Quantcast

Una panchina rossa al Campus di Ravenna contro la violenza di genere

Il Campus di Ravenna, dopo la sede di Bologna, aderisce al progetto “panchina rossa” come simbolo contro la violenza di genere. Giovedì 25 novembre, in concomitanza con la giornata internazionale contro la violenza sulle donne, la panchina verrà inaugurata presso la piazzetta universitaria di via Mariani 5, Palazzo Corradini, sede dei corsi di Beni culturali e della Biblioteca universitaria. Un luogo scelto per la sua centralità e perché molto frequentato dalle studentesse e dagli studenti iscritti all’Università.

La panchina sarà accompagnata da una targa artistica in mosaico, creata dall’artista Anna Agati, frutto della sinergia tra Campus e Accademia di Belle Arti di Ravenna, cui va il ringraziamento per aver aderito con entusiasmo al progetto. L’adozione della panchina ha lo scopo di trasmettere il senso di protezione e attenzione da parte dell’Istituzione universitaria verso le proprie studentesse e studenti. Un messaggio sociale per mantenere l’attenzione sul fenomeno, e fare in modo che possa uscire dai confini domestici dove viene vissuto come un problema individuale. La panchina assume il valore di monito contro i femminicidi e allo stesso tempo simboleggia la forza resiliente delle donne.

Nei mesi scorsi la comunità universitaria è stata direttamente toccata dall’episodio di femminicidio che ha visto la morte, per mano del compagno, di una studentessa universitaria iscritta a Bologna, Emma Pezemo, alla quale l’Ateneo ha conferito la laurea alla memoria nel settembre di quest’anno e intitolato un’aula come segno dell’attenzione dell’Ateneo, che si impegna per la propria comunità ponendosi come modello fermo di etica morale e di educazione.

In questo solco si innesta la scelta del Campus di Ravenna. La professoressa Elena Fabbri, Presidente di Campus, ha fortemente portato avanti il progetto per dare forza al messaggio del contrasto alla violenza contro le donne in favore di una cultura di parità, affidando un momento di riflessione alla comunità universitaria, e non solo, con iniziative mirate di sensibilizzazione e presa di coscienza.

Alle 16.30, alla presenza della professoressa Cristina Demaria, Delegata del Rettore a Equità, Inclusione e Diversità, avverrà l’inaugurazione della panchina presso la piazzetta universitaria. Dalle 17, in aula 4, si terrà un incontro di approfondimento con testimonianze da parte del Maggiore Antonietta Petrone Comandante dei Carabinieri di Faenza, Alessandra Bagnara Presidente di Linea Rosa, e Martina Turci Studentessa della LM International Cooperation on Human Rights and Cultural Heritage.