Le Rubriche di RavennaNotizie - La posta dei lettori

Nulla da dire sul maxi manifesto affisso dinnanzi alla sede dell’ospedale di Ravenna?

Più informazioni su

Buongiorno e buon anno nuovo. Vorrei porre un quesito, nella speranza che diventi pubblico e che pertanto dia la possibilità di un confronto (anche se dubito). L ‘Assessora Bakkali, che ha voluto rimuovere i manifesti sulla Ru486, e le associazioni femministe, non hanno nulla da dire sul maxi manifesto affisso dinnanzi alla sede dell’ospedale di Ravenna, in viale Randi, che mi sembra un pochino riduttivo del ruolo e delle funzioni delle donne? Attendo un vostro gentile riscontro.

D.ssa Raffaella Cortini

Non sappiamo se l’Assessora Bakkali o le Associazioni Femministe vorranno intervenire, per quanto ci riguarda – visto che l’invito è aperto – si sentiamo di precisare alcune cose. 1) Nel manifesto anti-aborto erano contenute informazioni false e tendenziose, lesive non solo della dignità ma anche della salute delle donne. Infatti, si paragonava la Ru486 (un farmaco) a un veleno. Inoltre, quel manifesto pretendeva di parlare a nome delle donne, mentre l’intento era di colpevolizzare le donne che intendono avvalersi di un diritto riservato loro e di ricorrere a pratiche di interruzione di gravidanza pienamente lecite e sancite dalle leggi della nostra Repubblica. 2) Il manifesto che propone lei è un manifesto semplicemente di cattivo gusto, che usa il corpo della donna in maniera distorta (ma abbiamo visto anche molto di peggio, purtroppo) per veicolare un messaggio pubblicitario. In questo secondo caso, la cosa migliore è sottoporlo a critica pubblica, come ha inteso fare lei. In alternativa lo si può “neutralizzare” con la nostra intelligenza. Ma a nostro parere non ci sono gli estremi per la censura e la copertura del poster. 3) In definitiva, c’è un abisso fra i due messaggi e c’è una notevole differenza fra le reazioni che i due messaggi possono suscitare, con conseguenti azioni differenti e proporzionate da intraprendere. LA REDAZIONE

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da rb

    Non accade sempre, ma questa volta sono d’accordo con la Redazione. C’è una bella differenza fra il manifesto contro la pillola Ru486 e questo manifesto che pubblicizza un negozietto di accessori per il sesso!

  2. Scritto da marco74

    Bigotti bacchettoni!!
    C’è una bella differenza tra una locandina di un negozio e la locandina sulla pillola Ru486.
    Comunque i bigotti sono sempre dietro l’angolo a fare la morale ma pensate a casina vostra ed al marcio della chiesa!!!

  3. Scritto da AG

    ma non avete niente di meglio da fare che polemizzare sulla pubblicita di un sexy shop che non nuoce gravemente alla saluta ma fa bene x corpo e anima

  4. Scritto da Giovanni lo scettico

    Non accade quasi mai, ma questa volta sono d’accordo con la Redazione.

  5. Scritto da Daniele Arboscelli

    Basta fare i cattolici sulla pelle degli altri.

    Avete creato problemi per secoli e siete grandi abbastanza per smettere di credere che le leggende di un libro che considerate magico debbano valere anche per la gente normale.

    Leggete un libro diverso e trovatevi un hobby migliore – anche piu’ consono alla vostra eta’. Un giro a vedere cosa offrono nel negozio sopraccitato potrebbe darvi spunti per attivita’alternative molto piu’ gratificanti.

  6. Scritto da Diego

    In pieno accordo con la redazione….non commento per non offendere questa folle insinuazione.

  7. Scritto da Francesco

    Bene bene,non lo sapevo, presto andrò a fare una spesuccia!!!👍