Campus di Ravenna, incontro con Maria Cristina Carile su “Costantinopoli-Istanbul: tra visioni e monumenta”

Giovedì 9 gennaio, alle ore 17.30, a Palazzo Corradini, in via Mariani 5, a Ravenna la prof. M. Cristina Carile inaugura il ciclo di conversazioni che, partendo dal “Panorama di Istanbul” di Melchior Lorichs svelato lo scorso 12 dicembre, metterà in luce l’importanza del documento consentendo di riflettere sull’immagine di Costantinopoli fra realtà e rappresentazione.

“Partendo dal Panorama – si legge nella nota del Campus di Ravenna – la professoressa ci accompagnerà nel processo di costruzione dell’immagine della città avvenuto attraverso i racconti dei viaggiatori dall’epoca tardoantica fino all’epoca moderna. La lettura ed il confronto delle diverse testimonianze consentiranno di svelare la distanza tra il monumento e la sua percezione, scoprendo e ricostruendo il complicato processo che ha portato gli edifici reali sorti per le esigenze di una megalopoli dell’antichità ad assumere valori differenti per chi li vedeva.”

Questi temi possono essere indagati dalla prof. Carile in quantio bizantinista specializzata in arte e archeologia, dal novembre 2018 professoressa di storia dell’arte bizantina afferente al Dipartimento di Beni Culturali dell’Università di Bologna – Campus di Ravenna. Lo studio congiunto delle fonti materiali, visive e testuali caratterizza la metodologia applicata alla sua ricerca. Dopo essersi a lungo occupata di architettura e rappresentazioni architettoniche, attualmente si sta dedicando alla cultura artistica e alla circolazione dei codici di comunicazione visiva nel Mediterraneo tardoantico e bizantino. Ha presentato i suoi lavori a congressi e conferenze e tenuto seminari universitari in ambito nazionale e internazionale (Regno Unito, Francia, Serbia, Croazia, Turchia, Russia, Iran, USA).

L’evento rientra nella serie dei festeggiamenti per celebrare i primi 30 anni del Campus di Ravenna.