Le Rubriche di RavennaNotizie - La posta dei lettori

Schifato dal POF Piano di Offerta Formativa del Comune di Ravenna e dalle… informazioni “giuste” dell’Arci Gay

Più informazioni su

Spett. Redazione, sono rimasto veramente schifato dal POF (Piano di Offerta Formativa) del Comune di Ravenna. Quello che mi fa più impressione, prima che l’orientamento ideologico, è la povertà culturale di chi lo ha partorito.
Nel documento c’è una sezione “Arci Gay”, dove si afferma che questa associazione (chiaramente ideologizzata e di parte) deve entrare nelle scuole di Ravenna per “fornire giuste informazioni relative all’orientamento sessuale e l’identità di genere”.
Questo aggettivo (“giuste”) fa venire la pelle d’oca; fa venire in mente le politiche educative dei regimi del secolo scorso. Quelli che pretendevano di dare le informazioni “giuste” al popolo bue.
Come si può avere la pretesa che esistano informazioni “giuste” in assoluto su temi così importanti e opinabili? Viviamo nell’era del relativismo. Karl Popper ci ha insegnato già un secolo fa che non esistono nemmeno le teorie scientifiche “giuste” (anzi non esistono nemmeno quelle “verificabili”, ma solo le “falsificabili”) , e questi “geni” del Comune di Ravenna e dell’Arci Gay ci vengono a parlare di informazioni “giuste”, che poi sarebbero quelle che darebbero loro!
Non capisco perchè le teorie dell’Arci Gay sulla sessualità devono essere quelle “giuste”. Sarebbe come dire che le informazioni sul comunismo fornite da Rifondazione Comunista dovrebbero essere quelle “giuste”, mentre quelle data da altri di diverso orientamento politico sarebbero “sbagliate”.
In realtà non capisco proprio perchè una associazione del genere debba entrare nelle scuole. Le scuole devono essere affidate a gente assolutamente trasparente e disinteressata. Non certo a gruppi ideologizzati che tirano l’acqua al proprio mulino. Con in più l’arroganza di essere quelli che hanno il monopolio delle informazioni “giuste”.
Siamo di fronte ad una forma di indottrinamento ideologico veramente infame. Ai danni dei bambini, dei ragazzi e delle loro famiglie.

Clemente Fioravanti

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Giovanni lo scettico

    Gentile Clemente, le associazioni ideologizzate nella scuola ci sono da decenni. Ha presente l’ora di religione?

  2. Scritto da aaa

    sei solo un bigotto omofobo.

  3. Scritto da Erre

    Gentile Sig.Fioravanti, Lei cita poche parole sulle teorie scientifiche e sulle affermazioni in merito di Karl Popper; ma, da come ne parla, potrebbe facilmente confondere chi non conosce l’argomento. Infatti, per essere il più breve possibile, lo stesso Popper riconosce l’enorme importanza delle teorie scientifiche che, se non sono “giuste” (parola mai usata da Popper, che parla invece di ingiustificabilità di una teoria, che è altra cosa), possono però essere sempre più corroborate dai successi ottenuti e quindi temporaneamente valide e da usare in attesa di teorie migliori. Quanto alla falsificabilità, che potrebbe sembrare a chi legge il punto debole di una teoria, si tratta invece della caratteristica che distingue una autentica teoria scientifica da affermazioni che, non ammettendo l’esperimento cruciale che le falsificherebbe dimostrandone l’invalidità, non riescono ad avere valore di conoscenza.

  4. Scritto da artemio

    Caro Giovanni hai ragione l indottrinamento continua! vedere quelli dell’ Arci gay con la maglietta del Che, uno che aveva istituito campi di concentramento per omosessuali, poi pensare che possano dar lezioni ai bambini..

  5. Scritto da Lui

    Egregio sig.Artemio, i campi di concentramento dove finirono anche omosessuali, furono costituiti da Fidel Castro (1965-1968), che poi chiese scusa assumendosene la responsabilità; per la precisione furono costituiti dopo che il Che lasciò Cuba.
    Magari informarsi prima di scrivere ..?

  6. Scritto da Patrizia Fermani

    Ineccepibili le rimostranze del Signor Fioravanti e inconcepibile l’avallo dell’autorità scolastica a simili iniziative. il sopruso e l’arbitrio riflettono le loro ombre inquietanti sulla scuola che diventa ogni giorno di più un luogo da cui difendere i più indifesi, cioè gli alunni.

  7. Scritto da artemio

    Caro Lui.basta cercare su google e vedra’ che sarà smentito! Comunque proprio il suo commento mi conferma che le preoccupazioni del sig. Fioravanti sono corrette