Nell’azienda agricola Punto Verde una caccia al tesoro con gli alunni della “G.Rodari” di Alfonsine

Mercoledì scorso presso l’azienda agricola Punto Verde a Bagnacavallo si è svolto il Pink Lady Day 2019 organizzato per la terza volta dal gruppo  Minguzzi Spa Consortile, distributore  autorizzato Pink Lady, la mela dal bollino a forma di cuore, protagonista di un boom produttivo e di consumi straordinario (quasi 2000 aziende produttrici in Italia, 185.000 tonnellate di mele prodotte nella scorsa annata, il triplo rispetto a 15 anni fa).

“Celebriamo – spiega Giancarlo Minguzzi, presidente OP Minguzzi – da tre anni a questa parte l’arrivo del nuovo raccolto con una mezza giornata dedicata alle scuole della zona. L’azienda ritiene questa giornata un’occasione fondamentale per diffondere i valori del marchio, che si riassumono nella sostenibilità economica e ambientale, un sistema di filiera molto rigoroso che garantisce il 100% di utilizzo e remunerazione del prodotto, una qualità organolettica costante e sempre più apprezzata dai consumatori, la giusta remunerazione dei produttori, la coltivazione responsabile dei frutteti nel rispetto della terra, dell’acqua e dell’ambiente naturale”.

“Per rinnovare l’appuntamento e renderlo più dinamico – continua Minguzzi –  quest’anno è stato creato un percorso sotto forma di caccia al tesoro, durante la quale gli invitati, gli alunni di quarta della scuola elementare “G.Rodari” di Alfonsine, si sono cimentati nella risoluzione di enigmi per scoprire gli impegni e le peculiarità di Pink Lady® Europe. Il gioco, intitolato “Matilde e il sortilegio di Halloween”, si è svolto interamente nell’azienda agricola Punto Verde a Bagnacavallo”.

L’evento si è aperto con un intervento di Giancarlo Minguzzi sull’importanza dell’attenzione che le aziende agricole verso la salvaguardia dell’ambiente nella produzione della mela “Pink Lady”, “ attraverso l’utilizzo delle api per l’impollinazione naturale e tutte le pratiche produttive eseguite nel massimo del rispetto ambientale”.

Sono seguite diverse e interessanti domande da parte degli alunni. È seguito poi il vero e proprio svolgimento del gioco. Gli alunni sono stati suddivisi in 4 squadre, ogni squadra è stata dotata di un kit composto da oggetti utili per la risoluzione degli enigmi. Una volta risolti tutti gli enigmi i bambini hanno trovato la combinazione per aprire un forziere contenente il tesoro; la giornata si è conclusa con una merenda.