Le Rubriche di RavennaNotizie - L'opinione

Alvaro Ancisi: Ravenna franata da 13^ nel 2016 a 51^ nel 2020 nella classifica dell’Ecosistema Urbano

Più informazioni su

In questa sorte di pensiero unico, miscuglio di covid, cronache gialle/nere e comunicazioni di regime, possono passare sotto silenzio anche gli studi rigorosi, elaborati tecnicamente in campo nazionale, da cui discendono dati oggettivi importanti per conoscere e misurare le condizioni di vita e di progresso della città in cui si abita. Il 6 novembre scorso è stata pubblicata da Legambiente (associazione non sospettabile di fake news eversive) la graduatoria dell’“Ecosistema Urbano 2020”, elaborata sulla base di 19 parametri di valutazione della salute ambientale nei capoluoghi di provincia italiani (https://lab24.ilsole24ore.com/ecosistema-urbano/). Su 104, Ravenna è stata classificata al 51° posto, col punteggio del 54,51%, rispetto a quello massimo di 79,98% conseguito da Trento. Forlì, tanto per dire dei cugini, è al 12°, col 67,62%.

Siccome l’anno in corso è l’ultimo dell’attuale quinquennio di governo della storica maggioranza di sinistra, la considerazione più impietosa che se ne ricava è il raffronto col 2016 di partenza, quando fummo al 13° posto col 61,57%, galleggiando poi tra il 53% e il 55% nei tre anni successivi. Il passo del gambero sarebbe stato clamoroso se gli unici piazzamenti parziali con cui Ravenna si è classificata tra le prime venti città non fossero stati: il 5° posto per le piste ciclabili, 26 metri quadrati per abitante, ottenuto spacciando per buone le molte fuori norma, a malapena tracciate per terra e senza alcuna protezione, o scassate, o dirette da nessuna parte (di qui, come vedremo, anche l’alto tasso di motorizzazione); e il 6° posto per gli alberi, 37 ogni cento abitanti, che, diversamente dal verde urbano per il quale siamo al 25°(nostra terza migliore posizione), si avvale soprattutto di dotazioni storiche, come le pinete piantate dai nostri antenati.

Nella parte opposta della classifica, oltre la metà e verso i bassifondi, il nostro Comune sta dove si respira peggio (53° posto per l’ozono e 67° per le micidiali polveri PM10); dove l’offerta del trasporto pubblico è più scadente (66°), dunque pessimo il tasso di motorizzazione (85°) e da ecatombe il tasso degli incidenti stradali (81°); dove, viceversa da un virtuoso trattamento dei rifiuti che è sinonimo di civiltà, la raccolta differenziata zoppica col rallentatore (60°) e la massa dei rifiuti generata, compresi quelli nocivi e pericolosi da record, è da pattumiera d’Italia (103°).

Il sottoscritto, capogruppo della Lista che più si è battuta in tutte le circostanze e le sedi, giudiziarie comprese, contro la cementificazione del territorio vergine, con alcuni successi (a beneficio, per esempio, delle campagne tra Ravenna e Porto Fuori), tuttavia largamente insufficienti, punta però il dito sull’indicatore di malgoverno più atroce, perché insanabile per tutte le generazioni future: il 100° posto nell’uso efficiente del suolo. Meno di due mesi fa, fummo noi a far conoscere come il Comune di Ravenna fosse il peggiore tra i 328 comuni della nostra regione (e questa tra le peggiori d’Italia, mentre si inneggiava alla “rivoluzione verde” in un’“Emilia-Romagna corridoio verde d’Italia”), per quasi 7 mila ettari di terreno consumati nel solo 2019.

Alvaro Ancisi – capogruppo di Lista per Ravenna

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da leonarda lacchini

    si continua a costruire con un progetto di verde urbano ridicolo – costruzioni nuove
    che almeno potrebbero essere in sintonia con ambiente e risparmio energetico- i progetti sono
    invece vecchi e sorpassati

  2. Scritto da Gilberto Nx

    Come al solito solo Lei Ancisi s’impegna contro morsa che la città subisce da questa giunta.
    E’ davvero impressionante costatare:
    -il cambiamento delle testate cartacea, a parte questa, le altre sembrano un megafono del PD! in particolare quella del resto del Carlino che era tra l’altro la mia preferita, una volta … è diventata la loro per caso ?!
    -Il resto dell’oposizione , sembrano contenti di rimanere a non fare nulla, che cosa fanno li in comune?

    Mi auguro pero Sig. Ancisi che il candidato Sindaco dell’oposizione sia di altro rango e che non si presenti anche lui alla ricerca di avere delle cartelle o dossier per sopravvivere ma una persona benestante autonomo economicamente e non corruttibile!?

    E mi auguro che si apra una discussione seria sullo stato della stampa locale cosi sembriamo dittature
    Grazie

  3. Scritto da Alvaro Ancisi

    Sig. Gilberto, proprio così. Mi ha letto nel pensiero proprio mentre riflettevo su questo articolo. Lo studio di Legambiente è stato pubblicato il 9 novembre. Tutte le città più valorizzate dalla graduatoria o punite ne hanno parlato e commentato più o meno bene. A Ravenna abbiamo 9 quotidiani: due cartacei e sette on line. Provi a vedere. Mi piacerebbe parlare con Lei. Cordialmente.

  4. Scritto da Emanuele

    Caro signor Ancisi, ahimè ha ragione da vendere. Mi auguro che le nuove pressioni “green” e una maggiore consapevolezza specie dei più giovani porti questa e le future amministrazioni a cambiar rotta. Qui si va pericolosamente a sbattere!

  5. Scritto da giorgia-Mic

    Anch’Io sono molto critica sulla situazione della stampa locale! non possiamo girare solo con una sola testata, questa! Che ovviamente le auguriamo lunga vita; ma democrazia oblige ad avere più di una fonte credibile!

    E se qualcuno contattasse i direttori centrali o regionali di quelle sciagurate testate (ormai da regime) e spiegarli la situazione delle a Ravenna?
    Se Non bastasse, allora una bella petizione e la firmiamo tutti!
    Giorgia

  6. Scritto da Alvaro Ancisi

    Grazie d’incoraggiamento. Aggiungo che in Italia dal 2016 ad oggi si sono registrati notevoli tassi d’incremento del green, mentre a Ravenna del red.

  7. Scritto da Lorena

    Sig. Ancisi, Secondo me ci vorrebbe una bella interrogazione sullo stato della stampa e dell’aria a Ravenna ?!
    Non possiamo permetterci di arrivare alle elezioni con una situazione simile quella della Belorussia!