Quantcast

Le Rubriche di RavennaNotizie - La posta dei lettori

Studenti infreddoliti al Liceo linguistico di Ravenna. “15 gradi in classe, si battono i denti”

Più informazioni su

Frequento la Quinta superiore al liceo linguistico Dante Alighieri di Ravenna. Oggi, martedì 12 ottobre, nella nostra aula al primo piano dell’edificio, ci sono la bellezza di 15 gradi.

Dal decreto legislativo 81/08 la temperatura delle aule durante il periodo invernale deve essere tra i 18 e i 22 gradi.

Siamo costretti a frequentare le lezioni per 5/6 ore tremando e battendo i denti e nessuno si è preoccupato (anche con finestre chiuse).

Nonostante l’ordinanza del comune dell’11 ottobre che prevede l’accensione anticipata dei termosifoni, ad oggi non è cambiato assolutamente nulla! Abbiamo chiesto aiuto a chi di dovere ricevendo come risposta “non è un problema nostro”.

Una studentessa

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Lucio

    “I burocrati temono la responsabilità personale e cercano riparo dietro le loro regole; la loro sicurezza e il loro orgoglio risiedono nella lealtà verso le regole, non già nella lealtà verso le leggi del cuore umano.”

    (Erich Fromm, “Avere o essere?”)

    Intelligenti pauca sufficiunt.

  2. Scritto da Roberta

    Rispondere non è un problema nostro è senza dubbio di pessimo gusto.Ragazzi però 15 gradi non 2..capisco il disagio ma non si battono i denti a 15 gradi.C è gente che lavora fuori tutto l inverno dai su…Nei nidi e nelle materne cercano di tenere i bimbi da 1 a 6 anni fuori più ore possibili…ora siete in quinta superiore.

  3. Scritto da Luka

    La ragazza ha fatto più che bene a sollevare un problema/disagio a nome di tutti gli studenti della sua classe.

    La percezione della temperatura stando fermi seduti è (ben) diversa, In My Honest Opinion, rispetto magari a chi lavora al freddo e gelo ma si muove riscaldando comunque il proprio corpo.

    Sicuramente, quando il disagio sarà più marcato e le temperature più basse, i caloriferi saranno belli che accesi… Sempre non si voglia studiare in compagnia di eschimesi e pinguini, che fa molto folkloristico e multiculturale. 😉

  4. Scritto da RB

    A Roberta, provi a stare ferma x 5 ore a 15 gradi. Si accorgerà di sentire freddo… Cordiali saluti.

  5. Scritto da armando

    La ragazza ha giustamente specificato…nel periodo invernale la temperatura deve essere 18/22 !! siamo a meta’ ottobre..e molti di questi ragazzi oggi li ho visti seduti in Piazza s.francesco a far chiacchiere, fermi !!! e nessuno protestava.- Forza giovani………

  6. Scritto da Andrea

    Io lavoro sempre fuori, anche in pieno inverno,ma vede signora Roberta,un conto è muoversi facendo attività fisica e dopo un po’ il freddo non si sente più,un altro è stare seduti fermi ad un banco,il freddo fa molta più fatica ad andare via ed entra nelle ossa. Così come i bambini che stanno fuori,corrono e giocano in continuazione.