Legambiente Ravenna sui nuovi parcheggi in centro: “Non è una risposta alla crisi degli esercenti”

Legambiente Ravenna ha commentato una nota del sindaco Michele De Pascale e dei rappresentanti di Confcommercio riguardo la possibilità di potenziare alcuni parcheggi inseriti nella cintura del centro storico come risposta alla crisi degli esercenti.

Una scelta che, a parere di Legambiente, non tiene conto del necessario cambio della mobilità in città e non interviene in una prospettiva di abbassare il tasso di motorizzazione, necessario ai fini del raggiungimento degli obiettivi del PAIR 2020 e del Patto dei Sindaci.

“Parlare di nuovi parcheggi non aiuterà a contrastare la crisi del settore  – sottolinea Legambiente. Piuttosto si rilancino le attività commerciali del centro opponendosi alla realizzazione ed ampliamento dei grandi centri commerciali come quello di via Antica Milizia”.

Inoltre, secondo l’associazione ambientalista, non esiste un’effettiva esigenza di nuovi spazi auto in prossimità del centro: “il parcheggio di via Guidarelli è la prova di questa analisi, in quanto spesso vuoto rispetto la propria capacità” – sostiene Legambiente.

Secondo gli ambientalisti è oltretutto impensabile tornare a polemizzare sulla scelta di aver liberato piazza Kennedy dalle auto: eliminare le auto dal centro storico significa restituire spazi ai cittadini costruendo una nuova cultura di vivere gli spazi, di concerto con la necessità di modificare le abitudini negli spostamenti in città come auspicabile dal Piano Urbano per la Mobilità Sostenibile (PUMS).

“I parcheggi per auto non sono certamente l’unica soluzione per popolare il centro storico, piuttosto si proponga di strutturare dei servizi di navette elettriche come già realizzato a Faenza e si valorizzi l’uso dei parcheggi scambiatori ai margini della città, anche attraverso incentivi economici.”

“Nell’ottica di fronteggiare l’attuale Emergenza Climatica ed il livello di inquinamento nel bacino padano, scelte discutibili a favore di una mobilità individuale basata sui combustibili fossili non sono sicuramente un elemento migliorativo. Rimaniamo sempre a disposizione per confronti, affinchè si valutino disposizioni migliorative” – conclude.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da franz

    I parcheggi sono spesso vuoti perchè le tariffe sono elevate. Il parcheggio all’inizio di via di roma dietro la porta era sempre pieno quando era gratuito adesso è quasi sempre mezzo vuoto. I parcheggi dovrebbero essere a minor costo e meglio fruibili e dove è finito il regolamento che prevede una % di posti liberi non a pagamento vicino a quelli a pagamento. Finita in un cassetto oppure aggirata. Il comune ha fatto parcheggi a pagamento anche a scapito della sicurezza(Vedi via santi baldini entrandovi da via di roma) posteggi a pagamento prima e dopo l’ingresso del parcheggio con l’arrivo di due auto pericolosissimo…nessuno che commenti, nella stessa strada c’è un avvallamento malmesso da oltre due anni pericoloso sistemato rendendolo peggio di prima, CONTROLLI SUI LAVORI..via delle industri rifatta lasciando i 50m messi peggio. COMPLIMENTI siete dei femìnomeni