Le Rubriche di RavennaNotizie - La posta dei lettori

Ravenna in Comune: perché anche quest’anno si continua nella retorica e si rinuncia a studiare la storia?

Più informazioni su

Lettera aperta al Sindaco di Ravenna e agli Assessori competenti.

Anche quest’anno, il 4 novembre si svolgeranno ovunque le celebrazioni per ricordare la “vittoria”, ma si omette ancora una volta di parlare delle responsabilità criminali della monarchia sabauda e delle alte sfere militari, si dimenticano i soldati lanciati come carne da macello contro le trincee nemiche o giustiziati sommariamente, per volere dei propri superiori, in caso di tentennamenti, si fa cenno ben poco alle vittime civili e alle conseguenze tragiche sulle popolazioni, che in diversi luoghi vedevano l’esercito italiano come truppa d’occupazione e non certo come liberatori. (La Prima Guerra Mondiale, ndr) Fu un brutale massacro, e quella “gloriosa vittoria militare” fu uno degli elementi che aprirono la strada a vent’anni di dittatura fascista e ad altre catastrofiche guerre. Anche Papa Benedetto XV, definì quel conflitto una INUTILE STRAGE, rimanendo totalmente inascoltato.

680.000 morti e un milione di mutilati, più tutte le vittime della miseria e delle malattie. Le acquisizioni della ricerca storica più approfondita degli ultimi decenni, a cento anni di distanza, chiedono una volta per tutte uno sforzo di sincerità e di rivisitazione. Il 4 novembre va trasformato in una giornata di riflessione, di studio e di impegno per la Pace.

Siamo fermamente convinti che nelle manifestazioni ricorrenziali si debba citare sempre e innanzi tutto l’articolo 11 della Costituzione della Repubblica, che ripudia la guerra come strumento di risoluzione dei conflitti. Non si possa rinunciare all’impegno di restituire dignità e onore a quei soldati caduti vittime delle fucilazioni, delle decimazioni, delle esecuzioni sommarie, decise e ordinate su precisa indicazione delle alte sfere militari.

Non debba mai mancare la parola di pietà per le popolazioni civili di tutta Europa, che pagarono un pesantissimo tributo, vittime prima di tutto delle politiche scellerate dei loro governi.

Sia fondamentale, nella ricostruzione storica e nell’insegnamento, spiegare le pesantissime responsabilità della monarchia sabauda, delle alte sfere militari, dell’apparato militare – industriale e di un’intera classe dirigente, che avrebbero potuto e dovuto svolgere un ruolo attivo nel mantenimento della pace in Europa.

Si debba evitare ogni retorica militarista, e valorizzare invece l’opposizione alle guerre, ricordando anche la catastrofica situazione della pace oggi.

Si auspichi a gran voce la riduzione progressiva delle spese militari e la loro esclusiva destinazione a finalità realmente e strettamente difensive. E parallelamente il reinvestimento in opere di protezione civile, sociale e ambientale.

Ci si debba impegnare affinché il nostro Paese  cominci a rifiutare  le logiche di controllo geopolitico e di possesso delle fonti di energia, per fare spazio alla costruzione di una una politica di fratellanza fra i popoli e di cooperazione internazionale seria, paritaria e orientata a costruire la Pace.

Abbiamo rispetto per coloro che diedero la vita in nome di ideali irredentisti, ma pensiamo che il concetto di amore di Patria debba declinarsi finalmente nell’impegno per la fine di tutte le guerre e per l’affermazione dei principi di giustizia.

Manca poco più di un mese alla ricorrenza. Sarebbe un segnale di grande valore morale se Lei, Signor Sindaco e Voi, Signore/i Assessori, deste un segnale preciso per celebrarla in maniera diversa dal solito.

Ravenna in Comune

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Giovanna Montanari

    La risposta è facile: il POTERE sta sempre dalla parte dei forti e ignora i cosiddetti deboli, che, invece,vengono mandati allo sbaraglio a morire e ammazzare, per le mire aggressive violente espansionistiche delle oligarchie guerrafondaie. E oggi nulla è cambiato. Chi nasce senza coraggio, neppure quello di difendere i deboli, non può darselo. Infatti quasi nessun politico parla neppure del pericolo neofascista e non ha il coraggio di cancellare svastiche e croci celtiche

  2. Scritto da Giovanna

    …con una solenne S.Messa a ricordo di quanti sono morti per la pace e per chi a tutti i costi desidera operare per essa “LA PACE”.