Le Rubriche di RavennaNotizie - La posta dei lettori

In fila da ore per l’acquisto dell’abbonamento al Teatro comico, senza ottenere nulla. Organizzazione da rivedere

Ero tra quelle persone che sabato mattina, 18 gennaio, si trovava in fila fuori dal Teatro Alighieri di Ravenna, già da qualche ora prima dell’apertura del biglietteria per poter acquistare in tempo l’abbonamento alla nuova stagione del Teatro comico. Alcune signore addirittura erano lì dall’alba, sedute fuori dall’ingresso principale con coperte per proteggersi dal freddo. E anche io come le tantissime persone in attesa, non sono riuscita a comprare l’abbonamento nonostante fossi arrivata tra i primi. Una gestione della situazione, di cui non posso far altro che parlare male. E questo non solo perché circa 500 abbonamenti su 900 sono riservati ai soci Cral, ma anche perché l’acquisto dell’abbonamento in biglietteria avveniva in contemporanea con quello online. Quindi all’apertura delle iscrizioni, la maggior parte dei biglietti sui 400 disponibili – ovviamente – sono andati via subito online.  Non solo, dopo l’ingresso delle prime persone, che hanno ottenuto i posti, ci è stato comunicato che i computer si erano bloccati, per l’elevato numero di utenti collegati.

Io, che avevo davanti a me circa 20 persone, sono tornata a casa senza nemmeno essere riuscita ad entrata in biglietteria, perché ad un certo punti gli addetti sono usciti comunicandoci che i posti erano terminati ed il sistema online era bloccato. Forse chi si occupa dell’organizzazione, dovrebbe rivedere il sistema di gestione delle prenotazioni.

Marta

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da MB

    Buongiorno, io ero in fila dalle 04,00 ed ero il numero 5, sono riuscito ad entrare ed acquistare i 4 biglietti accontentandomi di quello che era rimasto sullo schermo del pc biglietteria.
    Alle 10,15/10,30 tutto esaurito.
    Sono anni che si può riscontrare una elevata richiesta di questo spettacolo teatrale (Comico) ed ogni volte non si riesce a soddisfare tutte le richieste.
    Ma perchè 900 posti si volatilizzano in 30’….nessuna pensa a poter raddoppiare le serate….l’incasso sarebbe doppio e forse il personaggio comico potrebbe costare un pò meno….facendo due spettacoli.?
    Meditate organizzatori e datevi una risposta positiva per quelle centinaia e centinai di persone rimaste escluse. MB

  2. Scritto da SG

    Non ricordo da quanti anni sia attiva la stagione di teatro comico a Ravenna, ma da sempre è stato praticamente impossibile riuscire ad acquistare gli abbonamenti.
    Mai nessuno ha pensato di raddoppiare le serate, nonostante l’altissima richiesta, perchè?
    Evidentemente c’è interesse a mantenerlo come evento d’elite e limitarne l’accesso.

  3. Scritto da VB

    Considerando l’alto numero di persone rimaste a bocca asciutta e che avrebbero voluto acquistare l’abbonamento (sia in fila dalle prime luci dell’alba che online) viene da chiedersi perché non si raddoppino/triplichino le date o non si pensi a location alternative con capienza maggiore.
    Pare ovvio che la domanda c’è… Perché non aumentare anche l’offerta?

  4. Scritto da armando

    Non credo sia un discorso ne di elite ne di limitarne l’accesso..credo che riempire un teatro con circa 900 persone, se non c’è un comico di grande richiamo, sara’ difficile.- Un esempio?? stagione di lirica e Balletto: 2 serate e sulla carta quasi (dico QUASI) esaurite.- Bene. la prima opera in programma SERSE diretta da un Accademia Bizantina con Dantone alla guida.- sorpresa: loggione chiuso, galleria mezza vuota, molti palchi vuoti e posti liberi in platea.- Che ne dite ??? Riempire un teatro ce ne vuole di gente….

  5. Scritto da Angelo

    Anch’io ero tra le persone in fila e, concordo con chi ha già scritto che è stata organizzata male la vendita dei biglietti, si poteva riservare una parte alla vendita on line, ed una parte alla vendita in biglietteria. Così non è stato. Fare più serate visto le richieste di abbonamento e biglietti negli anni passati non mi sembra così assurdo. Così siamo costretti ad andare a vedere lo spettacolo di attori comici in altri luoghi … E se questo non interessa alla organizzazione, c’è da fare un certo pensiero. Purtroppo è andata così è per il futuro …

  6. Scritto da Valeria

    Sono anni, anzi ormai decenni, che i ravennati richiedono la doppia serata per la stagione del comico e si sentono rispondere che non è possibile senza ottenere una spiegazione. E intanto la maggior parte di noi rimane esclusa senza nemmeno la possibilità di ottenere un biglietto perché i posti si esauriscono in pochi minuti con gli abbonamenti. Mi sembra un comportamento veramente irrispettoso degli organizzatori nei confronti dei cittadini