certificato Società Italiana di Arboricoltura, con responsabilità regionali) ha offerto al comune gratuitamente un aiuto per una analisi più accurata della situazione. E’ stato anche richiesto il supporto del Servizio Fitosanitario Regionale per valutare possibili interventi di risanamento.

Ovviamente occorre immediatamente sospendere gli interventi e procedere velocemente a ulteriori accertamenti. Di pubblicare la perizia relativa a ogni singolo albero, sulle pagine della trasparenza, come previsto dalla normativa.

Chiediamo che, in accordo alla legge 10/2013, il Comune si attivi per far riconoscere quanto prima la monumentalità del viale e poter accedere agli strumenti di tutela e finanziamenti per il verde monumentale. Chiediamo che si discuta pubblicamente l’intervento e i progetti di ripristino, e il rispetto del Regolamento del verde comunale.

Il viale è uno dei pochi angoli di bellezza del paese. In questo periodo speciale, di ansia, di spostamenti e incontri limitati, quel viale ci cura, ci accompagna, ci coccola. Vederlo curato in maniera non adeguata ci causerebbe enorme dolore. Distruggere il viale senza aver cercato di salvarlo sarebbe un errore di portata storica.

Riferimenti:
Comunicazione Comunale del 4 settembre 2020 relativo al taglio di 45 tigli
http://www.comune.castelbolognese.ra.it/Archivio-Notizie/Abbattimento-tigli-malati-del-Viale-della-Stazione

Analisi del dott. agr. Giuseppe Orselli
http://www.comune.castelbolognese.ra.it/content/download/7741/94761/file/2020-07-13_51055-FASC.%2006-05%20136-2020%20Relazione%20VTA%20in%20quota%20di%20Viale%20Cairoli.pdf

Perizie dei viali del 2013, sia visive che strumentali
http://www.comune.castelbolognese.ra.it/Comune/Amministrazione-trasparente/Informazioni-ambientali/Stato-dell-ambiente/Gestione-del-verde/Perizie-stato-alberature-comunali

Regolamento del verde comunale
http://www.comune.castelbolognese.ra.it/Servizi/Ambiente/Gestione-del-verde

La capitozzatura degli alberi nel 2012 e il parere della Regione
https://erbadulcamera.wordpress.com/2013/01/07/capitozzatura-dei-tigli-il-parere-della-regione/

Articoli del Comitato Ambiente e Paesaggio a Castel Bolognese
https://erbadulcamera.wordpress.com/

Per il Comitato Ambiente e Paesaggio, Alessia Bruni

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da opere inutili

    Concordo pienamente con gli autori dell’articolo

  2. Scritto da armando

    il taglio degli alberi , io l’ho sempre paragonato al taglio dei nostri capelli: ogni tanto va fatto e i capelli crescono piu belli e folti di prima.- !!! quindi….