Quantcast

Romagna Faentina. Si è conclusa la III edizione della Summer School per orientare i ragazzi nel mercato del lavoro

Più informazioni su

La Fondazione Banca del Monte e Cassa di Risparmio Faenza, tramite il proprio progetto istituzionale del Contamination Lab, ha organizzato la terza edizione annuale della Summer School di orientamento al mercato del lavoro intitolata “Riconosci il tuo Talento”, su affidamento dell’Unione della Romagna Faentina (Settore Servizi alla Comunità – Servizio Politiche Giovanili) e grazie a risorse stanziate dalla Regione Emilia-Romagna. Tramite bando sono stati ammessi 13 ragazzi e ragazze del territorio della Romagna Faentina di età compresa tra i 17 e i 23 anni, che hanno trascorso un’intensa settimana all’interno della sede della Fondazione (nel complesso degli ex-Salesiani di Faenza) e in visita a diverse realtà del territorio.

Di fronte a un’offerta formativa sempre più variegata e a un mercato del lavoro che presenta opportunità ma anche incertezze, la Summer School si è posta l’obiettivo di offrire un percorso esperienziale e formativo incentrato su tre principi chiave: fornire conoscenze sulle principali tendenze di innovazione globale, approfondire le vocazioni imprenditoriali del territorio locale, e incoraggiare la sperimentazione e il riconoscimento delle proprie attitudini e capacità, per poter compiere scelte future motivate e consapevoli.

Nel corso delle prime giornate della Summer School, i partecipanti hanno assistito a lezioni e testimonianze di imprenditori, docenti universitari ed esperti di innovazione. In particolare, sono intervenuti il Dottor Francesco Matteucci (Innovation Manager, Consiglio Europeo dell’Innovazione), il Professor Giovanni Corazza (Università di Bologna, fondatore del Marconi Institute for Creativity) e il Dott. Francesco Fullone (Startup Mentor, Contamination Lab Faenza). Nei giorni successivi i partecipanti hanno potuto incontrare imprenditori e fare esperienza diretta di settori primari dell’ecosistema locale, dai materiali avanzati e la ceramica alle industrie culturali e al food & wine, con realtà rilevanti del territorio come Bucci Industries, AlphaTauri, Wasp, Gigacer, Museo Internazionale delle Ceramiche, Diennea MagNews, CineFood, DiWine Experience, Treré Agriturismo e Cantina, Gruppo Erbacci.

Con la collaborazione di facilitatori professionisti come l’Associazione Filò e Annalisa Fabbri (Startup Coach, Contamination Lab Faenza), nella seconda parte della settimana i partecipanti divisi in team, hanno poi svolto un articolato percorso laboratoriale di riconoscimento e valorizzazione delle proprie capacità e del proprio talento, un lavoro pensato per promuovere la costruzione delle competenze trasversali intese come ispirazione e motore della crescita individuale. I risultati di tale lavoro e dei progetti elaborati dai partecipanti sono stati presentati di fronte a stakeholder del territorio nel corso dell’ultima giornata.

Nelle parole rilasciate da alcuni dei ragazzi partecipanti, la Summer School ha rappresentato una opportunità formativa “sfidante”, “arricchente”, “entusiasmante” e “nuova, diversa”, che “ti pone davanti a nuovi stimoli, ti fa riflettere sulla persona che sei e su quella che vorresti diventare, ti permette un confronto diretto con gli altri”, permettendo di acquisire “più auto-consapevolezza, una nuova sicurezza di me, la necessità di credere nelle mie capacità e la voglia di migliorarmi”.

In conclusione, la terza edizione della Summer School costituisce anche l’opportunità di fare tesoro dei feedback ricevuti e dell’esperienza accumulata per continuare a sviluppare progettualità condivise tra Fondazione Banca del Monte e Cassa di Risparmio Faenza, Unione della Romagna Faentina, Regione Emilia-Romagna e imprese del territorio su tematiche strategiche riguardanti la formazione dei giovani e il loro orientamento al mondo del lavoro, in grado di innescare efficaci dinamiche di contaminazione e innovazione e quindi di sviluppo del benessere sociale e economico della comunità locale.

Più informazioni su