Le Rubriche di RavennaNotizie - L'opinione

Chiara Francesconi e Stefano Ravaglia: “700° Dante Alighieri, fondamentale che il calendario veda effettivamente la luce”

Più informazioni su

Come Repubblicani crediamo che Ravenna abbia tutte le carte in regola per poter affrontare con competenza e qualità delle proposte le celebrazioni per i 700 anni della morte di Dante Alighieri. Le recenti polemiche che tra l’altro trovano poco riscontro nelle realtà dei fatti, sulla mostra che verrà organizzata a Forlì sul Sommo Poeta non possono e non devono intaccare l’evento che per Ravenna assumerà una portata internazionale assieme ad altre città d’Italia come Firenze e Verona, ma altre ancora si stanno organizzando con le proprie realtà culturali per celebrare la È fondamentale che Ravenna si presenti unita a questo appuntamento, per il quale abbiamo già cercato di dare un piccolo contributo chiedendo una targa a ricordo di Antonio Fusconi, storico custode della tomba, e presentando il volume “Dante e Mazzini” che, al momento, è l’unica testimonianza editoriale presentata a Ravenna legata alle idealità patriottiche del Sommo Poeta.

Dunque, lasciando per strada eventuali campanilismi e diatribe che non portano a nulla, ma che possono, minare un percorso che potrebbe dare grande visibilità alla nostra città, Ravenna deve puntare a progetti come “Le Vie di Dante tra Romagna e Toscana”, un prodotto turistico interregionale dedicato agli itinerari culturali e naturali ispirati alla figura, alle opere, ai viaggi di Dante Alighieri che può rappresentare un’importante opportunità di crescita duratura non solo economica, ma anche culturale del territorio. In questo senso sarebbe importante che per questo 7° centenario vedesse anche la “Zona del Silenzio” entrare a far parte del patrimonio UNESCO, pertanto auspichiamo che sia l’amministrazione comunale a promuovere questa richiesta.

Ci auguriamo che il calendario degli appuntamenti ravennati su Dante Alighieri segua questa linea con eventi di spessore che possano concretamente apportare un beneficio alla comunità e che si discosti dalla programmazione dello scorso anno presentata in occasione della VI edizione della Biennale del Mosaico Contemporaneo. A questo punto però è fondamentale che il calendario, annunciato per fine luglio, veda effettivamente la luce, senza ulteriori ritardi e ripensamenti dell’ultima ora, per dare a tutti coloro che saranno coinvolti, in particolare il mondo delle imprese, modo di organizzarsi al meglio a questo importante evento.

Chiara Francesconi e Stefano Ravaglia (PRI Ravenna)

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da leo

    un sano ottimismo – credo che tale resterà- più importanti sono i monopattini etc etc
    che sicuramente porteranno frotte di turisti a “cercar dante in città ” sempre che
    qualcuno percorrendo magari via D’azeglio e schiantandosi vista la pavimentazione non
    ci faccia causa –