Le Rubriche di RavennaNotizie - La posta dei lettori

L’Anpi sul caso Regeni: il presidente Macron, Corrado Augias e la libertà di stampa

Più informazioni su

Restiamo stupiti e addolorati al vedere che il presidente Emmanuel Macron consegna l’onorificenza della Legion d’Onore al presidente di quel Paese che ancora non ha chiarito chi sono i responsabili delle efferate sevizie a Giulio Regeni, là in Egitto per ragioni di studio. E lo siamo sia per la morte di quel nostro concittadino, sia per la delusione nei confronti della stessa Francia da sempre paladina dei diritti pubblici e privati.

Chiediamo che venga fatta luce sul delitto Regeni: su esecutori e mandanti. Con ciò interpretiamo quel senso di giustizia che appartiene ai ravennati per storia di un popolo che ha combattuto fascismo e dittatura. Ravennati che sono dalla parte del diritto internazionale di tutela della persona, e sono contro le aberrazioni di quei paesi che intendono piegarlo a interessi di parte.

La libertà di stampa e di pensiero è qui, nella nostra Italia, ben espressa dal monumento alla Pedalina di Conselice. Ogni anno il 1° di ottobre la FNSI (Federazione Nazionale Stampa Italiana), Conselice, i Comuni della provincia di Ravenna, la Provincia, l’antifascismo ricordano quei martiri partigiani e patrioti che stampavano giornali e volantini di nascosto dai nazifascisti e le coraggiose staffette che li portavano nel ferrarese, in Romagna, a Bologna. Fogli di carta sottile, ma ricchi di notizie di Resistenza, antifascismo, libertà e democrazia.

Con questo – mentre ci uniamo a quanti già hanno denunciato il delitto Regeni e condannato la Legion d’Onore al presidente egiziano – affermiamo che stiamo dalla parte delle lotte per le libertà personali e pubbliche.

Ci uniamo al composto dolore della famiglia Regeni. Al gesto franco e importante di Corrado Augias.

Ivano Artioli – Presidente ANPI provinciale Ravenna

Più informazioni su