Le Rubriche di RavennaNotizie - L'opinione

Benzoni (LpRa): “Auto della Polizia amiche delle donne vittime di violenza”

Gianluca Benzoni, consigliere di Lista per Ravenna, propone di attuare anche a Ravenna un progetto già in essere in Spagna

Più informazioni su

La violenza sulle donne, non conosce razza, confini, classi sociali o religioni, è un atto atroce, ingiustificabile e condannabile. E’ all’ordine del giorno sentire di donne massacrate, violate da padri, mariti, fidanzati, figli, colleghi, amici o semplici sconosciuti, donne deturpate con l’acido, esposte ad abusi, a molestie dentro casa, negli uffici, a scuola.

Ad armare la mano degli assassini sono spesso vecchi rancori, non accettazione di un rapporto che finisce, un matrimonio che fallisce, una vita familiare che cambia o semplicemente l’incapacità di affrontare un “no” come risposta ad un approccio amoroso, ecc. Però non ci sono mai ragioni vere, in grado di giustificare eventuali atteggiamenti violenti verso le donne, si ammazza semplicemente perché non si ha il senso del rispetto per la vita altrui, o si usa il corpo delle donne per sfogare una rabbia repressa, una frustrazione e una violenza covata negli anni. Così basta un niente per farla emergere e colpire nel peggiore dei modi. Un attimo prima sei al centro del mondo di chi dice di amarti, sei l’essenza della sua vita, poi, apparentemente all’improvviso, non si sa il perché, questo amore si trasforma in ossessione, quella carezza si trasforma in un pugno, quella stessa mano che prima ti rassicurava si arma e all’improvviso si diventa la preda da braccare, da seguire, da spaventare, da tormentare e nella peggiore delle ipotesi da massacrare! Numerosi, nostro malgrado, sono gli esempi che potremmo utilizzare per raccontare le violenze subite dalle donne. Troppe le situazioni che coinvolgono il nostro territorio, e sulla quale da anni, Linea Rosa, combatte in prima linea per aiutare le donne vittime di violenza.

Alla luce di queste considerazioni si potrebbe valutare l’attuazione di una iniziativa già in essere in Spagna e che vede in tutte le auto della polizia un messaggio che invita alla non violenza sulle donne con indicazione delle istituzioni o organizzazioni alla quale potersi rivolgere in caso di necessità. Questa iniziativa tesa a diffondere la cultura della non violenza sulle donne, facendo sentire la vicinanza e il sostegno delle istituzioni alle persone in difficoltà, ed è importante che le istituzioni si percepiscano presenti e vicine. Nel nostro caso, se la proposta trovasse conforto dall’Assessore Monti e da tutto il Consiglio Comunale, nella locandina, che verrà applicata sulle auto in dotazione alla polizia municipale, si potrebbero indicare come numeri telefonici di riferimento quello di Linea Rosa, già molto attiva anche sul nostro territorio oppure il 1522 del Centro Antiviolenza.
Per l’Italia sarebbe la prima iniziativa in tal senso e l’auspicio è quello di vedere in seguito l’adesione anche di altri comuni.
Gianluca Benzoni Consigliere di Lista per Ravenna

Più informazioni su