Quantcast

Le Rubriche di RavennaNotizie - Porto di Ravenna

Porto di Ravenna. Centenario della Petrolifera Italo Rumena (PIR) con un libro e una mostra

Il Gruppo PIR, primario operatore di mercato in Italia e nel Mediterraneo nel settore dello stoccaggio, movimentazione e distribuzione per conto terzi di rinfuse liquide e prodotti solidi sia sfusi che confezionati, celebra il centenario con un volume di 280 pagine dal titolo “Il merito dei padri. Storia de La Petrolifera Italo Rumena, 1920-2020”, pubblicato dalla casa editrice Il Mulino e a breve disponibile nelle librerie. È allestita per l’occasione del centenario anche la mostra fotografica “Il Centenario PIR – 1920-2020”a Marina di Ravenna. L’anniversario cade in un periodo particolarmente difficile che ha visto l’azienda ravennate pienamente operativa anche nel periodo del lockdown.

I prodotti che transitano regolarmente per il deposito costiero di Ravenna-alcoli, glicoli, acetati,acidi -sono indispensabili nella nostra vita quotidiana, e molti di essi sono necessari a fronteggiare la crisi innescata dal nuovo coronavirus. Da inizio anno il volume delle merci movimentate da La Petrolifera Italo Rumena è in linea con quello dello stesso periodo del 2019.

Ma l’andamento dei prodotti è stato molto diverso, se da un lato i prodotti destinati al settore automotive o a quello del mobile hanno subito un brusco calo, dall’altro si osserva un boom nei prodotti destinati alla detergenza e alla disinfezione in ambito sanitario. Nei mesi di marzo e aprile, infatti, rispetto all’analogo periodo del 2019, si rileva una crescita del 100% nella movimentazione di prodotti come l’alcol etilico, passato da 15mila a 30mila tonnellate circa. Una impennata spinta dalla forte crescita della domanda proveniente da famiglie, imprese che operano nel settore sanitarioe ospedali.

Mostra a Marina di Ravenna

Dai luoghi nei qualitutto è cominciato – la zona di Porto Corsini, a Ravenna – ai ritratti dei tanti lavoratori, spesso famiglie intere, che hanno contribuito alla crescita de La Petrolifera Italo Rumena (PIR). Con la mostra fotografica “Il Centenario PIR–1920-2020”, dal 24 maggio al 14 giugno negli spazi della Galleria FaroArte, nel piazzale Marinai d’Italia a Marina di Ravenna, La Petrolifera Italo Rumenacelebra cento anni di attività. Un secolo di vita raccontato attraverso 47fotografiearticolateinquattro sezioni: Evoluzione del deposito di Porto Corsini, Ritratti, La PIR e Marina di Ravenna, la PIR oltre Porto Corsini e Marina di Ravenna.

Una narrazione per immagini che si snoda tra il primo Dopoguerra e i giorni nostri che mostra al contempo lo sviluppo del porto della città romagnola, dalle prime opportunità industriali legate al settore petrolifero, nel contesto di una economia ancora rurale, alle innovazioni tecnologiche degli anni Duemila. La mostra si apre con un focus sull’evoluzione del deposito di Porto Corsini, area che fu prima una base dell’aviazione americana poi, dopo la Grande Guerra, un motore di sviluppo economico per la città e il suo porto commerciale. Si conclude con pannelli che mostrano il Gruppo PIR oggi, con i suoi moderni terminal in un contesto profondamente trasformato dall’evoluzione delle infrastrutture, dall’automazione, dalla digitalizzazione e dalla globalizzazione.

Il percorso fotografico attraversa la Seconda guerra mondiale, le enormi difficoltà della ricostruzione (al termine del conflitto, nell’aprile del ’45, PIR era un ammasso di macerie) il miracolo economico degli anni Sessanta, i grandi investimenti infrastrutturali sul porto di Ravenna, la tumultuosa crescita del gruppo, che già alla fine del secolo scorso si era ritagliato un ruolo di primo piano in Europa nel settore della logistica dei prodotti liquidi.

E si sofferma sui volti e sulle storie delle persone che hanno contribuito allo sviluppo dell’azienda, a partire dai lavoratori impegnati ogni giorno nel compito di scaricare navi, caricare autobotti, riparare serbatoi, per arrivare alle varie generazioni della famiglia Ottolenghi, da Cesare –che fondò la PIR il 24 maggio del 1920 –a Guido, attuale Amministratore Delegato. La mostra è aperta tutti i giorni dalle 16 alle 19, in collaborazione con Capit Ravenna e Pro Loco di Marina di Ravenna. Le visite saranno gestite in base ai vigenti protocolli sanitari.