Video mapping 3D delle ravennati Touchwindow e N.E.O. Visual Project per il National Day del Qatar

Spettacolare proiezione sul Model of Falcon Cap di Doha

Più informazioni su

In occasione della celebrazione del National Day in Qatar, le aziende ravennati Touchwindow e N.E.O. Visual Project, realizzano uno spettacolare 3D visual mapping sul Model of Falcon Cap di Doha. Immagini, video e ricostruzioni tridimensionali si uniscono a suoni ed effetti speciali in una creazione spettacolare ed emozionante.
Il Model of Falcon Cap si trova nel Katara Cultural Village di Doha, dove ha sede anche l’associazione culturale Katara, creata da HH Sheikh Tamim Bin Hamad Al Thani, emiro dello Stato del Qatar, allo scopo di promuovere la sensibilizzazione culturale organizzando festival, mostre, seminari, concerti, e tutte le forme di espressione artistica e culturale.

Katara ha da sempre celebrato il 18 dicembre il National Day, giornata di commemorazione nazionale dell’unificazione e dell’indipendenza del Qatar, organizzando e ospitando una serie di attività culturali e di intrattenimento che attirano migliaia di visitatori.

Con questo progetto N.E.O. Project si sta dunque allargando verso tutto ciò che è la comunicazione visiva connotata da una forte contaminazione dell’alta tecnologia, e non sorprende quindi l’interesse anche del governo dell’Azerbaijan nei confronti del gruppo ravennate, contattato per realizzare nel 2015 un’altra installazione durante la prima edizione a Baku dei Giochi europei.

Touchwindow di Cervia è l’azienda scelta per la realizzazione della proiezione architetturale a 360°. Insieme al regista ravennate Andrea Bernabini, N.E.O. Visual Project e al suo team di collaboratori, realizzano un’opera ad altissima intensità sonora e grafica, partendo dalle tradizioni del mondo arabo per valorizzare, attraverso musica e immagini il patrimonio culturale del Qatar e l’evoluzione della sua capitale Doha, città moderna e futuristica. Dal deserto alle geometrie e le architetture tipiche, dai falchi alle perle, le immagini evocative e i suoni si concatenano in un crescendo di emozioni per rappresentare l’essenza di un paese all’avanguardia che vuole promuovere la conoscenza e la propria identità attraverso tecnologie e nuovi sistemi di visualizzazione, per diffondere la consapevolezza circa l’importanza di ogni cultura e civiltà.

Per Touchwindow, azienda leader nella creazione di esperienze interattive che vanta, tra i progetti attivi, altre importanti esperienze oltre-confine, come l’allestimento multimediale del Museo della Libia, questo progetto rappresenta, più di altri, una importante sfida cui misurarsi: “Doha e, più in generale il Qatar, rappresenta una realtà nuova, in continua evoluzione; una città e un paese molto giovane dal punto di vista dell’apertura al mondo esterno ma al contempo caratterizzato da tradizioni antiche. La realizzazione della proiezione architetturale è una sfida estremamente stimolante”, dice Andrea Bianchi, titolare di Touchwindow. “Siamo contenti che l’Opera, per quella che è la festa più importante in Qatar, porti firma italiana. Un riconoscimento di stima che siamo certi ricambiare con un allestimento multimediale di altissima qualità e di sicuro effetto scenografico”.

“Questa commissione è motivo di enorme orgoglio per me e i miei collaboratori – sottolinea il direttore artistico di N.E.O. Bernabini – ma è anche un impegno davvero complesso. L’edificio è anomalo nella forma e nelle dimensioni, il colore della struttura è scuro, le difficoltà sono tante. Ma siamo ottimisti, potendo contare sull’uso della tecnologia più avanzata in assoluto al momento”.

 

Oltre Bernabini sono coinvolti i suoi collaboratori Sara Caliumi e Roberto Costantino (visual 3D) e Davide Lavia (sound design)

N.E.O. Visual Project è una realtà dinamica ravennate che si occupa di tutti gli aspetti della comunicazione audiovisiva con professionalità e uno stile che li contraddistingue. Tra i progetti in 3D mapping realizzati “Visioni di Eterno”, per la valorizzazione di Monumenti Unesco, e la sfilata dello stilista Ermanno Scervino.

Più informazioni su