Quantcast

Giannantonio Mingozzi su Brexit: “Unione Europea salvi l’Erasmus per gli studenti”

“Fin dalla nascita del Programma Erasmus, vale a dire opportunità di studio all’estero per gli studenti sostenuti da fondi europei, Ravenna fu tra le città che più credette alla promozione nelle scuole superiori e nelle sedi universitarie cittadine di una opportunità formativa straordinaria per i giovani europei”. Lo sottolinea Giannantonio Mingozzi, relatore a suo tempo sul tema “Ravenna e l’Erasmus” nell’ambito delle Celebrazioni del IX Centenario dell’Alma Mater dedicato proprio alle relazioni internazionali e alla firma della Magna Charta di tutti gli Atenei.

“Per più di trent’anni – continua Mingozzi – abbiamo promosso negli istituti ravennati dal Liceo Artistico al Classico ed allo Scientifico, dall’Itis Baldini al Ginanni, ed in tutti i corsi di laurea e dipartimenti cittadini il valore dell’etica comunitaria e della formazione vissuta nei principali Paesi d’Europa, Inghilterra compresa E Ravenna ha risposto, in particolare nell’ultimo decennio, con gli studenti che hanno scelto, come in tutta Italia, le destinazioni nell’ordine di Spagna, Francia, Germania e Regno Unito; a sua volta gli studenti inglesi che hanno scelto l’Italia sono stati anno scorso circa 1500, contro i 3500 e più italiani in Inghilterra.”

“Si dirà –  aggiunge Mingozzi – cosa c’entra Ravenna in queste statistiche: c’entra perchè non solo spagnoli o tedeschi hanno chiesto l’Erasmus ravennate o faentino, ma anche inglesi in particolare in Scienze Ambientali o Beni Culturali, nello studio del mosaico o nei corsi di legge. Senza contare tutti i giovani ravennati che hanno scelto il Regno Unito (ma anche Irlanda o Scozia) nei settori della finanza, assicurativo, del trading e manageriale linguistico e commerciale. Insomma, conclude Mingozzi, che il Regno Unito intenda uscire a fine 2020 dal Programma Erasmus costituisce un danno per quei giovani che vogliono difendere almeno la formazione in un contesto europeo unito; e Ravenna, celebrando il Sommo Poeta universalmente riconosciuto potrebbe chiedere all’UE di salvare almeno l’Erasmus europeo, senza quel vulnus britannico inconcepibile per le nuove generazioni”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da cromwell

    Forse più che un “vulnus”, la Brexit è l’occasione per tornare a ragionare di Europa delle patrie (crf. Charles De Gaulle).Nel frattempo le scuole ravennati potrebbero recuperare quello che era un loro punto di forza qualche decennio fa: l’insegnamento della lingua di Goethe.