Panchine rosse per dire no alla violenza sulle donne. La prima a Ravenna davanti al Carcere di Port’Aurea

E’ stata inaugurata quest’oggi, 24 novembre, davanti al Carcere di Port’Aurea la prima Panchina rossa di Ravenna, contro la violenza sulle donne.

In tutta Italia, da Sud a Nord, negli ultimi anni sono state installate centinaia di panchine rosse aderendo così al progetto lanciato dagli Stati Generali delle Donne per un percorso di sensibilizzazione e di informazione sul tema della violenza nei confronti delle donne. Diversamente alle mostre temporanee o agli eventi organizzati in occasione della Giornata contro la violenza sulle donne, la panchina rossa rimane ogni giorno presente nelle comunità, nei parchi, nelle piazze come monito per la difesa dei diritti delle donne e contro il femminicidio.

A Ravenna, sullo schienale della panchina rossa, realizzata dall’Associazione DIS-Ordine, campeggia la frase fatta pronunciare da Dante a Francesca da Rimini, nel V Canto dell’Inferno: “E ‘l modo ancor m’offende”. Un emblematico esempio di violenza sulle donne e una frase che potrebbe essere il grido di tutte le donne vittime di femminicidio. A decorare la panchina è stato posto anche un pizzo bianco, realizzato da nonna Eleonora 60 anni fa.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da loren

    Vorrei tutte le panchine rosse