Le Rubriche di RavennaNotizie - La posta dei lettori

Ravenna. Numerosi incidenti stradali in centro, cittadini sempre più allarmati

Più informazioni su

Nella serata di sabato 14 dicembre 2019, nell’incrocio tra le via don Minzoni e Sabbionara nel centro di Ravenna è avvenuto l’ennesimo incidente stradale, per fortuna senza conseguenze per le persone, ma con danni materiali e soprattutto preoccupazioni per i residenti. Un’autovettura proveniente da via San Gaetanino, nella curva del bivio tra via Don Minzoni e via Sabbionara ha perso il controllo ed ha urtato le vetture in sosta. Chi era alla guida si è poi dato alla fuga, per non essere identificato. Oltre al comportamento deplorevole dopo il sinistro dell’automobilista sconosciuto, va sottolineata la velocità sostenuta dello stesso, tale da spostare ben tre vetture parcheggiate di alcuni metri in avanti e la pericolosità di tale comportamento laddove fossero stati presenti pedoni.

Nella sera del 22 dicembre 2020 si è registrato un nuovo incidente nello stesso punto della via. Lo scontro ha determinato ingenti danni ad un’autovettura parcheggiata ed alla recinzione di una casa privata, nonchè l’abbattimento di un cartello stradale, ma soprattutto il pericolo di una fuga di gas, essendo stata colpita una conduttura esterna, con intervento dei vigili del fuoco.

Noi residenti della zona siamo particolarmente preoccupati per l’incolumità nostra e soprattutto dei bambini e ragazzi, che percorrono queste vie, che sono scambiate per una pista automobilistica da alcuni conducenti. Ciò malgrado il limite di velocità di 30 km/h, presente in zona, pur non efficacemente segnalato.

Oltre a pretendere il rispetto delle regole dagli automobilisti, chiediamo l’intervento delle autorità preposte per la realizzazione di efficaci misure di controllo della velocità e prevenzione, affinchè non abbiano a ripetersi simili episodi, con conseguenze potenzialmente molto gravi in caso di coinvolgimento di pedoni.

Fabrizio Righini

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Gianni C.

    Se ignorate i fatti nn date la colpa al cellulare:-))):-))))

  2. Scritto da Ale76

    L’educazione stradale (e la capacità di guida di molti cittadini) a Ravenna è piuttosto scarsa…

  3. Scritto da Ago

    Secondo me è a rischio tutta la città senza esclusione di alcuna zona. E i soggetti più a rischio sono i pedoni. Ormai attraversare sulle strisce ed essere sfiorati da auto in marcia è all’ordine del giorno. In più se ci si lamenta con il guidatore di turno si viene offesi e mandati al diavolo. E se l’auto più vicina al punto di attraversamento si ferma, bisogna stare attenti a quella che giunge sull’altra corsia il cui conducente non si chiede assolutamente come mai chi lo precede abbia interrotto la marcia. A volte verrebbe voglia di…..

  4. Scritto da Massimo

    Capire che non serve a niente mettere dei limiti illogici di 30 km/h, se poi i controlli sono ZERO e di fatto legittimano anarchia, violenza e prepotenza alla guida. Però hanno messo in giro tanti begli autovelox, magari garantiranno un certo gettito alle casse comunali, ma i risultati sono questi.
    E non tiriamo fuori la solita menata del “l’organico della polizia è insufficiente”: con quel che combinano gli automobilisti ravennati, in mezza giornata una pattuglia si pagherebbe il mese. Evidentemente qualcuno ha interesse che sulle strade regni prepotenza e caos.

  5. Scritto da Patroclo

    Concordo con Ago…e se ti fermi quello di dietro dorme o scrive sms o telefona e non mantiene la distanza di sicurezza, si rischia il tamponamento. Troppi asini alla guida.

  6. Scritto da Giovanni lo scettico

    Multe, multe, multe! C’è bisogno di soldi!

  7. Scritto da pippo

    lettera formale e inutile.