Le Rubriche di RavennaNotizie - La posta dei lettori

Indignata per la sentenza contro Raffaella, Michael, Stefano. Ribadisco la mia solidarietà agli antifascisti

Più informazioni su

Fatto numero 1 – Nel 2017 la famiglia di Ettore Muti (segretario del partito fascista 1939/40) decide di togliere le spoglie del defunto dal cimitero di Ravenna. Qui da 17 anni i fascisti locali sotto l’associazione “Arditi d’Italia” puntualmente nel mese di agosto si trovavano per ricordarlo con cerimonie all’interno del cimitero (a pochi passi dalle spoglie del Comandante della Resistenza Bulow), con funzioni religiose, osteggiando abbigliamento e simbologie fasciste. Puntualmente un gruppo di antifascisti ravennati erano presenti per ribadire che Ravenna, medaglia d’oro per la Resistenza, non li voleva. La manifestazione, dal 2018, organizzata dall’associazione sopra citata, continuava a fare la sua manifestazione fuori dal cimitero monumentale commemorando i “Caduti in mare”.

La mattina del 24 agosto 2018 Ravenna si sveglia con dei manichini girati a testa in giù presso la casa dove risiedeva Ettore Muti, il 28 agosto i manichini si potevano vedere un po’ in tutta Ravenna. Il 26 agosto 2018 al cimitero appare uno striscione con la scritta “Ora e sempre Resistenza azione antifascista” eseguita con vernice spray rossa. Dei pescatori, nella notte tra il 25 e 26 agosto riferiscono di aver visto nella zona in questione una macchina “sospetta” (di cui si appuntano la targa) con a bordo 3 persone (una donna e 2 ragazzi). La polizia, allertata, alle ore 2 di notte identifica l’auto in questione vicino ad un centro sociale e in seguito la ferma trovando al suo interno dello spray rosso, delle forbici, dei guanti e dei rotoli di scotch (da notare che la guidatrice, Raffaella Veridiani è educatrice presso alcune scuole).

Fatto numero 2 (e questo lo prendo dalle cronache locali) – Tra il febbraio e il marzo 2018, sul muro di una scuola materna di Ravenna, appaiono quattro simboli nazifascisti: la doppia “S”, la croce celtica, la svastica e una runa. “Abbiamo subito sollecitato le forze dell’ordine perché investigassero per sapere chi fossero gli autori” racconta Raffaella Veridiani, “e abbiamo sollecitato il comune e la polizia municipale affinché rimuovessero le scritte, visibilissime, perché quella strada è in centro ed è impossibile non notarle. Ci passano migliaia di persone e molte pattuglie che vanno nei giardini pubblici, soprattutto per controllare gli immigrati. Abbiamo parlato col sindaco e con vari assessori, ma non abbiamo mai avuto risposta. Scuotevano la testa costernati dicendo ‘Vedremo”. Dopo sei mesi di attesa, il 19 settembre 2018, Raffaella e altri esponenti della Rete Antifascista decidono di organizzare un evento chiamando la popolazione alla rimozione dello scempio. “Dato che non abbiamo una sabbiatrice e dal momento che volevamo fare un atto politico, abbiamo deciso di coprire quei simboli dipingendo cuori, fiori e caramelle, ma stando attenti a non usare un centimetro in più dello spazio occupato dalle scritte naziste”. Così, insieme a nonni, bambini e passanti, le scritte naziste vengono coperte con le bombolette colorate. “Artisticamente i disegni faranno schifo, nessuno di noi è Banksy – dice Raffaella – ma, moralmente, sono anche il frutto di una scelta della popolazione che è intervenuta insieme a noi”.

