Le Rubriche di RavennaNotizie - La posta dei lettori

Il Covid di Arlecchino: il messaggio in bottiglia di Alvaro Ancisi

Più informazioni su

Se ogni giorno che Dio comanda ha una pena, i giorni comandati dal Covid gareggiano a chi ne ha di più. Quello di oggi ci fa sapere che le “mascherine a tutti” della 2^ fase, al costo simbolico di mezzo euro, o stanno già finendo (Ravenna Farmacie!), o sono finite, o non sono mai arrivate in farmacia. Il governatore dell’Emilia-Romagna, che ne aveva regalate 4 milioni a tutti, pervenute non si sa a chi, e lunedì aveva terminato la consegna di altrettante della cui distribuzione al popolo nulla si sa, ha annunciato che altri 4 milioni le regalerà il 18 di maggio. In tutto sarebbero tre per ogni abitante, distribuite a piacimento dai 328 sindaci dell’Emilia-Romagna. Il governatore stesso vuol farle diventare obbligatorie. Alzi la mano chi le ha viste.

Test seriologici (a pagamento) sì, no e di nuovo sì, basta un certificato medico. Oggi si sa che li possono fare solo cinque laboratori in Romagna, che la provincia di Ravenna ne merita solo uno collocato a Faenza e però manca il protocollo della Regione, dici niente.

Mirabilandia, maggiore impresa turistica della provincia di Ravenna, denuncia oggi che la legge per proteggere il mancato reddito dei lavoratori stagionali causa coronavirus (il famoso bonus da 600 euro per il mese di marzo e forse 800 per quello di aprile) esclude 500 dei suoi. Fossero solo loro. Il bonus di marzo deve ancora arrivare in tantissime altre case, non soltanto dei lavoratori precari, ma anche degli autonomi e della partite IVA. Questo lo dice il segretario provinciale del PD, di governo e di lotta, contro non si sa chi, visto che il suo partito comanda ovunque, da Roma a Ravenna via Bologna, mentre al contempo denuncia a voce ferma “le mancate risposte riguardanti cassa integrazione” e l’improba erogazione alle imprese a rischio di collasso dei 25 mila euro del decreto liquidità garantiti dallo Stato, causa “la farraginosità dei procedimenti”.

Nel frattempo, alla faccia della Fase 2, i cittadini continuano a non capirci niente su come muoversi da casa per “comprovata necessità”, leggendo ogni giorno sui giornali di decreti e ordinanze di ogni genere che fanno tira e molla tra chi restringe o concede, vieta o dispone, raccomanda o multa. Stante che in Italia le limitazioni alla libertà di movimento dovrebbero sempre essere imposte solo con legge (esempio il Codice della Strada), non ce n’è una su mille del Covid che ce la faccia ad esserne norma.

Secondo un’acuta analisi di Miguel Benasayag, filosofo: “Un’epidemia è il sogno del tiranno. Tutti diventano obbedienti per propria volontà”. Fosse vero. Non si sa proprio a chi ubbidire. Qui non c’è un solo dictador, quale il capo del governo italiano, a dettar legge, ma 2 ministri, 20 (sedicenti) governatori delle Regioni e 7904 sindaci, per non dire dei vari commissari, che fanno ordinanze a getto continuo con valore di legge (dicono loro).

Eravamo la Patria del Diritto, restiamo il paese di Arlecchino.

Alvaro Ancisi – capogruppo di Lista per Ravenna

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Francesco

    La tristezza della nostra patria,sta nella memoria corta dei suoi abitanti,o nelle fette di prosciutto sugli occhi! Tesori da distribuire al popolo non ci sono,sono stati sperperati dalle varie coalizioni di dx sx e centro, e mai nessuno si è preso la responsabilità di ammettere i propri errori! Ma la cosa che più rattrista, non è aver commesso errori, (solo chi non lavora non li commette!)ma trovarci sempre gli stessi personaggi con le soluzioni pronte!!!!

  2. Scritto da Alvaro Ancisi

    Sottoscrivo Francesco, anche se, per la verità, il mio messaggio non attiene ai soldi “sperperati dalle varie coalizioni di dx sx e centro” nel passato più o meno recente, comunque da censurare; bensì al modo in cui oggi, in questa tragica emergenza planetaria, ci si rivolge ai cittadini, per chiedere sofferenze e sacrifici, ponendo a loro carico (anzi, delle nuove generazioni) l’enorme maggior debito che ne deriva: hanno almeno diritto di sapere con chiarezza, e non con le voci discordanti di mille pifferai, cosa devono fare o non fare e di capirne il perché. Cordialmente.