Le Rubriche di RavennaNotizie - La posta dei lettori

Altro che “fase-2”, questa è una clausura inutile da stato di polizia

Più informazioni su

Altro che “fase-2”… dal 4 maggio saremo rinchiusi come prima. A nìn pòs piò! E baaaastaaaa! Questo stato-di-polizia contro la libertà di movimento non serve per il contenimento del virus. Non posso fare un giro in moto, in auto… devo esibire una “autocertificazione” con comprovati motivi. Siamo diventati la “DDR” di Honecker: se ti beccavano per strada con la Trabant dovevi dimostrare dove andavi, perchè, e per quale percorso ci andavi; e se non eri convincente passavi un guaio.
L’economia di consumo non potrà mai rianimarsi con la gente relegata in casa, lo capisce anche un bimbo. A cosa serve questa clausura? Incattivisce gli animi e basta.
Dunque saremo ancora in “galera”. Poca stima per questa politica un po’ cialtrona e molto pavida.

Fabio Baldrati – Ravenna

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Maria

    Si sono infettati tutti dentro gli ospedali, ricoveri senza mascherine!!!!! Ora abbiamo le mascherine e abbiamo il diritto di stare fuori, a distanza!!!!!

  2. Scritto da paola

    che pena le imprese chiuderanno nessuno ha ricevuto un’euro
    che schifo

  3. Scritto da cromwell

    Alla fine bisognerà pure tirare le somme e fare i confronti fra i risultati, sanitari,epidemiologici ed economici, del metodo “italiano” e di quelli svedesi, tedeschi,inglesi ecc. ecc. E valutare i “guidatori”.

  4. Scritto da RB

    Sono disperatamente d’accordo! Abbiamo dimostrato una grande responsabilità ed è estremamente avvilente essere trattati come sudditi e non come cittadini. Non è accettabile dover dimostrare e giustificare chi si vuol vedere: congiunti? Ho una cara amica anziana che vive sola e non ha mai frequentato nessuno in questo periodo e ancora non la posso vedere? Che democrazia è quella che mi dice chi posso frequentare o vedere?
    Anche le forze dell’ordine dovrebbero darsi una regolata: l’impegno e l’accanimento profusi contro i “furbetti” delle autocertificazioni e contro i vecchietti degli orti sono sicuramente eccessivi!

  5. Scritto da hoscrittogiocondo

    In Gran Bretagna, Boris Johnson accanito sostenitore dell’immunità di gregge, ha comunicato che è ancora presto per annullare il lockdown; in Spagna escono solo i ragazzini fino a 14 anni; in Francia stavano per dare il via libera a tutti, ma poi seguendo gli sviluppi in Germania hanno pensato che forse è ancora troppo presto; in Germania hanno suonato la libera uscita ed ecco che i contagi sono cresciuti in maniera preoccupante…
    Ne sapete più di loro o avete davvero i pinoli in testa?
    Quando capirete che si tratta di una cosa seria e soprattutto, che non si può contare sul buonsenso delle persone? Basta che si dica che i contagi sono calati per assistere ad allegre grigliate di gruppo, gente in giro senza la minima protezione, ma ci siete o ci fate? Se non tenete alla vostra di salute, non dico che dovete preoccuparvi del prossimo perché chiederlo a certe teste sarebbe pretendere la luna, ma non avete dei cari da tutelare? Genitori/nonni anziani, figli, nipoti? Nemmeno di loro vi frega qualcosa? Vi interessa solo che vi chiedono l’autocertificazione per andare in giro, avete per caso qualcosa da nascondere?

  6. Scritto da Fabio

    Bisogna distinguere le zone. In Lombardia e Piemonte ed alcune città emiliane sono ancora indietro. Mentre il sud è centro Italia abbiamo dei numeri confortanti quindi per noi dovrebbero esserci meno restrizioni. A Ravenna nell’ultima settimana pochissimi contagi e perlopiù fanno riferimento ad operatori sanitari e case di riposo. Perché tenerci a casa. Perché?

  7. Scritto da Alex

    Premetto che sono lombardo e vivo a Ravenna da molti anni e volevo dire ciò che penso.
    Il motivo è solo che in Italia NON abbiamo assolutamente senso civico, siamo un popolo di furbetti ed egoisti.Morte tua vita mea. Se aprono le “gabbie” nel giro di poco tempo siamo da capo e con magari chi ha scritto questi post è ricoverato lui o qualche parente in terapia intensiva…
    In Italia funziona solo mettendo le mani nel portafoglio alla gente e con minacce .
    Poi tutti ovviamente “A nìn pòs piò!” e vogliamo tornare alla normalità che discorsi. Io vivo in appartamento, ho una bimba piccola ed una moglie a casa dal lavoro purtroppo ma che devo fare? Atteniamoci al protocollo e abbiamo pazienza. Qui si parla di malattie e 30.000 morti!
    Poi ovviamente qualcuno ha scazzato e il Governo non ha la situazione in pugno ma non è facile per chiunque.
    @Maria non è vero che si sono infettati solo negli ospedali e ricoveri! Ad es. due miei colleghi sono positivi e non sono mai stati in ospedali e ricoveri ne hanno avuto contatti con essi. Il virus è ovunque e non è un influenza, sono lombardo e se potesse vedere solo per un giorno la situazione su capirebbe.
    Nota: ho perso uno zio due settimane fa per Il Covid (non aveva altre patologie).

  8. Scritto da Fabio

    Eh vivaddio….non si può crepare di “coronavirus”, ma neppure di sfacelo economico! In mezzo a questi estremismi c’è una via percorribile per non sclerare in casa agli “arresti domiciliari”! Questa clausura non serve a contenere il virus. Non serve a niente se non ad incattivire gli animi. Serve il divieto di assembramento, la distanza minima, e comportamenti virtuosi che vanno dalla mascherina all’igiene delle mani (per esempio). Non si può continuare a reggere un simile stato-di-polizia con una “autocertificazione” degna di un regime soffocante dell’est-europa degli anni peggiori.
    Non siamo orsi in letargo nel parco d’Abruzzo, bisogna cominciare a vivere, a muoverci, per non morire in povertà in una economia morente, pur con tutti i canoni di cautela possibili, senza per questo rischiare il rogo e venire tacciati di stupidità, incoscienza, e perniciose accuse di essere delinquenti che hanno qualcosa da nascondere. Calma ragazzi eh? Perché questa quarantena ha cominciato ad intaccarvi il senno….

    Fabio – Ravenna

  9. Scritto da hoscrittogiocondo

    Fabio, sono chiuso in casa da fine febbraio perché soggetto a rischio per via di alcune patologie che non sto a raccontare. Che tu mi dica che sei in difficoltà economica perché non stai incassando un centesimo mi sta bene e mi dispiace ovviamente. Ma leggere di persone che vogliono uscire per poter andare a trovare una persona amica anziana, se permetti mi fa girare le balle. Sentire dire che l’autocertificazione viola i nostri diritti anche. Non si può uscire, se esci me ne giustifichi il motivo, punto.
    Non si può lasciar fare al buonsenso della gente, vedo dai Tg grigliate in comitiva sui tetti, anziani che girano senza mascherina, gente convinta che sia tutto uno scherzo che se ne strafrega. Sono sigillato in casa da 10 giorni prima di tutti gli altri, sono stufo anch’io, ma fintanto che non ci sarà un po’ di buonsenso il via libera è un’utopia.