Quantcast

Le Rubriche di RavennaNotizie - La posta dei lettori

I 3V ci scrivono di nuovo e noi di nuovo rispondiamo: se non siete no vax, vaccinatevi, e facciamola finita!

Più informazioni su

LA LETTERA

Egregio Direttore,
sono la Coordinatrice ravennate del partito 3V Verità e Libertà e vorrei chiarire quella che reputo una mal comprensione che perdura da troppo tempo: perché continuate a definire i nostri simpatizzanti NO VAX? In tutti gli articoli (pochi in verità) sulle attività del partito che rappresento compare sempre quella etichetta che, di fatto, non ci appartiene!
Il partito 3V sta portando avanti una “lotta” di sensibilizzazione contro quello che, a tutti gli effetti, è un vero e proprio obbligo vaccinale, spiegando che ogni cittadino ha il diritto di poter scegliere le cure che ritiene più idonee per la propria salute. Il tutto senza incorrere in alcun tipo di stigmatizzazione.
Difatti nessuno dei nostri simpatizzanti o iscritti ha mai negato l’esistenza di questo virus e neanche hanno mai demonizzato i vaccini in generale. Ormai è chiaro che una parte consistente della popolazione la pensa come noi ed è ora che diate voce anche a chi è contro l’obbligo vaccinale ed a favore della libertà di scelta. Sono certa che Lei prenderà in considerazione il mio punto di vista perché, un giornale vero, rappresenta tutti i cittadini e non solo una parte.

Donatella Pira – Coordinatrice 3V Verità e Libertà Ravenna

Campagna 3V

Una campagna 3V contro il vaccino che compare sul sito istituzionale dei 3V

LA RISPOSTA

Gentile Donatella Pira,

un giornale vero, come dice lei, appartiene ai suoi lettori, che non sono tutti i cittadini, perché il giornale non è lo Stato e nemmeno il Comune. È più semplicemente un libero mezzo d’informazione che pubblica in modo libero le informazioni che ritiene importanti per i liberi cittadini che lo scelgono. In altre parole, non è obbligatorio leggere un giornale se non piace. Né il giornale è obbligato a pubblicare ogni cosa se ritiene che non sia utile o pertinente o addirittura se pensa che quella cosa sia dannosa per l’opinione pubblica. Anche perché di giornali ce ne sono tanti e ognuno può scegliere quello che più gli aggrada. È questo il pluralismo.

Questo giornale fin dall’inizio della pandemia ha scelto chiaramente da che parte stare: dalla parte della scienza e della medicina, dalla parte della serietà e della responsabilità individuale e collettiva, dalla parte della vita delle persone e della salute pubblica. Per questo ha sempre informato i suoi lettori in modo coerente e corretto sui pericoli del Covid e sulle misure da adottare per farvi fronte.

Per tutti questi motivi quando è arrivato il vaccino, questo giornale non ha esitato un minuto a capire dove stare e quali informazioni offrire al pubblico per rendere un servizio di pubblica utilità. E questa cosa esclude categoricamente che noi si possa dare spazio a sciamani o medici e filosofi da strapazzo, né tantomeno a politici irresponsabili che teorizzano cose che mettono in pericolo la vita delle persone e la salute pubblica. 

Questo giornale non è tenuto né tantomeno obbligato a dare voce e tribuna a tutti, se ritiene che fra quei tutti ci siano anche bugiardi e imbroglioni. La pubblicazione delle notizie è a discrezione della redazione e dei giornalisti e risponde a una precisa linea editoriale che prima le ho spiegato. E che i nostri lettori conoscono bene. 

Fatte tutte queste premesse, mi è bastato ascoltare, in un paio di occasioni e con le mie orecchie, le tesi strampalate che il movimento o partito 3V sostiene nei comizi, varie volte tenuti anche a Ravenna, per avere un’idea molto chiara di quale comportamento assumere nei vostri confronti, per rispetto verso i nostri lettori e verso la stragrande maggioranza dei cittadini. 

Le cose che poi continuiamo a sentire soprattutto in tv e i gravi episodi di cui gli oppositori del vaccino e del Green Pass si sono resi responsabili in questi mesi non hanno fatto altro che rafforzare la mia e la nostra convinzione. Come se non bastasse, certe affermazioni che lei nella lettera ribadisce e che riportate sul sito web del partito – pur in una forma molto addolcita rispetto alle parole ascoltate da me e tante altre persone nei comizi – non mi fanno sperare in un suo/vostro ripensamento. Anzi.

In definitiva, cara signora Donatella Pira, se davvero non siete No Vax, come dice, vaccinatevi, uscite dal vostro egoistico egotismo e date una mano a questo paese e a questa comunità che stanno cercando di uscire dall’incubo della pandemia da due anni. E facciamola finita una buona volta con questa commedia che sta rendendo tutto più difficile e reca danni alla salute della comunità.

La saluto

Pier Giorgio Carloni

Coordinatore della Redazione

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Sergio

    Risposta da condividere al 100%

  2. Scritto da Viola

    Ben detto! Bravissimo, più chiaro di così! Condivido in pieno ogni singola parola.

  3. Scritto da C.

    Direi che, la risposta della redazione, più chiara di così non poteva essere.

  4. Scritto da Ermes

    Gent. ma Donatella,
    Lei afferma :

    ”…. Il partito 3V sta portando avanti una “lotta” di sensibilizzazione contro quello che, a tutti gli effetti, è un vero e proprio obbligo vaccinale…..ogni cittadino ha il diritto di poter scegliere le cure che ritiene più idonee per la propria salute”.

    Quindi, a che servono i Medici Di Base e Specialisti vari?

    Ancora…. “una parte consistente della popolazione la pensa come noi….”

    Le ricordo che buona parte di quella ”popolazione” si trova stesa ed intubata; i fortunati stanno smaltendo il virus a casa propria. Forse non hanno saputo scegliere le cure idonee?

  5. Scritto da Gattorosso

    Condivido la risposta della redazione!!!!

  6. Scritto da Andrea

    Non riesco mai a capire qual è il concetto di libertà di questi individui? Rimanere chiusi in casa in lockdown per un altro inverno??

  7. Scritto da Ermes

    @ Andrea

    e costringere anche noi a subire le cause della Loro ..”libertà di scelta”..

  8. Scritto da susanna

    Egregio dottor Carloni,
    le rivolgo il mio plauso e tutta la mia stima; ottima la sua risposta a questi pazzi che tentano di vanificare gli sforzi che tutti facciamo contro questa pandemia! Anche il Papa ha dichiarato che vaccinarsi è un atto di responsabilità civica oltre che una dimostrazione di altruismo.
    Inoltre trovo di pessimo gusto, il manifesto con la piccola cavietta che, questo sedicente “partito” propone!

  9. Scritto da Martina

    Vorrei avere 10 paia di mani per moltiplicare gli applausi per il Direttore di Redazione. Complimenti sinceri per la risposta.