Le Rubriche di RavennaNotizie - La posta dei lettori

Nessun Dpcm vieta di usare i bagni degli esercizi pubblici

Più informazioni su

Una cittadina residente nel quartiere Darsena si è rivolta a me, nella giornata di ieri, sottoponendomi il seguente racconto: “Mi trovavo ieri in centro città. per un problema di famiglia, insieme a mia madre che, reduce da un intervento, cammina con l’ausilio delle stampelle. Comprato in un bar un caffè d’asporto, mia madre, avendone urgenza, ha chiesto se poteva usufruire del bagno interno. Le è stato risposto che ciò è vietato da un DPCM, come avrebbe potuto confermarci la prefettura. Poco oltre, un altro bar ci ha dato la stessa risposta. Ci siamo allora dovute trascinare fino a piazza Baracca per usare il bagno pubblico a pagamento. Tralasciando le condizioni indescrivibili in cui abbiamo trovato il bagno, peraltro in una parte della piazza affetta da degrado, chiedo: se una persona è in centro e ha bisogno di un bagno a portata delle sue condizioni di mobilità come deve fare?”.

Dal comando della polizia locale, a cui Lista per Ravenna ha posto in via breve e informale lo stesso racconto e lo stesso quesito, è arrivata la risposta: “Non c’è nessun divieto”. Logicamente, può esserci stato un fraintendimento, ritenendo che al divieto di servire consumazioni sul posto sia connesso il divieto d’uso del bagno interno all’esercizio.

Viceversa vale l’art. 29 del nuovo regolamento di polizia urbana, secondo cui, in sostanza, i titolari degli esercizi pubblici e delle altre attività che hanno l’obbligo di offrire l’uso del proprio bagno alla clientela devono consentire di accedervi senza subordinarne la fruizione ad un acquisto, tranne che, per motivata valutazione dei titolari stessi, ciò comporti un fondato pericolo per il decoro del locale, oppure interferisca o crei nocumento allo svolgimento dell’attività d’impresa.

Chiediamo dunque al sindaco se conferma, per chiarezza di comportamento dei cittadini e dei turisti, come degli esercizi pubblici e delle altre attività assimilate, che l’accesso ai servizi igienici di tali imprese secondo l’art. 29 del regolamento di polizia urbana non è impedito da alcun decreto governativo dettato dall’emergenza coronavirus, ovviamente nel rispetto degli obblighi di mascherina e di distanza da persone.

Elisa Frontini – capogruppo di Lista per Ravenna nel Consiglio della Darsena

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da ANNA M

    In effetti c’e molta confusione. Visto che il pubblico eserczio èaperto solo per l’asporto, parrebbe che l’accsso al locale sia consentito al cliente solo per ritirare il bene ed uscire (nessuno andrebbe nel bagno di un locale che serve solo per asporto ).Per quanto riguarda il nuovo art. 29 , mi era sembrato di aver letto proprio su questa testata, che la fruizione dei servizi fosse, per chi non consuma, rimasta in ultima analisi a discrezione dell’esercente.Insomma, davvero poca chiarezza.

  2. Scritto da vafortino

    E certo che anche con i bagni pubblici la realta’ e’ poco edificante. Spesso inagibili x atti vandalici sono chiusi gia alle ora 20. In particolare quello in darsena, area corriere, risulta spesso chiuso. Nin si puo’ fare di piu’ ?