Quantcast

Le Rubriche di RavennaNotizie - La città che...

La città che non ci piace. Scritte sui muri del Perdisa: “siamo senza futuro, i prof qui pensano solo ai soldi”

Sui muri dell’Istituto Tecnico Agrario “Morigia-Perdisa” di Ravenna è apparsa la scritta con accuse anonime:”Poi ci chiedono perché siamo senza futuro…i prof qui pensano solo ai soldi”.

La foto che ritrae l’imbrattamento del muro della scuola superiore è stata pubblicata sulla pagina Facebook di “Sei di Ravenna se…2.0” e ha ricevuto tantissimi commenti da parte degli utenti.

“Forse intendono che i prof pensano solo a prendere lo stipendio, indipendentemente che sia alto o basso, senza fare bene il loro mestiere” commenta un utente; “non tutti i professori pensano solo ai soldi e non tutti i ragazzi sono bugiardi evidentemente questa ragazza/o ha avuto brutte esperienze” risponde un’altra.

“Se finalmente vi state accorgendo che vi stanno togliendo il futuro, sarà meglio che iniziate a fare qualcosa invece di scrivere sui muri o stare ore sui social” aggiunge un altro; “i prof pensano solo ai soldi?? Ci sono certamente problemi per il futuro dei giovani, ma questa motivazione è veramente surreale” commenta un altro.

 

 

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da leo

    e allo9ra ragazzi è il vostro momento chiedete cose concrete – siate uniti-
    scuola a tempo pieno sport musica arte- due anni di superiori uguali per tutti con diversi indirizzi
    per decidere poi verso quale vi sentite più portati – siete il nostro futuro
    e questa scuola certamente deve cambiare- nessuno vi interpella mai -fate in modo civile- che
    questo non avvenga più fatevi padroni del vostro futuro

  2. Scritto da Stella M.

    Da condannare assolutamente l’imbrattamento del muro della scuola, ma purtroppo i figli si stanno rendendo conto di ciò che pensano anche i genitori. purtroppo gli “insegnanti” quelli veri ormai si contano sul palmo di una mano. Di chi sia la colpa non saprei, ma l’insegnamento una volta era una specie di missione ora è una normale routine, compiti, studio, voto, nota ecc..
    Purtroppo per esperienza personale non mi meraviglio dei 10 insegnanti scadenti di mio figlio, ma mi meraviglio dell’unico bravo (professionale, gentile e disponibile), ma non dovrebbe essere così!

  3. Scritto da Eric

    Ah, vabbe’, se tra 15 e 19 anni gia’ si e’ convinti che la responsabilità e’ sempre di qualcuno altro….

  4. Scritto da Luca

    …Avete a disposizione internet 24 ore al giorno, 7 giorni su 7. Anziché perdere tempo sui “social” (…?) di turno, pensate a farvi una cultura tecnica, umanistica o scientifica sul web, se quanto vi viene offerto a scuola non vi basta. Chi cerca, trova. “Homo faber fortunae suae.”

  5. Scritto da Cesare

    Gentile signora Stella mi piacerebbe sapere in base a quali criteri ed a quali conoscenze giudichi un insegnante scarso ( nel suo caso addirittura 10 su 11). Un docente per poter svolgere il proprio lavoro deve frequentare 5 anni di università, anni aggiuntivi di specializzazioni, ovvero 7 /8 anni di studi intensi ( e di tasse piuttosto care). Le assicuro, inoltre, che lo stipendio non è da nababbi, tutt’altro.
    Un docente, magari scarso, ma che fa il proprio lavoro con impegno e dedizione