Le Rubriche di RavennaNotizie - L'opinione

Per la Buona Politica: Tanti dubbi sulla durata 30ennale dell’affidamento a Hera-Luce

Per l’Associazione e il Gruppo Consigliare Per la Buona Politica la validità del progetto pubblica illuminazione nel Comune di Lugo, dal punto di vista dell’innovazione tecnologica, non è mai stato messo in discussione.

Circa la durata trentennale dell’affidamento permangono tutte le nostre perplessità, in quanto riteniamo sia un vincolo contrattuale sproporzionato rispetto alle evoluzioni che nel settore sicuramente interverranno, nel tempo, con rapidità.

L’esito della gara europea ha visto come partecipazione una sola società (Hera –Luce, proponente il progetto) con la formula di R.T.I. – Raggruppamento Temporaneo d’Imprese – di cui fa parte la società che, da decenni, ha avuto in gestione la pubblica illuminazione nel nostro comune con ripartizione dell’esecuzione delle varie prestazioni 85% alla prima e 15% alla seconda. Il ribasso presentato in sede di gara è stato dello 0,111 %.

Annualmente, i cittadini contribuenti lughesi (e si ricorda ancora per 30 anni) saranno impegnati economicamente per circa 1.000.000 di €. A dimostrazione di tale importo, pubblichiamo due pagine estrapolate dal disciplinare di gara (pag.6 e 7), curato dall’Unione dei Comuni, che ha rappresentato il principale documento per lo svolgimento della gara.

L’importo annuale di un milione di euro sarà soggetto a incremento Istat e comprende la gestione, la manutenzione, l’erogazione di energia elettrica( a cura sempre di Hera Luce) e, voce importante, l’ammortamento dell’investimento iniziale. Si registra pertanto, ancora una volta, che l’affermazione dell’amministrazione comunale, diffusa in questi giorni alla stampa e sui social, “l’investimento per il progetto di riqualificazione energetica di oltre 5.400.000 di euro (iva inclusa) interamente a carico di Hera Luce, senza alcun onere per i cittadini”, è fuorviante: l’importo totale del finanziamento iniziale per l’esecuzione degli interventi è ovviamente da ammortizzare e, quindi, è a carico totalmente, come le altre voci, dei cittadini contribuenti.

Il Gruppo Consigliare Per la Buona Politica, il 3.09.18, denunciava all’opinione pubblica, con analoghe argomentazioni, le perplessità sull’operazione, oggi conclusasi con la firma del trentennale contratto.

L’Associazione e il Gruppo Consigliare Per la Buona Politica

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da E IO PAGO

    servono 7/8 anni per ripagare l investimento poi comincia ad essere una gallina dalle uova d’ oro, vedo una concessione ventennale gia abbondante, trentennale e’ un furto. il problema e’ che c’e solo un fornitore che ha offerto quindi si sono potuti permettere di fare quello che volevano.vedrete che la manutenzione sara al minimo indispensabile come Fa la societa autostrade con i ponti… Hera ha una posizione predominante e sta diventando un colosso Serve fare come in Inghilterra dove il governo ha messo prezzi calmierati di energia e gas per evitare che ci sia abuso di posizione predominante…….. E IO PAGO

  2. Scritto da Giovanni lo scettico

    Non preoccupatevi, il Presidente di HERA continuerà a prendere 450mila Euro l’anno, pensate come sarà contento.