Quantcast

Giornate UNESCO a Giurisprudenza a Ravenna. Convenzioni internazionali sul patrimonio mondiale culturale

Dal 9 al 16 novembre si terranno le Giornate Unesco, dedicate alla presentazione del quadro giuridico delle convenzioni internazionali dedicate alla tutela e alla promozione del patrimonio mondiale culturale.

L’evento, organizzato nell’ambito del corso di Diritto internazionale della sede di Giurisprudenza di Ravenna del Dipartimento di scienze giuridiche dell’Alma Mater, è il risultato del lavoro, di imminente pubblicazione, del gruppo di ricerca guidato dalla prof. Elisa Baroncini e creato per ricostruire e diffondere la conoscenza del contributo e del ruolo del diritto internazionale nella definizione e nella protezione del patrimonio culturale dell’umanità, tema sul quale si soffermerà nella sua relazione anche il prof. Attila Tanzi.

Il sistema UNESCO, in particolare, fondato nel 1946, ha forgiato le convenzioni cardine per tutelare il patrimonio culturale in tutte le sue dimensioni, da quella di testimonianza dell’ingegno e della volontà creatrice dell’uomo a quella naturale, dai beni tangibili e quelli intangibili, sino ad includere la protezione della diversità culturale in cui l’umanità si è espressa nel corso della sua storia.

La città di Ravenna, con i suoi meravigliosi mosaici proclamati patrimonio UNESCO nel 1996, offre un esempio di eccellenza dei parametri di outstanding universal value (eccezionale valore universale) richiesti dal diritto UNESCO per includere un bene nella sua ambita lista.

Durante i 4 appuntamenti in programma, dei mosaici ravennati parlerà  l’arch. Nicoletta Gandolfi, mentre la prof. Valentina Orioli, vice-Sindaca ed assessora all’Urbanistica del Comune di Bologna, in quanto responsabile del progetto per la candidatura UNESCO dei portici bolognesi, illustrerà il percorso intrapreso per raggiungere il prestigioso riconoscimento, mostrando l’unicità dei portici bolognesi nel panorama mondiale, e le avanzate conoscenze tecniche e politiche ora richieste per affermarsi nella World Heritage List.

L’Italia, che, con i suoi 55 siti UNESCO, conduce la classifica internazionale, è sicuramente potenza di bellezza e di cultura: e, attraverso la conoscenza del suo ineguagliabile patrimonio artistico e naturale, a partire dalle sue radici storiche -esposte nelle Giornate UNESCO dalla prof. Alessia Legnani Annichini- gli studenti che si affacceranno alle professioni e lavoreranno nelle istituzioni potranno tutelare e valorizzare il patrimonio UNESCO ereditato dall’Italia, anche quale formidabile asset economico.

L’evento vedrà gli indirizzi di saluto del direttore del Dipartimento di scienze giuridiche, prof. Michele Caianiello, per sottolineare l’attenzione degli studi giuridici bolognesi ai temi dell’Unesco; di don Lorenzo Rossini, direttore dell’Ufficio Beni Culturali dell’Arcidiocesi di Ravenna-Cervia, che custodisce il patrimonio UNESCO della Città Romagnola; delle assessore alla Cultura e all’Università del Comune di Ravenna Elsa Signorino e Ouidad Bakkali, che da tempo accompagnano e sostengono le iniziative della sede ravennate di Giurisprudenza.

La ricerca è realizzata con il finanziamento della Fondazione Carisbo e l’evento è patrocinato dall’Arcidiocesi di Ravenna-Cervia, dalla Fondazione Flaminia e dal Comune di Ravenna.

IL PROGRAMMA delle 4 giornate: Il programma della Giornate UNESCO 

L’evento si terrà da remoto su piattaforma Zoom a cui si potrà accedere tramite il seguente link: https://unibo.zoom.us/j/85842951053