Le Rubriche di RavennaNotizie - L'opinione

Tombola di San Lorenzo, presidente Asp Ravenna Cervia e Russi: “Ci auguriamo possa tornare nel 2023”

Più informazioni su

In questi giorni mi ha colpito l’attenzione di così tanti cittadini nei confronti della Casa Residenza Anziani “Busignani” di Cervia. Ritengo doveroso rendere pubblici i motivi che non hanno consentito di organizzare la Tombola di beneficenza di S. Lorenzo, a favore della stessa Busignani.

Per chi si occupa di anziani fragili, ci sono ancora limitazioni e problemi organizzativi. Anno scorso e l’anno prima di questo c’era maggiore consapevolezza. Ma anche quest’anno dobbiamo affrontare delle emergenze. Il 9 agosto è finito l’ultimo focolaio al Busignani, che aveva coinvolto ben 20 anziani e 4 operatori.

Grazie ai vaccini la malattia è meno letale. Il rispetto dei protocolli sanitari ci consente di gestire i servizi garantendo la maggior sicurezza possibile. Ma siamo ancora ben lontani dal poter organizzare tutti gli eventi che coinvolgevano la comunità attorno ai “nonni” di Cervia.

Confidiamo che ci saranno nuove occasioni di incontro, anche per beneficiare di quelle piccole grandi donazioni così preziose. Donazioni che comunque non sono mai mancate nemmeno in questi anni di pandemia. Perché il cuore dei cervesi è grande.

Il prossimo anno, se le condizioni sanitarie miglioreranno e con la necessaria collaborazione di volenterosi, la Tombola di S. Lorenzo speriamo possa ritornare in Piazza.

La Presidente ASP Ravenna Cervia e Russi Fabiola Gardelli

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Gigliola

    Si si la scusa del Covid non durerà per sempre. Gli anziani non vanno in piazza e comunque potevano essere coinvolti all’interno della struttura in quanto come altri anziani positivi non hanno sintomi. Così sono stati più isolati e tristi.
    E con questa scusa noi familiari siamo tenuti sempre più lontani.

  2. Scritto da Lamberto

    Il Covid! cosa c’entra! qui è questione di fare un intrattenimento popolare che ha una storia di decenni!
    Perché il Covid ha colpito per caso gli organizzatori?

  3. Scritto da Davide

    Chi si dice colpito dall’attenzione riservata dai cervesi alla casa di riposo Busignani, evidentemente non conosce la realtà. Da sempre i cervesi sono attenti alla loro casa di riposo e molti sono stati volontari e sarebbero ancora disposti a farlo. Lei signora presidente è svolge la sua carica. Come volontaria?

  4. Scritto da Attilio

    Tombola a parte, qualcuno ha notato le condizioni di degrado in cui versa la struttura che avrà si e no una ventina di anni? E dell’isolamento dei nonni sempre giustificato dalla scusa del Covid ? mi sa che hanno voglia di farne sempre di meno.

  5. Scritto da Franco

    State tutti sereni! Fra poco ci sono le elezioni e poichè gli anziani votano, vedrete che si ricorderanno anche della casa di riposo e andranno a trovare i nonni con o senza Covid. E magari annunceranno anche qualche lavoretto sulla struttura se non addirittura tireranno fuori per l’ennesima volta la promessa di un ampliamento!

  6. Scritto da Giacomo

    Ben venga la beneficenza a favore della Casa Residenza Anziani “Busignani”, e capisco (solo in parte) i motivi di carattere sanitario, ma penso che la secolare tradizione (Casa di Riposo o non Casa di Riposo) andasse comunque mantenuta tramite altri soggetti organizzatori, in primis l’Amministrazione comunale…

  7. Scritto da Alberta

    Il passaggio della Casa di Riposo Busignani all’ASP di Ravenna ha spersonalizzato il legame che aveva quest’ultima con il territorio e gli ultimi amministratori sono sempre più politicizzati e ben lontani della cultura e delle abitudine del territorio!
    Purtroppo a queste storie dobbiamo abituarci e aspettare il peggio! Che peccato!

  8. Scritto da Mario

    Comunisti, comunisti e comunisti, disse il compagno Paolo Rossi (attore comico). Io invece vi descriverei come bolscevichi che non fanno mai cose che non sono nel loro interesse … figuriamoci persone anziani.. i nostri nonni!!!