Quantcast

Le Rubriche di RavennaNotizie - La posta dei lettori

Marina di Ravenna. Resuscitate le spazzatrici dei marciapiedi

“L’autunno fa cadere le ultime foglie che il vento raccoglie”, cantavano i nostri nonni. Lo sanno bene gli abitanti delle nostre località balneari, da cui erano scomparsi fin da quest’estate soffioni e macchine spazzatrici capaci di ripulirne i marciapiedi. Il fenomeno è stato vistoso e sofferto, benché non esclusivo, soprattutto a Marina di Ravenna, “capitale” derelitta dell’Area Mare. Tutti i suoi marciapiedi sono stati ricoperti da uno spesso e scivoloso tappeto, che avendo coperto le buche e i dissesti causati dalle radici degli alberi, ha costretto i pedoni ad avventurarsi piuttosto su strada, in mezzo ai veicoli.

Le invocazioni, giunte e rilanciate da Lista per Ravenna, sembrano però aver fatto il miracolo. Venerdì scorso soffioni e spazzatrici sono risuscitati a Marina di Ravenna. Messisi al lavoro di buona lena, riusciranno a finirlo solo nei prossimi giorni. L’auspicio è che compiano presto il loro dovere anche sul resto del litorale, dai tre lidi nord ai due lidi sud, passando per Punta Marina, Lido Adriano e Lido di Dante. È un servizio finanziato dai cittadini coi soldi della TARI, pagato anche se non fatto.

Si giustifica perciò che Lista per Ravenna chieda conto al Comune di Ravenna dei controlli non effettuati o comunque non andati a segno. Dal sindaco vorremmo altresì conoscere con quale frequenza e/o secondo quali criteri (per esempio dopo forti ventate) lo spazzamento meccanico delle strade urbane sia imposto per obbligo normativo; sempre che esista all’interno dell’amministrazione comunale un servizio che si preoccupi, adeguatamente attrezzato, di vigilarne il rispetto e di sanzionarne le inadempienze.

Pasquale Minichini e Luca Rosetti
Consiglieri di Lista per Ravenna per l’Area del Mare

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Umberto

    È così anche in molte zone della città. Una Vergogna. Poi magari fa un diluvio di 20 minuti, si allaga tutto e ci si chiede perché. Che tristezza

  2. Scritto da Pippo calò

    Finalmente qualche politico si è accorto che Marina di ra fin da quest’estate è stata dimenticata dall’essere pulita. Da fine luglio fino ad oggi i soffioni e spazzatrice sono passati 1 sola volta. Persino davanti alla monumentale delegazione ci sono montagne di aghi di pino. La ciclopedonale che collega Marina con Punta ha l’erba che ormai è arrivata quasi a metà della corsia e il resto coperta di foglie. Non parliamo poi delle varie strade piene di foglie, aghi ma anche di erbacce che arrivano anche a 50cm di altezza. Spero in una pulizia almeno prima di Natale, ma fatta bene non alla lunga!!!

  3. Scritto da Ermes

    Queste foto mi ricordano Via Agro Pontino, percorsa in bici 3 giorni orsono. Le caditoie?? e chi le vede più!!

  4. Scritto da Un residente

    Marina negli ultimi anni è veramente abbandonata a se stessa, altro che Perla dell’ Adriatico, una cozza magari…