Le Rubriche di RavennaNotizie - La posta dei lettori

Perchè incentivare solo auto ibride? La bici è meglio per gli spostamenti in città. Parola di Fiab

Più informazioni su

Apprendiamo dalla stampa che la Regione Emilia-Romagna ha deliberato uno stanziamento di 3 milionidi euro in tre anni per i cittadini emiliano-romagnoli che dal 4 maggio a tutto il 2022 acquisterannoun’auto ibrida a basso impatto. Come Coordinamento Regionale FIAB – Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta vorremmo fareall’Assessore Andrea Corsini alcune domande e un paio di considerazioni: perché continuare aincentivare l’uso dell’auto privata senza almeno prevedere una dismissione delle auto attualmentecircolanti? Si poteva agevolare l’acquisto di nuove auto chiedendo la demolizione delle vecchie vettureper chi già le possiede. Come FIAB chiediamo che perlomeno si prevedano incentivi all’acquisto di biciclette muscolari e di e-bike, con riconoscimenti maggiori a chi “in cambio” dismette una vecchia auto.

L’unico modo per migliorare la vivibilità delle nostre città e piccoli centri è quello di diminuiredrasticamente il numero delle auto circolanti e relativi parcheggi, ricordando all’assessore Corsini (chericopre anche la delega del Turismo) che le auto parcheggiate nelle piazze, lungo le vie e i sagrati dellechiese molto spesso deturpano un paesaggio urbano di pregio e turisticamente di valore.Dispiace che una Regione attenta come l’Emilia-Romagna non colga appieno la pericolosità di un simileprovvedimento, che se da un lato tende (blandamente) a migliorare il parco auto circolante, nulla fa perdisincentivare l’uso dell’auto privata e ancor peggio nulla fa per incentivare l’utilizzo della bicicletta.

Non esiste solo l’inquinamento delle PM10 (anche ibride e elettriche hanno freni e gomme cherilasciano inquinanti), magicamente diminuito in tutta la Pianura Padana in tempi di Covid19, ma anchel’occupazione di suolo pubblico e soprattutto l’incidentalità, “se un’auto ti investe, non importa che siaibrida o diesel…”Come FIAB stiamo parlando anche di incentivare il “casa-scuola” e “casa-lavoro”, magari con politichedi intermodalità vera, che permettano ai viaggiatori di trasportare sui treni regionali la propria bicigratuitamente, come già fanno Abruzzo, Basilicata, Liguria, Marche, Puglia e Sicilia. In conclusione FIAB Emilia-Romagna ritiene non più rinviabile un confronto su questi temi.

Coordinamento FIAB Emilia-Romagna – Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta

Più informazioni su