Le Rubriche di RavennaNotizie - La posta dei lettori

Pierre Bonaretti: aiutiamoci, affrontiamo assieme l’emergenza, senza giudicare o condannare

Più informazioni su

Buongiorno Cervia,  in quest’ultimo periodo, di emergenza e preoccupazione, non sono assiduo frequentatore di social. Ho scelto di limitare le comunicazioni via Facebook allo stretto necessario, per comunicare eventuali nuove normative in vigore, proprio per evitare la divulgazione di pareri personali, o opinioni politiche, che reputo inutili e per lo più dannosi di fronte a questa realtà.
Oggi rompo questo silenzio, per la prima e probabilmente unica volta, per condividere un messaggio che mi sta a cuore, frutto della riflessione di queste tre settimane.
Il messaggio è molto semplice, a qualcuno sembrerà scontato: non odiamoci.
Non lasciamo che questi giorni difficili diventino i giorni della caccia alle streghe, della segnalazione dell’untore e degli sceriffi improvvisati dietro lo schermo.
Leggo, lascio scorrere e sono tanti, post di continue accuse al vicino troppo disattento; alla signora troppo lenta nel fare la spesa; al giovane che passeggia o fa ginnastica davanti casa, magari con tanto di fidanzata accanto; all’anziano che fa quattro passi nei pressi della sua abitazione, perché ne ha la necessità.
Questo sacrificio, questa sfida che siamo chiamati ad affrontare, è molto più complessa dello “stare a casa, sul divano”, come qualcuno banalmente la definisce.  Stiamo rinunciando al tempo della nostra vita, ai nostri affetti, al nostro lavoro, al nostro diritto di abitare il mondo.
È una rinuncia sacrosanta, in un momento come questo, in cui si deve tutelare i più deboli e chi, come medici e infermieri, lavora per la nostra salute. Ciò non toglie che, se per qualcuno è solo una rinuncia, per qualcun altro può essere molto di più. Penso alle persone affette da depressione, da solitudine, da situazioni domestiche difficili, o da qualsiasi altro problema che renda la casa una prigione difficile da vivere. Aiutiamoci, affrontiamo assieme l’emergenza, senza giudicare o condannare.
Restiamo uniti, che uniti si vince.
Vi abbraccio.

Pierre Bonaretti 
Consigliere comunale Cervia

Più informazioni su