Domani open day dell’Istituto scolastico San Vincenzo de’ Paoli

Più informazioni su

Sabato 12 dicembre 2015, dalle ore 16 alle ore 18.30, è in programma l’open day dell’Istituto scolastico San Vincenzo de’ Paoli (via F. Negri, 28 Ravenna). Dopo l’accoglienza nel salone, sono in programma la presentazione dell’offerta formativa per l’anno scolastico 2016-2017, saggi di scuola viva nei tre ordini (Sezione Primavera, Scuola Elementare, Scuola Secondaria) e una merenda per le famiglie.

L’Istituto San Vincenzo de’ Paoli conta oggi circa 250 alunni, dai piccoli di 2 anni della Sezione Primavera fino alla Scuola Secondaria.

L’Istitutoha rappresentato l’Emilia Romagna al terzo Seminario nazionale sul tema “Infanzia e oltre. Una buona partenza per una buona scuola”, promosso dall’Ufficio Scolastico Regionale e dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

A nome delle Scuole dell’Emilia Romagna, la dirigente scolastica della San Vincenzo, prof.ssa Enrica Giovanetti, ha illustrato il Progetto di plurilinguismo verticale attuato dalla Scuola, diventata un esempio positivo nazionale in piena sintonia con le linee di indirizzo della riforma della “Buona Scuola” voluta dal premier Matteo Renzi .

“Si tratta del metodo di insegnamento più innovativo e moderno in assoluto – spiega la professoressa Giovanetti –, che colloca la San Vincenzo ai massimi livelli dell’istruzione primaria italiana. Non a caso, dopo la presentazione della nostra attività al convegno, numerose scuole hanno preso contatto con noi per visite mirate a ‘studiare’ sul campo la nostra metodologia. Grazie alla metodologia CLIL (Content and Language Integrated Learning) l’apprendimento dei contenuti attraverso le lingue, favorisce una maggiore elasticità e duttilità mentale nei ragazzi lungo tutto il percorso fino a 14 anni, consentendo loro il raggiungimento di competenze comunicative e cognitive tra cui il cosiddetto pensiero divergente, quello che, di fronte ad un problema, trova soluzioni inedite, una capacità che altri percorsi di studi non favoriscono”.

Più informazioni su