Quantcast

Le Rubriche di RavennaNotizie - La posta dei lettori

Ravenna in Comune: “Finanziamenti pubblici per Agnes per evitare il decommissioning delle piattaforme”

Più informazioni su

70 MILIONI DI EURO CHE SERVONO SOLO (O QUASI) PER EVITARE IL DECOMMISSIONING DELLE PIATTAFORME

Ravenna 19/06/2021

Pare che possa essere assegnato un finanziamento pubblico per la realizzazione del parco eolico (più solare e produzione di idrogeno verde) al largo di Ravenna. Parrebbe una buona notizia. Il costo del progetto Agnes è rilevante: 1,7 miliardi di euro. E assegnargli risorse pubbliche vorrebbe dire aver compreso (finalmente) che non c’è tempo da perdere per salvare la (nostra) vita sul pianeta. Tutti contenti dunque?

Non proprio. In sintesi, il finanziamento del tutto insufficiente (spalmato su tre anni arriva al 4% del costo totale) ha uno scopo neanche tanto nascosto: evitare il decommissioning delle piattaforme dismesse. Lo avevamo chiesto in una interrogazione e non eravamo stati completamente rassicurati. Avevamo ragione a preoccuparci, come spiega in una intervista a Il Fatto Quotidiano il «senatore Paolo Arrigoni, responsabile energia della Lega. Che ha aggiunto come il polo sia strategico anche perché “risponde agli obiettivi di riconversione delle vecchie piattaforme, evitando così i costi di dismissione” alle compagnie petrolifere». Stessa ammissione da parte di de Pascale nelle ultime dichiarazioni rilasciate.

Quello dello smantellamento è un costo ma è anche lavoro “buono”. Il costo è previsto e quindi già a bilancio del “petroliere” a cui spetta. Va a compensare il lavoro di chi smantella. Ma, in Italia, il gruppo ENI fa i salti mortali per girare, a utili imprevisti, i soldi che dovrebbe pagare, per riportare allo stato primitivo i tratti di mare, dove ha installato le sue piattaforme. All’estero, invece, nei paesi dove il decommissioning è già iniziato, proprio la SAIPEM del gruppo ENI è in testa alla corsa per aggiudicarsi i lavori di smantellamento. I committenti nel mare del Nord sono BP, Shell e ConocoPhillips. E anche nel Mare del Nord, potendo, i “petrolieri” eviterebbero i costi. Ma sono costretti a rispettare gli obblighi di concessione cui, invece, ENI vorrebbe sottrarsi.

Per questo non ci uniamo al coro dei chicchirichì che va dalla Lega al PD, dai 5stelle a Coraggiosa. Soli. Per raccontare ed opporsi a cose come queste c’è ancora bisogno di Ravenna in Comune.

Ravenna in Comune

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Vittorio

    Ravenna in Comune, chi? sarà mica di Italia Viva……..

  2. Scritto da Fabio

    Non ci capisco niente in materia, ma da appassionato di vela, una cosa la vorrei chiedere. Perché costruire un parco eolico in una zona poco ventosa, in estate abbiamo un po’ di termica sotto costa poca roba e in mezzo al mare calma piatta. Poi in inverno abbiamo la nebbia. Qua gatta ci cova

  3. Scritto da magda

    Non solo! a Ravenna piazzano tutte le cose schifose che altri non vogliono, vedi Rimini Genova, Venezia… Riescono a farlo a Ravenna perché approfittano della poca preparazione e l’insufficienza scolastica dei suoi politici! Pensate che se sono resi conto e hanno capito come funziona!? non provateci nemmeno! Grazie

  4. Scritto da Garbino

    Allora il metano non va bene, il petrolio (che a Ravenna non c’è)non va bene. Non va bene nemmeno l’eolico. Ditemi con quale energia volete mandare avanti il Paese perché di energia ce ne è bisogno, anche per scrivere le banalità di microgruppi consiliari. Se si possono usare in parte piattaforme a dismettere quale è il problema? O dobbiamo per forza smantellare invece di riutilizzare?