Nuova fibra ottica a Punta Marina Terme: Luca Rosetti allarmato dallo stato dei lavori

Più informazioni su

Luca Rosetti, consigliere Territoriale del Mare e di Lista per Ravenna, ha rilasciato una nota stampa nella quale si dice molto perplesso circa lo stato attuale dei lavori per l’installazione della fibra ottica nelle località di Punta Marina Terme e Lido Adriano. “Da alcune settimane sono iniziati i lavori per la posa di una nuova fibra ottica anche a Punta Marina Terme” -esordisce Rosetti, scendendo nei particolari: “Non conoscendo il progetto, pensavo che la nuova “linea” fosse “ospitata” nella rete telefonica (ex sip) che arriva in tutte le abitazioni, esistente da sempre, da potenziare ove necessario, per evitare di “congestionare” ulteriormente strade e marciapiedi”.

“Purtroppo, a mio giudizio, è stato autorizzato un progetto che prevede una quantità incredibile di scavi, tagli, installazione di numerosi pozzetti di diverse dimensioni, posa di cavi sotto il manto stradale di poche decine di centimetri, armadietti di derivazione su carreggiate e marciapiedi. Il notevole impatto di così grande lavoro ha momentaneamente “aggravato” lo stato già precario di numerose strade e alcune che erano state oggetto di rifacimento parziale o totale da pochi mesi”. Rosetti rammenta come una situazione simile si fosse verificata anche a Lido Adriano: “Lo stesso è accaduto in precedenza a Lido Adriano. A Punta Marina T. e Lido Adriano, è possibile notare il posizionamento di alcuni pozzetti, tagli stradali e il temporaneo tamponamento con malta cementizia e asfalto. Ricordo che Punta Marina Terme e Lido Adriano sono località turistiche, che a fine aprile inizierà la nuova stagione. Tra operatori e cittadini, visto la dimensione dei lavori in corso e quanto accaduto in alcuni comuni interessati per la nuova infrastruttura, c’è qualche preoccupazione. Visto quanto sopra, si spera che i controlli dei tecnici comunali siano costanti, che l’appalto preveda il rifacimento del manto stradale interessato da tagli e posa pozzetti, con fresatura e ripristino di superficie maggiore rispetto a quella interessata, per ottenere una “riparazione a regola d’arte”; che la situazione strade e marciapiedi torni alla normalità entro metà aprile, prima dell’arrivo dei turisti, perchè il tardivo arrivo della Pasqua, con qualche giorno di ferie, potrà allungare le vacanze”.

Più informazioni su