Quantcast

Le Rubriche di RavennaNotizie - La posta dei lettori

Sono iniziate le trivellazioni del giacimento Longanesi della Gas Plus fra Lugo e Bagnacavallo. Tutti contenti? Non proprio…

Più informazioni su

In queste notti sono iniziate le trivellazioni del giacimento Longanesi della Gas Plus fra Lugo e Bagnacavallo. Si tratta di un giacimento scoperto e autorizzato decenni fa e che da oggi inizierà a essere sfruttato. Un giacimento di grandi dimensioni che potrebbe alimentare la domanda dell’area di Lugo per circa un decennio. Non a caso la Gas Plus, compagnia petrolifera emiliano-milanese, proprio grazie a queste attività ha appena guadagnato in borsa un 10,09%. Tutti contenti, insomma. Non proprio.

Da un lato gli scienziati, climatologi e non, di tutto il mondo ci dicono che dobbiamo smettere di bruciare combustibili fossili e dedicare tutte le nostre risorse impiegate nell’energia verso verso le fonti rinnovabili, ma dall’altro gli enti, malgrado le roboanti dichiarazioni in cui come un mantra parlano di transizione ecologica, continuano a sostenere le fonti fossili. Perché sì, parlare di transizione ecologica va di moda, la nostra Regione le ha anche dedicato un inutile assessorato, ma nessuno tocchi le fonti fossili!

E a noi cosa resta, oltre ovviamente a un danno irreversibile al clima che le prossime generazioni non ci perdoneranno mai?

Nelle zone interessate inquinamento acustico 24 ore su 24, specialmente di notte, strade dissestate dai mezzi, inquinamento luminoso e, come ci è appena stato segnalato, acque prelevate dalle falde acquifere che, improvvisamente, bruciano le foglie delle piante. Per non parlare del problema subsidenza.

Purtroppo le compagnie si fanno scudo delle autorizzazioni criminalmente concesse decenni fa e sul territorio si può fare poco. Chiediamo però che gli enti preposti al controllo, ARPAE in testa, facciano almeno rispettare le prescrizioni imposte, iniziando da subito con delle verifiche sulle attività eseguite. E, soprattutto, chiediamo alla Regione Emilia-Romagna che fermi questa follia. O, almeno, che la smetta con l’ipocrisia con cui ci prende per i fondelli. Diversamente sostituiamo il poco credibile Assessorato regionale alla Transizione Ecologica con un più realistico Assessorato all’Energia Fossile, che ben si accompagna al Ministero della Finzione Ecologica di Cingolani.

Gabriele Serantoni – coportavoce Europa Verde provincia di Ravenna

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Claudio

    Concordo con il comunicato dei Verdi. E’ una decisione grave e pericolosa che va contro la logica e il buon senso, solo per soddisfare gli appetiti delle aziende del “fossile”. Scandalosa la scelta dei politici locali, regionali e nazionali !

  2. Scritto da NB

    A voi, a noi, resta il metano di casa nostra, il lavoro ad aziende dell’indotto sul territorio, stipendi per persone italiane e know-how.
    Volete solo dipendere da stati esteri per l’approvvigionamento di energia?
    Dove magari per produrre il metano che poi noi usiamo, inquinano 100 volte di più?
    Not in my backyard è un principio che non vale per l’inquinamento.

  3. Scritto da Gianluca

    Va benissimo. Fermiamo questo scempio! ..cari Signori, mi spiegate con cosa scaldate le vostre ville di campagna? Avete tutti il tempo di andare a comprare legna e riempire la stufa come faceva una volta mia nonna? …poi diciamocelo anche la legna fa anidride carbonica e anche il famigerato particolato. Quindi qua non se ne esce vivi!!

  4. Scritto da Il rosso

    Claudio ti rammento che i verdi sono al governo a Lugo e in regione,viva la coerenza,parlar bene e razzolare male.

  5. Scritto da C.C

    Ottimo articolo ,mancano i danni ai fabbricati e alle colture .A tutti i favorevoli consiglierei di acquistare una lussuosa villa e un’ azienda agricola in prossimità dei pozzi ,poi cambieranno idea e non giustificheranno tutto con un inaccettabile “da altre parti inquinano 100 volte di più”.
    Grazie continuate così.

  6. Scritto da marco

    cit: “Nelle zone interessate inquinamento acustico 24 ore su 24, specialmente di notte…”
    Fatemi capire, nelle 24 ore su 24 la notte non è compresa?
    “…strade dissestate dai mezzi…”
    la strada di accesso è privata, mentre la San Vitale è nello stato medio generale di tutte le strade che si trovano lì attorno
    “…inquinamento luminoso…”
    A me dà fastidio le luci che provengono dallo stadio a “causa” di quelli che fanno allenamento, potete chiedere di “smorzarle”?
    Cari verdi, scendete dal pero ed immergetevi nella vita reale oppure, per dimostrare che voi in primis non fate solo del “blablablero”, diteci con cosa scaldate le vostre casine o con cosa alimentate le vostre auto, altrimenti siete solo dei politici come quelli che criticate

  7. Scritto da marco

    @ CC: magari le persone, e sono la maggioranza, che possono trarre beneficio da una maggiore disponibilità di gas non hanno le disponibilità economiche per acquistare una “lussosa villa”, magari dotata di pannelli fotovoltaici o riscaldamento tramite geotermia, ma possono acquistare immobili più ridotti, chessò tipo un appartamentino con il riscaldamento centralizzato…