Romagna Faentina. Stage estivi retribuiti per studenti: coinvolti 28 giovani fino a settembre

Più informazioni su

Anche quest’anno l’Unione della Romagna Faentina ha attivato gli stage estivi retribuiti dedicati agli studenti più meritevoli delle scuole secondarie di secondo grado del territorio, estendendo la possibilità lavorativa fino a cinque settimane. L’iniziativa, che si concluderà agli inizi di settembre, vede coinvolti 28 studenti negli uffici dell’Unione e si inserisce nel quadro degli obiettivi promossi dall’Assessorato alle Politiche educative del Comune di Faenza per promuovere con maggior forza il raccordo scuola-lavoro.

Gli studenti partecipanti potranno così conoscere il funzionamento dell’Amministrazione comunale e acquisire le conoscenze e le competenze necessarie a operare all’interno di una realtà lavorativa. I servizi dell’Unione della Romagna Faentina che beneficiano dell’apporto delle ragazze e dei ragazzi coinvolti, sono: la biblioteca, il servizio tributi, il territorio, i servizi sociali, la cultura, il servizio infanzia, l’istruzione, la promozione economica e turismo, l’archivio, lo stato civile e anagrafe, gli affari generali, l’ufficio ambiente, la ragioneria e l’ufficio tecnico. Gli studenti, seguiti da un tutor nominato dalla scuola di appartenenza, percepiranno una borsa di studio pari a 100 euro per ogni settimana.

“Lo stage estivo” – sottolinea con soddisfazione l’assessore alle politiche educative del Comune di Faenza Simona Sangiorgi – “è una preziosa occasione di ulteriore formazione e crescita per questi ragazzi, che si inseriscono in una nuova dimensione lavorativa e possono così sia conoscere meglio le procedure che caratterizzano una Pubblica Amministrazione, sia instaurare rapporti di lavoro costruttivi, con l’opportunità di ricevere anche un utile riconoscimento economico”.

“I progetti in corso” – conclude l’Assessore – “contribuiranno a favorire l’approccio e la conoscenza del mondo del lavoro, consentendo anche la socializzazione degli studenti in un ambito diverso da quello scolastico”.

Più informazioni su