Dopo il primo processo “per i 3 imputati” è arrivata la condanna: ”pena finale di 80 giorni di reclusione e 870 euro di multa per la Veridiani, per Da Ros Michael e Pelloni Stefani condanna alla pena di giorni 60 di reclusione e 800 euro di multa”. Ai 3 si aggiunge Luca Varetto per l’imbrattamento al muretto che non va al processo. A pag. 3 della sentenza la si giustifica (comma 1.2) leggendo: “la vicenda in parola si tinge dei colori di antagonismo che anima, da tempo, due fazioni politiche ravennate, vale a dire la “Rete Antifascista” di sinistra e il partito politico “Forza Nuova” di destra.

Con la premessa che non sono una giurista ma una persona che si riconosce nel vasto mondo antifascista del nostro Paese, vorrei fare alcune considerazioni.

A) Spesso sono passata anch’io, verso quell’ora (2 della notte) dalle parti del cimitero di Ravenna, prima delle restrizioni pandemiche. È la strada più breve per tornare a casa dal ferrarese dove abita mio figlio che spesso ha bisogno della nonna babysitter.

B) Come insegnante ho, in macchina, materiale simile a quello trovato nella macchina della Raffaella. Prima di Natale oltre alla bomboletta spray rossa avevo anche quella dorata e argentata per fare “i lavoretti di Natale” a scuola.

C) Se coprire con disegni svastiche, croce celtica e runa dipinte su un muro pubblico significa imbrattare e per tanto perseguibile, mi piacerebbe sapere se ci sono state indagini per sapere chi ha eseguito quella simbologia fascista.

D) La cosa più grave mi sembra comunque che la sentenza abbia odore di “ideologica”: come si fa a mettere sullo stesso piano chi fa svastiche fasciste e chi le rimuove? L’apologia di fascismo come reato esiste (“Chiunque fa propaganda per la costituzione di una associazione, di un movimento o di un gruppo avente le caratteristiche e perseguente le finalità indicate nell’articolo 1 è punto con la reclusione da sei mesi a due anni“.  Art. 4, Legge 645/1952 (Legge Scelba) “Chiunque propaganda le immagini o i contenuti propri del partito fascista o del partito nazionalsocialista tedesco, ovvero delle relative ideologie, anche solo attraverso la produzione, distribuzione, diffusione o vendita di beni raffiguranti persone, immagini o simboli a essi chiaramente riferiti, ovvero ne richiama pubblicamente la simbologia o la gestualità è punito con la reclusione da sei mesi a due anni. La pena di cui al primo comma è aumentata di un terzo se il fatto è commesso attraverso strumenti telematici o informatici Disegno di legge Fiano, approvato solo alla Camera, nel settembre 2017

E) E infine c’è la nostra Costituzione, antifascista per eccellenza: la proclamazione di diritti inviolabili, l’attribuzione al popolo della sovranità, la definizione dell’Italia come Repubblica “democratica” e infine l’intero contesto della Carta, sono tutto il contrario di ciò che significa la parola” fascismo” (e non solo di quello in camicia nera).

Come cittadina sono indignata per la sentenza emanata nei confronti di Raffaella, Michael, Stefano. Spero che in appello la sentenza cambi, esprimo e ribadisco la mia solidarietà agli antifascisti in questione a nome mio e dell’Associazione (circolo ravennate Associazione di Amicizia Italia Cuba “Vilma Espin”) che rappresento.

Spero inoltre che, chi si ritiene antifascista, “batta un colpo” a favore di Raffaella, Michael, Stefano e Luca.

Giuliana Liverani – Ravenna

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Gabrido

    Perché antifascisti si e anticomunisti no? Ancora oggi non comprendo la disuguaglianza di trattamento. Se gli uni vogliono sentirsi “migliori” rispetto ad altri devono poter accettare questi “altri”. Oppure gli uni comprendono di non essere in grado di accettare gli “altri” e allora la devono smettere di essere presenti in pubblico con manifestazioni e quant’altro e starsene a casa propria dicendo la loro tra le propria mure domestiche.

