Quantcast

Le Rubriche di RavennaNotizie - La posta dei lettori

Salta il primo giorno di scuola causa sciopero: la delusione dei bimbi al primo giorno di prima elementare

Più informazioni su

Buongiorno, queste poche righe per esprimere la rabbia e la delusione di stamattina 13 settembre 2021, primo giorno di scuola, primo giorno di una nuova avventura alla prima elementare. Scuola primaria Galliano Camerani, bambini in trepidazione, genitori emozionati.

Alle 9 tutti in fila per entrare, solo le prime classi, sezione A, B, C.

Prima A e prima C si entra. Prima B, la classe di mia figlia, sciopero.

Al di là del rispetto che nutro per il diritto allo sciopero, soprattutto se dettato da valide motivazioni, oggi trovo vergognoso far tornare a casa bimbi di 6 anni al loro primo giorno di scuola primaria.

Giorni e giorni di preparazione, trepida attesa soprattutto da parte dei bambini. Qualsiasi siano le motivazioni oggi non è giustificabile, soprattutto per i modi e i tempi per comunicare una così scellerata decisione.

Oggi avete negato a mia figlia e a tanti altri bimbi la possibilità di gioire insieme a tutti gli altri amichetti, entrati regolarmente, della prima emozione che si possa vivere a 6 anni, il primo giorno di scuola.

Un papà molto arrabbiato

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Andrea

    Insegnanti no vax non dovrebbero più insegnare

  2. Scritto da Gianpasquale

    Beh lo sciopero serve proprio a creare un disservizio, in modo tale che, chi lo subisce, magari possa unirsi alla causa di chi ha scioperato,per far si che quel disservizio non si ripresenti.
    Ma questa cosa succede solo nei paesi utopistici, in cui la gente non guarda solo al proprio orticello..
    Stia tranquillo sig. “Papà molto arrabbiato” che sua figlia domani avrà il suo primo giorno di scuola senza subire traumi, magari le può spiegare che nella vita esiste anche la possibilità di far valere i propri diritti

  3. Scritto da Noemi

    Il primo giorno di scuola è veramente solo cattiveria…
    Comunque resta il fatto che al di la di diritti o meno, chi aderisce allo sciopero fa praticamente sempre parte del settore pubblico. Chi lavora per i privati difficilmente sciopera

  4. Scritto da Lorenzo

    Finché avremo la pubblica amministrazione e i relativi sindacati andrà sempre peggio. Ma almeno ogni tanto una buona notizia arriva, come nel caso di Alitalia, finalmente tutti a casa. Quando non esiste più il monopolio, i privilegi cadono. Io ho avuto la fortuna di mandare i miei figli ad una paritaria e dal 2007 fino allo scorso anno, non ho subito nessuno sciopero. Se fosse come in altre parti del mondo, non subiremmo più ricatti

  5. Scritto da Aldo

    Tanto il partito che governa Ravenna va a braccetto con i sindacati

  6. Scritto da b

    il lavoro pubblico non ha il job act, e sindacati autonomi che il privato non riconosce, e non ci parla.

  7. Scritto da Delusione

    Mia figlia oggi è rimasta fuori ad aspettare che la sua nuova insegnante la venisse a prendere… purtroppo siamo dovuti andare via!
    La delusione è grande, sono tanti giorni che spettava questo momento.
    Io capisco lo sciopero ma alla fine quelli che pagano sono sempre quelli che non centrano niente!!
    Ai nostri governanti non frega niente…

  8. Scritto da Stefano Mazzoni

    Quando si organizza uno sciopero si cerca di avere due risultati : creare danno al datore di lavoro per evidenziare le proprie ragioni e creare visibilita’ e supporto dai cittadini verso le proprie rivendicazioni. In questo caso si e’ creato un danno agli utenti, e non al datore di lavoro, e si e’ incassato la giusta rabbia dei genitori in un giorno fondamentale per i bambini. Un risultato che dovrebbe portare alle dimissioni del Sindacalista che l’ha proposto, minimo per incompetenza….

  9. Scritto da batti

    non trovo nell informazione quale sigle sindacali hanno dichiarato lo sciopero della scuola di oggi, sara colpa mia, c è qualcuno che me lo scrive

  10. Scritto da leo

    caro gianpasquale magari se lo sciopero si faceva tra una settimana si rispettavano
    anche i diritti di quei bambini- ma un paese dove i sindacalisti vogliono fare andare
    in pensione prima e uno di loro ha lasciato la tanta agognata pensione per tornare a
    lavorare è proprio uno strano paese –

  11. Scritto da Marco

    Lo sciopero è un diritto. Ci arrabbiamo quando abbiamo dei disservizi, ma non si parla dei nostri diritti. Il tema vero è: lo sciopero oggi è ancora una modalità di lotta efficace?

  12. Scritto da Michela

    Chi lavora in ambito scolastico dovrebbe fare un mese in meno di vacanza e iniziare a organizzare per tempo l’anno scolastico. Ma cos’è…un lavoro stagionale ?!?

  13. Scritto da Danilo

    Mannaggia, ai miei tempi mai uno sciopero:-))

  14. Scritto da Tanta rabbia

    Mio figlio stamattina appena sveglio aveva tanta paura per il primo giorno di scuola. Dopo tante rassicurazioni da parte mia siamo arrivati…vede i suoi amichetti e finalmente arriva la gioia di quella esperienza. Ore 9.15 le maestre non si sono presentate… sentivamo gli applausi d’accoglienza per le classi 1° e guardavamo i visi dei nostri figli delusi. Cosa hanno insegnato?

  15. Scritto da bi

    tantarabbia che in questo scalcinato paese per noi cittadini non ci sono diritti solo doveri certo lo sciopero è sacrosanto ma se è giustificato magari spiegato e gestito
    quei bambini andavano avvisati ed entravano in classe il giorno dopo –