Quantcast

Le Rubriche di RavennaNotizie - L'opinione

Andrea Maestri: dissento dalla scelta di far esibire Polunin, antifemminista, omofobo, che esibisce sul proprio corpo tatuaggi di estrema destra

Più informazioni su

DISSENTO dalla scelta di far esibire questo artista in una produzione del Ravenna Festival (Dante Metànoia) in corso al Teatro Alighieri della nostra città.
Basti leggere la descrizione che ne fa Repubblica in questo articolo: “Sul petto ha tatuato il volto di Vladimir Putin, nei confronti del quale dichiara “totale identificazione”. Esorta il genere maschile a recuperare il proprio ruolo “guerriero”, in una concezione selvaggia in cui l’uomo è più simile a un “leone” o a un “lupo” e la donna è la preda. Quanto ai valori del femminismo, anche in questo la sintesi è piuttosto banale ma comunque marcatamente caratterizzata da un pensiero dominante: “Le femmine cercano di prendere il vostro ruolo perché non le scopate più”. Si chiama Sergei Polunin, 29 anni, ucraino con passaporto russo, ballerino di indubbio valore artistico ma dai contenuti quanto meno discutibili.”
Il Comune sa o sapeva? Condivide la scelta “artistica” del Ravenna Festival?
Personalmente, non mi sento di dare il mio benvenuto ad un artista (sicuramente tale nella sua arte, di cui non discuto) nazionalista, antifemminista, omofobo, che esibisce sul proprio corpo tatuaggi di estrema destra.

Andrea Maestri

(opinione postata su Facebook)

Polunin

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Maria

    Proposte vecchie, niente di interessante!

  2. Scritto da Giovanna Montanari

    CONDIVIDO TOTALMENTE. IN NOME DELLA LIBERTÀ ARTISTICA SI CALPESTANO I DIRITTI DELLE DONNE, COME DA SEMPRE! QUESTA NON È ARTE MA REATO!

  3. Scritto da (San) Michele

    Qualcosa mi dice che questo Polunin si farà velocemente una ragione del fatto che Maestri (sempre più in versione “Catone il censore” 🤪) non si “senta di dargli il proprio benvenuto”.
    E credo che la stessa cosa varrà anche per noi ravennati…

  4. Scritto da Enrico

    Il RaFestival si sta semplicemente preparando al governo Salvini – Meloni

  5. Scritto da cromwell

    E’ tornato il Minculpop?

  6. Scritto da armando

    Sul commento di Maestri non metto lingua.- Ho visto lo spettacolo e mi ha un po deluso.- Dall artista che è , personalmente, mi aspettavo di piu’: un po’ povero come spettacolo.- Diamo la colpa a Dante ??

  7. Scritto da tania

    Concordo assolutamente con questa opinione!

  8. Scritto da neviobaldini

    Terreno scivoloso quello di criticare un artista,ma qui stiamo parlando di un’artista che esibisce il suo corpo per farne il manifesto pubblicitario di messaggi per il cui contenuto, mon dovrebbero veicolare tramite il prestigioso teatro di una citta’ medaglia d’oro alla resistenza.Una piu’ attenta valutazione da parte degli organizzatori,sarebbe stata opportuna.

  9. Scritto da artemio

    cromwell (San) Michele nemici del popolo!

  10. Scritto da Marco Tampieri

    L’organizzazione di Ravenna Festival si dovrebbe vergognare!