  2. Scritto da Claudio

    Condivido e sottoscrivo quanto scritto da Giuliana. È una vergogna che in un Paese democratico e da un Comune Medaglia d’Oro per la Resistenza, si perseguano gli antifascisti non i fascisti

  3. Scritto da Direttore

    Gentile signor Gabrido, non entriamo nel merito della sentenza, conosciamo un po’ i fatti, ma non tutti i fatti processuali né gli antefatti, perciò non ci arroghiamo il diritto di esprimere un giudizio – che sarebbe per forza di cose superficiale – su una sentenza emessa da un Tribunale. Vogliamo però entrare nel merito dell’equiparazione da lei proposta fra fascismo e comunismo, per cercare di spiegare a beneficio dei lettori perché in Italia quell’equiparazione non ha alcun senso ed è giuridicamente oltre che storicamente sbagliata. 1) In Italia abbiamo avuto un regime fascista dal 1922 al 1943. Non abbiamo mai avuto un regime comunista. 2) In Italia abbiamo avuto un regime fascista che ha eliminato tutte le libertà democratiche e si è macchiato perfino dell’infamia delle leggi razziali. I comunisti in Italia possono avere commesso tanti errori come tutti gli altri partiti politici ma non si sono macchiati di nessuna di queste nefandezze. 3) Il fascismo ci ha portati dentro una guerra disastrosa che ha procurato all’Italia e agli Italiani morte e distruzione. I comunisti non lo hanno fatto. 4) I fascisti hanno dato vita alla Repubblica di Salò, sottomettendo l’Italia ai nazisti e dando vita a una feroce guerra civile. I comunisti, insieme ad altri, e con il contributo determinante degli Alleati, hanno liberato l’Italia. 5) La Costituzione italiana è antifascista perché nasce dalla lotta di liberazione dal fascismo e dal nazismo, che ne è l’atto fondativo. I comunisti insieme a democristiani e cattolici, liberali e socialisti, repubblicani e azionisti erano parte del fronte antifascista e hanno scritto quella Costituzione. Crediamo possa bastare come spiegazione. Siamo in Italia e in Italia vale quanto hanno detto e fatto i fascisti italiani e i comunisti italiani, senza andare a scomodare altre figure in giro per il mondo per appoggiare una tesi o un’altra. Siamo in Italia e per la storia italiana, la cultura democratica sedimentata in questo paese, non si può proprio equiparare il fascismo al comunismo per pura diatriba ideologica. In Italia no. LA REDAZIONE

  4. Scritto da jack

    Ineccepibile il commento di “Direttore” anche perchè ogni tanto è giusto fare il riassunto della nostra storia recente, specie per chi la ignora o per chi ancor peggio ha la memoria corta… nel merito dell’articolo mi sento di scrivere che Raffaella rappresenta un modo nostalgico di fare politica che senza dubbio può anche irritare qualcuno ma è in buona fede (in questo caso comunista). Il problema è che a differenza di sessantottini, anarchici e graffitari lei di è fatta fotografare mentre commetteva un reato e non paga ha messo anche le foto sui social. Ingenuità? Protagonismo ? Forse bastava il messaggio e la gente lo avrebbe magari capito, oppure no ma è meglio Zorro !

  5. Scritto da annamaria

    sono passati troppi anni ,nessuno di noi era nato al tempo del fascismo ,è ora di vivere nel presente e per il futuro

  6. Scritto da Direttore

    Signora Annamaria, gli anni sono “passati” solo per chi non vuole vedere, sentire, leggere e sapere. Conoscere il passato è fondamentale per vivere meglio il presente, per non ripetere gli errori e gli orrori del passato. Chi vive nell’ignoranza e senza memoria, rischia solo di rifare le cose sbagliate di chi lo ha preceduto e di muoversi a tentoni nel presente. Quanto al futuro, senza conoscenza non c’é futuro. LA REDAZIONE

  7. Scritto da Claudio

    Mi congratulo con la direzione del giornale per la esaustiva spiegazione fornita ai due lettori a corto di memoria o completamente ignoranti del nostro recente passato.
    Un Paese senza memoria, è un Paese senza futuro. Grazie.