Quantcast

Le Rubriche di RavennaNotizie - La posta dei lettori

Danni alla fontana monumentale di Faenza: è scomparsa l’idea di appartenenza alla comunità

Più informazioni su

Tutti indignati sui social perché i festeggiamenti di domenica sera hanno comportato l’aggressione indiscriminata da parte dei ragazzi che per festeggiare la vittoria dell’Italia sono saliti a decine sulla fontana monumentale della piazza. Ovviamente qualsiasi persona di buon senso condivide tale indignazione, ma è l’occasione per fare una seria e profonda riflessione su come possa essere accaduta una cosa simile che forse, visto il recente precedente, poteva essere semplicemente evitata con un opportuno presidio di forze di polizia.

Ma la cosa che ci meraviglia è come possa esser venuto in mente non solamente ad un isolato esagitato irresponsabile, ma a ben più numerosi facinorosi festeggianti l’idea di violentare un monumento che da secoli sopravvive a ben più forti passioni o disavventure.

Evidentemente è scomparsa nella concezione dei più l’idea di appartenenza ad una comunità che si esprime attraverso la cultura che l’ha caratterizzata nei secoli stratificando fino ad oggi opere e monumenti dei quali essere orgogliosi; a quale mai dei nostri genitori sarebbe mai venuto in mente di comportarsi in questa maniera?

Viene da pensare che altri atteggiamenti frutto di recenti “invenzioni” parimenti aggressive anche se meno appariscenti, abbiano un po’ alla volta legittimato l’uso della città finalizzata a questioni che prescindono dalla vera struttura urbana: giardinetti, verdure e teatrini tendono a fare considerare un approccio amichevole e diremmo poco rispettoso alla città in generale che alla fine viene considerata come la coreografia di eventi che prescindono da questioni più serie e reali.

Nulla di male qualcuno dirà, ma se questo porta alla poca considerazione del bene pubblico fino ad arrivare alla possibile distruzione di opere che sopravvivono da secoli e sono costate somme ingenti alla comunità che se ne è presa cura per effettuare opere di restauro e protezione, pensiamo che sia ora di iniziare a preoccuparsene.

Il Consiglio Direttivo di Italia Nostra Faenza

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da agi62

    Se quei ragazzi sono il futuro dell’umanità siamo in una botte di ferro… che sta precipitando in un burrone.

  2. Scritto da armando

    Ma non preoccupiamoci: la vittoria del calcio agli Europei fara’ crescere il PIL di un tot per cento !!! Il nostro Presidente ha dato il benestare all imbecillita’ Europea di migliaia di esagitati che stanno spargendo il Covid in tutta Europa e non.-Gli errori di far percorrere la squadra per le strade di una Roma fragile è frutto di una dirigenza incompetente per quanto riguarda l ordine pubblico.- Tutti gli esperti dichiarano la progressione del virus e le nostre citta sono state invase da persone esagitate, irrispettose del prossimo e di quelli che ancora stanno soffrendo e lavorano ancora per tutelare la nostra salute.- Cosa volete che sia un danno alla fontana..si sistemera’ !!!(è ironico il mio scritto, chiaro !!!) come scrive agi62..siamo in una botte di ferro..e speriamo di non precipitare nel burrone

  3. Scritto da vb

    Evito di apostrofare con le parole appropriate chi ha preso d’assalto la fontana, però a Faenza c’è il monumento di Torricelli che viene preso a pallonate tutti i giorni dell’anno in quello che era un giardino, divenuto oggi uno spazio sporco e degradato, impresentabile a qualsiasi visitatore.