ANLC Ravenna accusa Enpa di aver diffuso notizie tendenziose su Valle della Canna

ANLC Ravenna ha diffuso un comunicato stampa in merito alla vicenda della Valle della Canna, in particolare alla gestione delle notizie di Enpa che, a detta dell’associazione favorevole alla caccia, avrebbe diffuso tanti articoli che tirano in ballo negativamente il mondo venatorio.

Nella lettera si legge quanto segue: “Enpa tira in ballo il mondo venatorio scordandosi, ad arte, che chi ha creato il problema non sono stati i cacciatori bensì chi era preposto alla tutela e alla gestione di quel territorio. I cacciatori sono stati al pari degli altri cittadini ravennati coloro che hanno subito il danno, non chi lo ha creato. E lo hanno subito due volte, la prima come cittadini, la seconda come cacciatori. Nonostante siano stati gli unici a prestare la propria opera in questo frangente. Ora possiamo anche capire il senso di frustrazione provato dalle associazioni ambientaliste, nel non vedere frotte di loro associati precipitarsi nella Valle della Canna per prestare la propria opera. Evidentemente non fa parte del loro DNA. Per quanto riguarda l’essersi proposti per gestire Valle della Canna, Punte Alberete e le pinete, vorremmo ricordare all’Enpa che la nostra proposta vuole coinvolgere l’A.T.CRA 2, la quale ha al suo interno le rappresentanze sì del mondo venatorio, ma anche degli ambientalisti, degli agricoltori e dell’ente pubblico. Lo chiediamo con forza in quanto giudichiamo politicamente deficitaria la gestione degli ultimi decenni, a trazione squisitamente ambientalista. Per quanto concerne le responsabilità riteniamo di non doverci addentrare in ipotesi che non ci competono, confidando nel lavoro approfondito e puntuale della Magistratura”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da stevan e smaghe'

    SACROSANTE VERITA’ TROPPO SPESSO SOTTACIUTE E CONFERMATE DAI FATTI

  2. Scritto da maria teresa

    Il fatto cmq chiaro (..colpe o non colpe) è che sono morti tantissimi animali e che l’emergenza potrebbe riapparire nella prossima estate!Quindi bisogna intervenire con fermezza. Lo si farà o pian piano il problema si affievolirà fino a riapparire in estate peggiore di prima?