Le Rubriche di RavennaNotizie - La posta dei lettori

Dall’Associazione Letizia il grazie alle istituzioni e l’abbraccio virtuale a tutte le famiglie alle prese con la disabilità

Più informazioni su

Occorre intervenire immediatamente. Sono consapevole di tutti gli sforzi che questa amministrazione sta mettendo in campo. Anzi, a tale proposito i mie, i nostri ringraziamenti per la massima tutela che si ha per la Città. Rimane che dalla chiusura dei servizi pubblici e privati che si occupavano di disabilità molte famiglie stanno facendo molta fatica nella gestione e presa di cura dei figli.

Siamo in contatto con loro, con i ragazzi e le ragazze, con le associazioni, per riuscire in qualche modo a essergli vicino ma alcune situazioni necessitano di supporto immediato. Non solo ai figli, ma anche ai genitori che si ritrovano da soli. Alcune disabilità non hanno solo bisogno di compagnia, alcune hanno bisogno di assistenza continua, altre di mantenere il più possibile le stimolazioni che permettono loro di non regredire. Potrei continuare con i bisogni che queste persone hanno, ma vorrei anche ricordare che una mamma o un padre 24 ore al giorno da soli, rischiano nel lungo tempo di essere sottoposti a uno stress importante, condizione già costante per loro nella normalità.

Credo sia doveroso comprendere subito assieme come e dove intervenire. Credo a una comunità come la nostra, in grado anche oggi di grande coesione e in grado di elaborare una strategia in collaborazione con le associazioni già impegnate in questo settore. Anche le piccole cose possono essere significative. Una visita, una passeggiata, un’ora di gioco assieme a piccoli gruppi, un’ora di tempo per la famiglia affinché possano occuparsi della spesa o dell’altro figlio e fratello del disabile se penso alle famiglie allargate.

Queste piccole cose possono essere eseguite con tutti i criteri di sicurezza sanitaria considerando che all’interno delle associazioni esistono o.s.s ed educatori professionali laureati. Entrambe figure sanitarie, così come gli assistenti sociali i quali hanno già di per sè la conoscenze delle situazioni più precarie.

Comprendo l’immane sforzo e per questo accetto che oggi come oggi forse non è possibile alcuna soluzione se non quella di resistere. Allora ecco che mandiamo a tutti voi, Mamme, Papà, fratelli, ragazze e ragazzi il mio, il nostro più grande abbraccio che si possa avere in questo momento.

Concludo ricordando alle famiglie che il nostro numero è operativo anche solo per una chiaccherata o  per essere inseriti nel sistema di videochiamata che abbiamo attivato in questi giorni per fare passare qualche ora di risate ai ragazzi/e.

Ringraziamo di cuore tutte le Istituzioni che ci stanno proteggendo.

Giovanni Dr Santoro, Presidente Associazione Letizia odv

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da BARUZZI LUCIANO

    MOLTO BENE PRESIDENTE CHIEDO IL MODO DI CONTATTARLA COME PADRE VEDOVO ED ANZIANO DI UNA SIGNORA–ANNI 45–CHE MI FU TOLTA PER UNA STRUTTURA PRIVATA E MI SONO AMMALATO PER SEGUIRLA DA LONTANO–MI AIUTI PER INTERVENTI CONDIVISI..ASPETTO GRAZIE LUCIANO BARUZZI GEOGRAFO AMBIENTALISTA–LUGO DI ROMAGNA RA