Quantcast

Le Rubriche di RavennaNotizie - La posta dei lettori

Un’Arena Borghesi schiacciata dal supermercato, si allarga una ferita urbanistica di 40 anni fa

Più informazioni su

La retorica della restituzione alla città di «un’Arena Borghesi delle origini» che si avvale di annunci mirabolanti e di fuorvianti immagini virtuali è giunta al capolinea. I lavori in corso per l’ampliamento del supermercato Conad smascherano le illusioni e mostrano la realtà di un ingombrante fabbricato, già ben visibile dal viale, che invade la vera Arena delle origini.

Non è più possibile aggirare o minimizzare l’evidenza di fatti esposti allo sguardo di tutti. Fatti che Italia Nostra e Legambiente avevano ripetutamente segnalato negli anni scorsi.

Il nuovo volume commerciale svela il suo prevedibile impatto: occupa un quinto di superficie dell’Arena Borghesi, è un massiccio spazio chiuso che ha preso il posto di un arioso giardino alberato, schiaccia la platea e l’edificio del palcoscenico.

Effetti che svelano perché da anni faccia “comodo” ridurre la conseguenza dell’espansione del supermercato al solo taglio dei singoli alberi; un modo goffo per sviare l’attenzione dal problema centrale del pesante impatto costituito dalla perdita di un intero spazio alberato di 300 metri quadri.

Lo stato di avanzamento dei lavori dimostra in modo inequivocabile che una semplice fila di nuovi alberelli, piantati in una residuale striscia tra la platea e il nuovo muro del supermercato, non potrà compensare in alcun modo la perdita di un’ampia cornice paesaggistica che dava respiro al teatro.

La nuova costruzione stravolge il rapporto unitario dell’Arena Borghesi con un viale ottocentesco, aggrava l’invasività di un corpo estraneo al contesto paesaggistico, compromette ulteriormente la relazione visiva che si ha dallo Stradone.
Si allarga una ferita urbanistica creata nel 1981 con la costruzione del supermercato, andando ad aumentare ulteriormente l’impatto di un edificio di dimensioni già incompatibili con una densa zona residenziale e il contesto storico.

Già il Piano Regolatore del 1996 lo classificò tra quelli “incongrui, fuori contesto, che con le loro dimensioni hanno stravolto il rapporto dimensionale con il tessuto storico circostante”.

Italia Nostra e Legambiente – Faenza

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Angelo Ravaglia

    L’arena Borghesi era un unicum nella nostra regione poichè nata negli anni Trenta con il preciso scopo delle proiezioni cinematografiche: una perfetta armonia tra lo schermo in muratura e la cortina di verde (tigli) circostante.
    Ora quest’equilibrio non c’è più e stona davvero che l’ultimo atto sia stato compiuto dall’ attuale Sindaco, già assessore alla cultura (sic).
    Una curiosità: perchè continuiamo a pagare i Soprintendenti alle belle arti che autorizzano simili scempi? Non hanno niente da dire ?
    Faenza, città d’arte e di cultura a livello internazionale, NON meritava questo.